Zingaretti e i radical chic

:
7 Marzo 2021

Dopo “la mutazione genetica” che operò Renzi, questo partito, come ha detto anche Zanda, capogruppo al Senato, è senza una visione.
In realtà, deve essere sottolineato che Zingaretti non ha la prospettiva di un Occhetto, di un Veltroni, di un D’Alema, stando ai nomi contemporanei senza scomodare Berlinguer, Moro, De Mita e, più indietro ancora, Togliatti o il Magnifico Gramsci.
È senza un disegno politico, capace solo di mantenere con grande pazienza lo status quo fra correnti, famelici e spietati appetiti dei vari capibastone.
Proprio perché non è in grado di imprimere una sua spinta propulsiva, adibita al recupero di un elettorato di base, di ceti popolari, ha sponsorizzato Conte e -grave a dirsi- non ha mai preteso di promuovere un progetto, un premier, un “civil servant” da indicare al paese.
Ha gettato la spugna, perché si vergognava delle richieste di “sistemazione” politica dei vari capicorrente.
Dicono i giornali era già stanchissimo per quello che è accaduto con la spartizione dei sottosegretari.
Il partito è vecchio, obsoleto, incapace di un’uscita innovativa di riavvicinamento all’elettorato. Si dovrebbe privare dei suoi radical chic, dei “pariolini”, di quelli delle terrazze romane descritte con ironia tagliente nella “grande bellezza” di Sorrentino.
Perché o si scende in mezzo al popolo, si abbandonano le banche e le lobbies si mandano alle ortiche, quelli del giglio fiorentino che hanno rovinato questo partito, o la destra populista fagociterà tutto.
1-Proponga una riforma elettorale seria, riscoprendo Renzo Ruffilli.
2- Ponga al centro la questione meridionale.
3- Vada a parlare di salvaguardia del potere dei salari e dei redditi fra i leghisti, ma senza indossare i Rolex e maglie di cachemire di 1000 euro.
4- Proponga un partito o manifesto della Costituzione per il recupero dei poveri, che oggi sono anche quegli imprenditori o professionisti rimasti soli e senza tutela.
5- E mandi alle ortiche i capi bastone, convocando un congresso aperto anche alla società civile, perché li soppianti e li sostituisca.
Altrimenti questo paese sarà del “Truce Salvini”.

TAG: dimissioni, Nicola Zingaretti, Pd
CAT: Partiti e politici

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. lina-arena 1 mese fa

    il finale è stupido quando doice che ” questo paese sarà del truce Salvini. Oggi è nelle mani di un pugno di briganti che rubano a piene mani. Non c’è legge che non venga distorta o interpretata a favore deki maggiorenti o dei potenti e la Magistratura è al servizio dei potenti. E’ uno schifo. Leggete bene il libro di Palamara e capirete , se siete giunti a pagina 222 , in mano di chi siamo caduti. Bisogna rifare tuto. La magistratura non applica le leggi ma le interpreta, prima, nell’interesse dei prepotenti e dei potenti. Sappiatelo. Biagio Riccio si acculturi.

    Rispondi 0 0
  2. luciano 1 mese fa

    questa idea consolatoria della “mutazione genetica” che sarebbe stata operata da Renzi è completamente avulsa dalla realtà e, tra l’altro, renderebbe inspiegabile perché mai Renzi abbia potuto impadronirsi del partito e rimanerne dominus per anni con un consenso bulgaro. Il Pd non è una buona idea realizzata male, era proprio un’idea sbagliata. Qualcuno lo disse allora e pagò un prezzo. Adesso che lo vedono anche le talpe, è ora di riconoscere che va destrutturato per ristrutturare un quadro politico che abbia un senso.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...