Massimo
Crispi

bio

Come si può ricavare dall'avatar, Massimo Crispi è démodé. Un démodé alla moda, forse, o più probabilmente decide lui la sua moda del momento. Com'è démodé, in un mondo dove "oggi anche il cretino è specializzato", come notava Ennio Flaiano qualche anno fa, interessarsi a molteplici cose e provare a metterle insieme in una narrazione con [...] un senso, dimostrando che forse i punti di vista possono essere più di quanti si immaginino. Cosa c'è di più démodé? In questo suo mondo démodé Massimo Crispi si gode una gran pace, il rumore di fondo certamente c'è ma resta fuori. Scrittore, saggista, giornalista, cantante classico e meno classico, fotografo, giardiniere, cuoco e molte altre amenità che non risparmia a sé stesso né a coloro che ama (e che talvolta lo riamano), adora costruire ponti tra gli incontri che la vita gli pone sulla strada. Ed è un suo vezzo lasciare tracce, per chi voglia approfondire, naturalmente. Dalla Sicilia delle origini a Bologna, Venezia, Milano, Parigi, Barcellona, Firenze e ai mille posti dove hanno posato le sue sacre piante le sue narrazioni sono come le briciole di Pollicino. Chi vuol seguirle, le segua.

Altro Chiudi
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 03/04/2020

in: Numeri da circo

Potrebbe dirmi per favore quali sono le bufale sugli immobili della Chiesa e perché?

Pubblicato il 23/03/2020

in: Dacci oggi il nostro lager quotidiano

alding, lei mi diverte molto ogni volta che trovo un suo commento ai miei interventi perché mi detesta ma mi legge sempre. Però sono curioso di sapere cosa mai la disturberà che restino le mie tracce nella rete. Se è per questo restano anche le sue. In cosa consisterebbe la gravità?

Pubblicato il 22/03/2020

in: Dacci oggi il nostro lager quotidiano

Io credo che non sia una prerogativa degli italiani ma che sia diffusa un po' ovunque. Non creda che i tedeschi o i francesi o gli inglesi, in generale, siano meglio informati di noi. La mediocrità è ben distribuita ovunque. C'è una ragione che è la mancanza di istruzione e l'esercizio di codesta istruzione, il [...] coltivarla, il rinverdirla. Che vuol dire rinverdirla sempre criticamente, magari mettendo anche in discussione antiche idee che davamo per acquisite una volta per tutte. Sui politici italiani non saprei su chi scommettere. La signora Meloni non mi sembra né meglio né peggio degli altri. A giudicare dalle sue battaglie e da ciò che dice mi sembra 'na poraccia, che forse spicca sulle nane bianche intorno a lei perché è un po' meno bianca e quindi si distingue. Ma ripensare a tutti i video che ha avallato, tra cui quello fondato sulla canzone del Piave, e quel video ridicolo con i bigliettini "non votate con il culo", eccetera... non so se ricorda. Erano video di Fratelli d'Italia. Sa, xxnews, la rete conserva le tracce d tante cose e quando si diventa deputati, ossia persone pagate da tutti noi, di qualsiasi colore e dimensione, certi ricordi sono assai ingombranti.

Altro Chiudi
Pubblicato il 22/03/2020

in: Forse il Coronavirus aiuterà gli Italiani a guarire dall'egocentrismo. Forse

vede signora Marina Nasi, la volgarità è stata la sua, che mi ha attribuito un preciso desiderio di libertà di starnutire addosso al prossimo, non mia. Ci rifletta nelle sue meditazioni yoga. Può darsi che se ne renderà conto. O forse no, perché tanto quelli volgari sono sempre gli altri, quelli egocentrici sono sempre gli [...] altri, sempre gli altri. Lo sa che anche questo modo di pensare è una forma di egocentrismo? Se volessimo analizzarlo potrebbe essere proficuo.

Altro Chiudi
CARICAMENTO...