Scusi, LEI PERCHE’ NON HA VOTATO? Arrabbiati, rassegnati e (…)

:
25 aprile 2018

Scusi, lei perché non ha votato? Sarà per paura della risposta, poco si investiga questo aspetto. Eppure alle elezioni del 4 marzo l’affluenza è stata di circa il 73% (dati Viminale), il risultato più basso della storia repubblicana per una elezione politica nazionale (Istituto Cattaneo), il raffronto con il 2013 non vale, si votava in due giornate. Anziché investigare su cosa ha tenuto tutta quella gente fuori dalle cabine elettorali, i giocatori in campo stendono un velo pietoso su un atteggiamento costituzionalmente riprovevole, cercando di nascondere la propria coda di paglia: 1. sono i non votanti ad averci fatto fuori, 2. non mi sono piazzato malaccio, ma il risultato è debole. Chiedere a Mattarella per credere.

Eppure il partito dei Non Votanti ha ben il 27% circa, sbaglio? Probabilmente sì, sbaglio, perché andrebbero distinte diverse posizioni antitetiche all’esercizio effettivo di voto, non basta una sottrazione per arrivare al dato secretato dei non votanti effettivi, per scelta, lo zoccolo duro dei “Non vado a votare neanche se mi ammazzano”. Comunque una percentuale sufficiente a posizionarsi appena dopo il Movimento 5 Stelle (circa 32%) e prima di Pd (circa 19%), Lega (circa 17%), ecc.  Ora, escludendo quelli che sono andati al mare (pochi, il 4 marzo tra una perturbazione e l’altra nessuno si è fidato a tirar fuori il costume), avranno ben avuto dei motivi questi irresponsabili.

Togliamo quelle/quelli che, ricoprendo funzioni di cura (altra categoria su cui non si investiga: i care-giver), non si potevano sganciare da ospedali, case di riposo e vigilanza privata di neonati/e, anziani/e, disabili, ecc. Togliamo la categoria dei “non ho neanche tempo di”, talmente vessati dagli adempimenti burocratici quotidiani da non essere riusciti ad infilare in agenda la scadenza del voto, questi vivono con gigantesco senso di colpa il mancato appuntamento con l’urna. Togliamo gli utopisti, che non credono alla rappresentanza (o sono più utopisti i credenti?). Togliamo quelli – e non sono pochi – che ritengono di aver ricevuto un torto dagli apparati statali, ad esempio, uno a caso, dalla Giustizia e considerano lo Stato un tiranno da abbattere. Togliamo anche quelli che hanno avuto un incidente e quelli che quel giorno hanno finalmente trovato con chi fare l’amore.

Restano, azzardo, due macrocategorie possibili, ma certe: gli arrabbiati e i rassegnati. Difficile ascoltare i primi, gli arrabbiati, per il tono esasperato e acusticamente esasperante con cui esprimono la propria posizione. Difficile aver risposta dai secondi, i rassegnati, che vocalizzano mugolii in bassa frequenza che si spengono nel silenzio. Evidentemente c’è un problema di comunicazione. Ora, anziché focalizzare le rare ricerche a monte sulla fiducia o meno al Parlamento da parte dei non votanti, perché non ci chiediamo che possibilità avevano di essere ascoltati a valle da qualcuno/a che, interloquendo, avrebbe potuto forse perfino intercettare il loro voto? O magari, so che è fantapolitica, cercare di orientare il programma in modo più inclusivo.

Capisco. Si aprirebbe un dibattito sugli sgomitamenti in quel che resta dei partiti. Sull’inconsistenza dei programmi escogitati mediaticamente al di là dei bisogni e della fattibilità reale. Sui voti di scambio e sull’equivocità dei “contratti” elettorali. Si dovrebbe prendere atto che la digitalizzazione ha fatto fuori ogni possibilità di umana aggregazione, cioè si metterebbe il dito sulla piaga. Anzi, si entrerebbe nella piaga fino al gomito, a mo’ di fisting.  E allora proseguiamo così, mentre si va svuotando il senso di quella che con linguaggio desueto era chiamata “partecipazione democratica”. Un bel danno per tutti e per tutte. Un torto marcio verso quelle sante donne delle Suffragette che si facevano menare, e qualcuna ammazzare, per il diritto di voto.

Alcuni pareri intercettati. Profetico: che ci andiamo a fare, tanto non vince nessuno. Femminista: l’unica donna che respira è Meloni, ma mica si può votare una fascista. Di destra: non c’è nessuno con le palle. Di sinistra: non c’è più la sinistra. Ambientalista: andiamo tutti a pulire l’argine, se facciamo in tempo veniamo a votare. Antivaccini: si sono già comprati anche questi. Qualunquista: sono tutti uguali. Egualitario: qualunque vinca, addio pensioni. Investigativo: ma se hanno messo in lista il capobanda! E poi: perché la scuola, perché la casa, perchè il lavoro. Eh, sì, davvero inascoltabili questi non votanti. Meglio concludere genericamente (Sise-Repubblica): “Quale che siano i sentimenti verso la politica, poi alla fine quello che conta è se si percepisce che le elezioni abbiano o meno una posta in gioco chiara, per la quale vale la pena uscire di casa”. E TU, PERCHE’ NON HAI VOTATO?

 

TAG: "politica"
CAT: Partiti e politici

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. beniamino-tiburzio 1 anno fa
    Dal giornale “ La Stampa “. “L’affluenza degli elettori al voto di domenica 4 marzo per rinnovare il Parlamento è stata del 72,9% *per la Camera e appena più alta (72,99%) per il Senato. È stata l’affluenza più bassa per le elezioni politiche nella storia repubblicana del nostro Paese: nel 2013, quando si poteva votare anche il lunedì mattina, l’affluenza era arrivata a poco più del 75% e aveva portato il numero di votanti per la prima volta in Italia sotto l’80%. Nel 1948 si superava il 92%. Gli italiani che avrebbero avuto il diritto di votare erano quest’anno 46.605.046** ma quelli che si sono effettivamente recati ai seggi sono stati appena meno di 34 milioni: 33.978.719. In altri termini, più di 12 milioni e mezzo di italiani sono rimasti a casa e non hanno votato. Dei 34 milioni che hanno ritirato la scheda, più di 350 mila la hanno restituita (per il voto alla Camera) senza compilarla e in totale le schede che sono state annullate sono oltre un milione: gli italiani che in effetti non hanno votato sono dunque più di 13 milioni e mezzo. E quelli che hanno votato meno di 33 milioni. *Falso ! La percentuale dei votanti sarebbel 70,19 %. Si facciano i calcoli. Corpo Elettorale mil. 50,78 : 100 = mil. 35,64 elettori recatisi alle urne : X X = 35,64 x 100 : mil. 50,78 = 70,19 % ( nota mia ) **Dato gravemente errato per difetto, per colpevole omissione di piu’ di 4.100.000 elettori all’estero, che sono uguali a tutti gli altri, per un totale di 50.782.650 ! ( nota mia ). R I E P I L O G O Corpo Elettorale 50.782.650 Voti validi espressi detraendo Astenuti-Schede nulle- Schede restituite-Schede bianche 33.897.944 Corpo elettorale che non ha voluto esprimere il proprio voto 17.884.706 Percentuale del non voto sul totale del corpo elettorale 33,24 % Percentuale dei voti espressi 66,76 % E’ falso il dato calcolato dalla Stampa e dal Ministero 73,00 % Di conseguenza sono false le percentuali dei tre schieramenti Centro Destra non 42,5 % bensì 33,39 % M5S non 32,20 % 29,29 % Centro Sinistra non 18,80 % bensì 21,35 % Ne consegue che la prima coalizione è il Centro Destra seguito dal non-voto, staccato appena dello 0,15 %. Commento. Antonella Barina, e come lei tutti i candidati alle elezioni, tutti i partiti e tutti i gazzettieri dell'asservito sistema mediatico italiano, ( classificato quest'ultimo fra i meno liberi del mondo dagli Organismi internazionali ), fa una pedestre suddivisione dei non votanti, non capendo o non volendo capire che in questo Paese, ormai, il partito del Non Voto, persegue, con grande intelligenza, una dura, ma inesorabile, lotta politica, non per una rivoluzione di cui il popolo italiano non è stato mai capace, bensì per un radicale cambiamento che, a parole, tutti proclamano di volere, me che, nei fatti, molti non vogliono. Alla domanda ( ingenua ) della sig.ra Barina rispondo come faccio sempre con tutti : " Io mi astengo dal voto perché sono il fondatore ed unico iscritto del M.E.A., Movimento Eversivo dell' Astensione."
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...