Catalogna: questioni di logica

:
1 Ottobre 2017

In queste ore si sprecano le dichiarazioni sulla Catalogna, a favore e contro. Ci soffermiamo su un’incoerenza, che mette in dubbio le capacità logiche dei protagonisti.

Innanzi tutto, il tribunale costituzionale dichiara che non è possibile un referendum sull’indipendenza. L’autodeterminazione dei popoli valendo solo in caso di invasionerepressione, discriminazione, e genocidi, non sembra che la Catalogna, da sola, possa secedere dalla Spagna. I casi di Timor Est e del Kosovo, che abbiamo visto in questo secolo, sono molto diversi. Perciò, senza un accordo politico, nessun referendum può essere indetto e, se indetto, non ha nessun valore. Più chiaro di così…

Per i catalani, che hanno dalla loro una storia e un’identità locale molto forte, imperniata intorno alla loro lingua, il referendum avrebbe però avuto un forte valore simbolico. Lo stesso, probabilmente, per Madrid, ma in senso negativo. Ecco perché i primi hanno deciso di non rinunciarvi, contribuendo ad esacerbare, tra i secondi, gli animi dei nostalgici di Franco.

Non me ne vogliano i lettori spagnoli se definisco così le legittime forze dell’ordine (quelle catalane hanno deciso di disobbedire), e i legittimi politici di Madrid. Come definire, altrimenti, l’arroganza e la violenza cui abbiamo assistito? C’era bisogno di trascinare gli anziani, manganellare cittadini illusi di votare, spaccare tutto, sparare (proiettili di gomma), rompere le dita, compiere atti di sessismo? No, non ne avevamo bisogno. Le forze dell’ordine inviate dal governo centrale hanno agito non in difesa dei cittadini, bensì abusando di loro, come sempre accade quando si lascia intuire l’impunità dietro ogni atto di questo tipo. La tenuta della democrazia spagnola, non in quanto governo della maggioranza bensì in quanto sistema di garanzie dei diritti, ne risulta indebolita.

Il referendum, se avesse avuto luogo, sarebbe stato illegale, si diceva a Madrid, e quindi di nessun valore. Evidentemente così non deve essere, visto l’impegno che è stato profuso nell’impedirne lo svolgimento.

Eppure, eppure: o ha valore, visto che non vuoi che si tenga, oppure no, e allora lascia fare. Invece lo si impedisce con la violenza (tutto regolare, e l’impiego della forza sarebbe proporzionato) e se ne nega il valore (non avrebbe avuto luogo alcunché, secondo alcuni). Ecco l’errore logico, e il dramma politico di queste ore. Sembra che tutti abbiano perso la capacità di ragionare valutando le conseguenze dei loro atti e il senso delle loro dichiarazioni.

I nazionalisti non avrebbero mai ottenuto l’indipendenza, e la gente che abita in Catalogna non avrebbe chiesto la secessione, ma solo un’autonomia sempre più spinta. Da oggi, però, le cose saranno diverse. In Spagna si è rotto qualcosa, e non solo i vetri delle scuole.

 

 

TAG: indipendenza catalogna
CAT: diritti umani

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. epimeleia 3 anni fa

    Di sicuro il governo Rajoy porta la responsabilità dell’incapacità politica di gestire questa situazione. D’altronde all’origine c’è l’intervento del PP qualche anno fa per bloccare un altro referendum autonomista (non indipendentista). Di fatto in questo modo il governo ha regalato all’indipendentismo la gestione del referendum di ieri. La violenza contro i cittadini da parte delle forze dell’ordine, seppure siano le uniche legittimate all’esercizio del monopolio della violenza, è inaccettabile. Come anche una vicenda referendaria con scheda stampate a casa.
    Poi tanti giornali evitano di sottolineare l’affluenza scarsa (41%), nonostante il pathos creatosi per l’insipienza governativa. E il 10% di questi pochi (per una questione così importante) votanti ha addirittura votato NO.
    Insomma, un bel pasticcio adesso da sbrigare. Più grande di quello che sarebbe stato un semplice referendum, senza polizia e senza forzature da entrambe le parti (anche annunciare la secessione unilaterale lo è).
    Comunque proporrò nella nostra scuola agli studenti domani la lettura di questo articolo, prezioso perché stiamo per l’appunto trattando di logica e mi chiedevano di approfondire la situazione catalana.
    Bis zum nächsten Mal!

    Rispondi 0 0
  2. epimeleia 3 anni fa

    PS
    Firmato: Lorenzo

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...