Perché in Catalogna è giusto votare, e regolarmente

:
30 Settembre 2017

Il referendum d’indipendenza catalano, autoconvocato per domenica 1 ottobre e dichiarato illegale dalla Corte Suprema, ha riacceso il dibattito sulle rivendicazioni indipendentiste, che nascono con la stessa costituzione della nazione spagnola. Non è questa la sede per una cronistoria della questione, ma sicuramente il referendum autorizza delle considerazioni tanto sulla legittimità dell’indipendentismo che sulla gestione della vicenda da parte del governo spagnolo.

Occorre, innanzi tutto, sgombrare il campo dall’equivoco che vede le rivendicazioni catalane come mero regionalismo. La questione catalana, che oggi riguarda 7 milioni e mezzo di persone, nasce con lo stesso Regno di Spagna, pertanto ha radici storiche, politiche e culturali profondissime. L’elemento identitario più evidente è certamente la lingua catalana, mai abbandonata nonostante la messa al bando durante il franchismo e il bilinguismo ormai instauratosi nella regione. Potrebbe sembrare poco, ma così non è: storicamente la lingua è sempre stata uno dei principali elementi d’identità nazionale, e chi scrive la considera come la più forte estrinsecazione dello spirito di un popolo, al punto da essere quasi sempre elemento sufficiente a distinguere tra due popoli. A ciò si aggiunga poi l’atteggiamento di costante dissenso avuto dalla Catalogna verso il franchismo e la repressione linguistico-culturale subita in quegli anni, che come ogni repressione ha avuto l’effetto di saldare ancora di più l’orgoglio identitario della regione.

 

Ovviamente, nella rivendicazione d’indipendenza entrano in gioco anche dinamiche di altro tipo, ma la base su cui si innesta l’avversione alla Spagna è, appunto, il riconoscersi in un’identità nazionale diversa da quella spagnola praticamente da sempre (verrebbe da pensare, tra l’altro, che se in diversi secoli la Spagna non è riuscita a creare un’identità comune, allora merita di veder andar via la Catalogna). Sbaglia dunque chi vede nella Catalogna un semplice regionalismo; sbaglia Salvini ad associare Padania e Catalogna. La Catalogna, più che alla Padania, somiglia all’Ulster; più che a Pontida, Barcellona rimanda a Derry. La domanda di fondo quindi non è tanto se i catalani siano un popolo, ma se la loro identità nazionale può trovare pieno riconoscimento nello Stato spagnolo o se non sia meglio che essi ne abbiano uno loro.

 

Ma proprio in quest’ottica, la gestione da parte del governo di Madrid appare miope e ingiusta. Miope, perché da anni si barrica dietro l’illegittimità costituzionale (come se il problema di fondo fosse giuridico e non politico) e si rifiuta di fornire maggiori autonomie, che avrebbero accontentato gli indipendentisti più moderati spaccando dall’interno il fronte catalano. Certo è vero che la Catalogna gode già di uno status molto autonomo, ma in questo senso viene da pensare al caso scozzese, dove l’ascesa degli indipendentisti è stata fermata prima concedendo maggiori autonomie e poi permettendo il voto: come risultato, gli scozzesi hanno votato per restare, l’indipendentismo si è affievolito e lo Scottish National Party, il partito indipendentista, ha perso molti seggi nelle ultime elezioni. Ma l’operato del governo, negli ultimi giorni, è apparso anche profondamente ingiusto, perché ha avuto eccessi repressivi degni, di fatto, di una dittatura. Non si può leggere in altro modo, ad esempio, l’arresto dei sindaci e degli amministratori locali che esprimevano supporto al referendum.

 

Il risultato è stato quello di non comprendere l’essenza delle rivendicazioni catalane e di inasprire la situazione, alzando in maniera pericolosa la tensione e facendo temere per gli scenari possibili nella giornata del voto. Comunque la si pensi sulla questione catalana, è ormai chiaro che il realismo politico debba prevalere, permettendo ai catalani di votare e, anzi, di farlo presto in maniera regolare e riconosciuta, indipendentemente dall’esito paventato.

TAG: barcellona, catalano, Catalogna, indipendenza, madrid, referendum, spagna, Votazioni
CAT: Autorità indipendenti, Partiti e politici

4 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. beniamino-tiburzio 3 anni fa

    C’è poco da sottilizzare. L’azione repressiva del Governo di Madrid integra un sopruso tipico dei regimi dittatoriali, verso i quali io non ho alcuna antipatia pregiudiziale. E’ solo necessario che le anime belle della tanto decantata ( pregiudizialmente ) democrazia se ne rendano conto.

    Rispondi 0 0
  2. cantelmo19 3 anni fa

    La democrazia non è che un ideale stilizzato versato in un calice da far bere al popolo ubriacandolo di illusioni, salvo poi dare botte in testa quando le persone si svegliano ricordandosi di aver diritti da rivendicare in nome di una carta scritta e mai rispettata.

    Rispondi 0 0
  3. pbb 3 anni fa

    Il mondo è bello perché è vario. A mio parere il referendum va impedito. poiché è totalmente illegale minoranzadal punto di vista giuridico e costituzionale, è del tutto illecito da quello politico. E’ un tentativo di “colpo di stato” locale. Peraltro, su 5.5 mio di cittadini, in piazza ieri ce n’erano 80mila, con lo stadio Camp Nou che ne contiene 100mila, in un grave contesto di intimidazioni verso i favorevoli alla Spagna, e molto altro. Cortesemente niente insulti, grazie.

    Rispondi 1 0
  4. percettivo 3 anni fa

    Sempre gridare alla dittatura come “al lupo al lupo”, Madrid non ha mandato i carri armati CCCP stile Praga ’68 né ha fatto una sanguinosa repressione stile Irlanda del Nord stile civilissima UK, ma ha cercato di impedire una attività illegale e illegittima. E non poteva fare altro, perché come in qualsiasi altro stato di diritto il premier deve agire e ordinare azioni secondo legge in difesa della Costituzione.
    Si è a questa situazione sia per colpa della chiusura negoziale sull’autonomia fiscale da parte di Rajoy sia per colpa da una Generalitat che a capo basso ha indetto un referendum che è illegittimo per la costituzione spagnola (vigente anche in Catalogna), illegale per le modalità e i dispositivi legislativi con cui è stato forzatamente indetto (secondo lo Statuto Catalano) e antidemocratico per l’assenza di un quorum e di meccanismi di controllo della regolarità del voto.
    E il tutto aggravato dal fatto che da anni chi vive in Catalogna ed è per la Spagna, i cosiddetti unionisti, vengono non solo emarginati e trattati da cittadini di serie B ma fortemente intimiditi se esprimono attivamente le loro idee.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...