Pierluigi
Dimitri

bio

Classe 1994, membro attivo dell'associazionismo universitario e d'impresa. Collabora con i suoi partners e alcune testate giornalistiche nella produzione quotidiana di contenuti per migliaia di utenti, attraverso canali diversi. Alma Mater Studiorum di Bologna, Scuola di Giurisprudenza (Single cycle degree/Combined Bachelor and Master).

BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 20/11/2018

in: Altro che ICI, ecco cosa ha evaso veramente la Chiesa

Caro Tozzi, leggerò senz'altro. Onore mio poterti dare del tu, e sono lieto che tu lo faccia. Per il resto, oltre a quello che ho già commentato, sono d'accordo quasi su tutto ciò che hai detto. Buona giornata!

Pubblicato il 19/11/2018

in: Altro che ICI, ecco cosa ha evaso veramente la Chiesa

Gent.mo Lettore, le mie conclusioni hanno l'obbiettivo di scuotere certamente non il Vaticano quanto chi oggi si professa apertamente anti-clericale difendendo la Costituzione e dimentica che i Patti Lateranensi tanto odiati sono fatti salvi proprio dai Principi Fondamentali. Il richiamo all'antifascismo è voluto proprio per chi ancora oggi considera il fascismo la manna dal Cielo [...] per il clero, attribuendone grandissimi favori e invece, come ha già specificato Lei, si è trattato di un semplice do ut des con chi cercava di ottenere una legittimazione politica. Se fosse stato SOLO per questo, la Costituzione repubblicana sarebbe stata scritta senza grande considerazione per i rapporti d'Oltretevere. Libera Chiesa in libero Stato significava proprio quanto ha detto lei, eppure le leggi eversive furono molto più severe del dettato lasciato da Cavour (consiglierei di andare a leggere quelle oltre al Cardia). Ma non prendo tanto posizione sulla legge del Regno, quanto su un passato che gli italiani dimenticano. Il titolo è aggressivo, ma le conclusioni non lo sono: La Chiesa è anche carattere distintivo del DNA del nostro popolo, che piaccia o no, e anche quando abbiamo fatto di tutto per sottometterla ci siamo resi conto che sbagliavamo e per fortuna (secondo me) abbiamo chiuso gli occhi. Sta a noi liberali impedire derive teocratiche per la legislazione vigente o che la religione cattolica sovrasti le altre e goda in via esclusiva di moltissimi privilegi. Sull'ICI poi si è fatta parecchio confusione, mi sarebbe piaciuto scrivere di questo ma ci ha già pensato in maniera magistrale Avvenire, che come al solito è stata molto attenta (ma anche onesta) sulla questione. La vera evasione o raggiro non è stato certamente delle norme tributarie ma di ben'altro (ed è stato un bene), infatti approfitto di questa risposta per ricordare come la Redazione non ha reso giustizia a questo articolo con il titolo del primo post di Facebook, dove si accennava a questioni fiscali che non ci sono per niente. Inoltre da liberale voglio anche fare una critica velata sul finto - a mio avviso - liberismo di una parte della legislazione separatista. Spero di essere stato più chiaro. La ringrazio per il commento. Distinti saluti. P.S. Forse una buona parte delle mie conclusioni coincidono con quelle del Cardia ma parlo per me, i riferimenti al giurista sono per la parte tecnica. Grazie!

Altro Chiudi
CARICAMENTO...