E per Renzi è pronto il nuovo Palazzo Chigi volante firmato Abu Dhabi

19 Ottobre 2015

È atteso tra pochi giorni a Roma il nuovo aereo di rappresentanza della Repubblica Italiana, un quadrimotore Airbus A340-500 ben più grande degli A319 finora a disposizione. Matteo Renzi lo userà subito, partendo verso l’America Latina con un codazzo di gornalisti.

Sul forum Aviazione Civile ci sono queste foto, pubblicate da “filippomartinix98”, dell’aereo fresco di riverniciatura con i colori della Repubblica, nell’hangar di Abu Dhabi, perché si tratta di un aereo appena dismesso da Etihad, la compagnia aerea del Golfo a cui Renzi e Letta prima di lui hanno affidato il compito di salvare Alitalia.

Renzi 02

Renzi 01

A che cosa serve questo gigante dei cieli? A volare senza scalo verso le più lontane destinazioni immaginabili, in pratica solo l’Australia e la Nuova Zelanda sarebbero escluse. È così importante poter volare senza scalo? Certamente sì, se sei il Presidente degli Stati Uniti e devi essere sempre in grado di scatenare la terza guerra mondiale. Gli scali, come gli USA impararono a Sigonella, fanno perdere sovranità.

È facile obiettare che per l’Italia uno scalo tecnico sarebbe al massimo una scocciatura, che si tratta di pochi voli intercontinentali l’anno e che lo scalo ora è necessario raramente, perché gli A319 hanno già una buona autonomia, ad esempio consentono a Renzi di volare non stop da Roma fino a New York, per vedere una partita fra due tenniste italiane.

Per portare ovunque Renzi e lo staff basterebbe un jet privato adeguato, infinitamente meno costoso, ma evidentemente Renzi vuole fare come il papa, avere sempre intorno tanti giornalisti a cui fare una conferenza stampa infinita, trasformare il volo in happening, magari licenziare in diretta un sindaco. Gli A319 attuali sono attrezzati allo scopo, ma limitati nell’autonomia e sono piccoli narrowbody, aerei a corridoio singolo, mentre l’Airbus A340-500, in breve A345, è un widebody, con due corridoi, come gli aerei di Stato di quasi tutti i Paesi simili al nostro per dimensione.

EXPO ha portato a Milano, per la gioia degli spotter che li hanno immortalati, gli aerei di Stato di tantissimi Paesi, che sono in effetti più della categoria widebody che di quella narrowbody che al nostro Presidente del Consiglio stava stretta. Michelle Obama invece è arrivata con un grosso narrowbody, ma si trattava dell’utilitaria a disposizione della Casa Bianca, un Boeing 757 peraltro accompagnato da aerei da carico militari per le auto blindate etc.

Il 340-500 è probabilmente uno spreco, ma così fan tutti e Renzi non è tipo da avercelo più piccolo quando si discute al bar. Come dicono gli Inglesi, the difference between men and boys is the price of their toys e per il nuovo giocattolo di Renzi paga Pantalone, alla faccia della spending review passata di moda.

Imbarazzante è però la scelta dell’aereo. Si tratta di un modello recente, ma passato di moda perché le rotte in cui quell’autonomia è necessaria sono rare, il costo aggiuntivo è alto, anche per la presenza di quattro motori, che forse può dare più libertà nella scelta delle rotte e un’infinitesimo in più di  affidabilità, utile magari a Obama o a Putin. Scartati dalle linee aeree in favore di modelli meno sofisticati e a due motori, gli A345 valgono poco sul mercato dell’usato, il canone di leasing è basso per controbilanciare i maggiori consumi, che non preoccupano se l’aereo verrà usato saltuariamente.

Non sappiamo nulla del costo del leasing pagato dall’Italia, a cui va aggiunto quello della preparazione dei piloti dell’Aeronautica Militare, fin qui non abilitati a quel modello, Potrebbe essere conveniente, potrebbe non esserlo, sicuramente l’affare è stato fatto dal vecchio proprietario, che si libera di un usato molto difficile da piazzare.

Come si vede dalle marche A6-EHA, il proprietario è Etihad, la linea aerea che ha “salvato” Alitalia e a cui bisogna restituire favori. Restando scettici sulla possibilità che l’intervento emiratino possa mai rendere profitti, ci si chiede da tempo quali contropartite abbia promesso sotto banco l’Italia all’Emiro. La scelta dell’usato ad Abu Dhabi, piuttosto che altrove, è un segno di quello che verrà.

Infine, una nota pedante. La stampa  riempirà i titoli di “Air Force One” di Renzi, ma Air Force One è il nome, il call sign di qualunque aereo su cui sia a bordo il Presidente degli Stati Uniti d’America. L’aereo su cui vola il nostro Presidente della Repubblica è sempre I-9001, o INDIA 9001, quello del Presidente del Consiglio dovrebbe essere I-9002 o INDIA 9002.

 

La foto del titolo è di Claus Witte.

TAG: Matteo Renzi
CAT: Bilancio pubblico, Governo

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. luciano-di-camillo 5 anni fa

    Il Sig. Premier (a cui si auspicano sempre auguranti traguardi pro Popolo sovrano), certamente, non passerà alla Storia nel senso che venga ricordato nei libri di scuola o di vita (es., come x il d’Annunzio, a cui si chiede venia x averlo così scomodato), ma, pur’anche con la velocità della luce, qualche volta sarebbe bene citarlo x aver dimostrato che si possano attuare le cose più strane ed irrazionali nello gestire la res publica, soltanto in una Terra con particolari normative e modus operandi in generale (vds, varie realtà concretizzatesi anche in modo anticostituzionale).
    Pertanto, a proposito del ” Nuovo Palazzo Chigi volante”, il pensiero corre veloce (e, non certo con il widebody) verso quelle numerose brave ed incolpevoli persone che in modo spartano riescono ad arrivare alla prima decade del mese e, successivamente, a terminare il medesimo mese, in modo più o meno caritatevole; ed avranno fatto tanti oscuri sacrifici x la Patria.
    Quindi, il Nostro, giammai una specie di dittatore, ma, in un certo senso, l’imperatore dei poveri, sì.
    Così va il mondo, o meglio, così si … vola nel mondo !
    Luciano Di Camillo

    Rispondi 0 0
  2. luciano-di-camillo 5 anni fa

    … e, le indifferenti nuvole stanno a riguardar !
    Luciano Di Camillo

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...