La cittadinanza deve essere meritata? Togliamola agli italiani non meritevoli

13 Ottobre 2017

La cittadinanza non è un diritto che si acquista per nascita? La cittadinanza è il coronamento di un percorso di integrazione? La cittadinanza è legata all’identità nazionale? La cittadinanza è partecipazione a un sistema di valori condivisi? Io credo di no, ma in questo post voglio fingere di crederci, e voglio trarre le conclusioni da questo ritornello che ci viene somministrato da mattina a sera dalle televisioni e dai giornali, dalla politica e dai salotti. Voglio crederci e trarre le conseguenze logiche di queste perle di saggezza, e chissà che alla fine queste conseguenze non finiscano per convincermi a crederci davvero.

Se credo in questa sequenza di affermazioni la logica mi porta immediatamente a chiedermi cosa possa avere in comune uno come me con molti altri che come me hanno avuto la sorte di nascere in questo paese? Se non fingessi di credere in questi principi, mi verrebbe da chiedere cosa mi lega a questo Mario Giordano che con la voce in falsetto da ogni canale mi strilla nelle orecchie principi che non condivido. Cosa mi lega a un Maurizio Lupi e a questi cattolici integralisti che si contrappongono a quello che la stessa Chiesa cattolica ritiene ufficialmente cosa buona e giusta. Ma anche nella finzione che mi sto imponendo, di credere in queste supercazzole sulla cittadinanza, mi continuo a chiedere quali valori io abbia in comune con un Matteo Salvini. E soprattutto quali valori ho in comune con quelli che vogliono ri-marciare su Roma.

E allora qualcuno tra noi la cittadinanza la deve perdere. Se acquisire la cittadinanza deve essere soggetto a condizioni, allora il venir meno delle condizioni deve consentire di perderla. Se condividere una cittadinanza significa partecipare alle spese pagando le tasse, come fanno i genitori di quelli cui si impedisce di applicare lo ius soli, allora chi evade le tasse deve essere privato della cittadinanza. E quali valori mi troverei a condividere con i mafiosi? Eppure io devo essere costretto ad avere un sistema di valori comune con un mafioso e non con quelli di una badante straniera?  Se non posso avere cittadinanza comune con questa ultima, allora togliete anche la cittadinanza ai primi.

Se si ammanta la questione della cittadinanza di valori, allora la conseguenza logica è che questi valori devono valere per tutti. Altrimenti dobbiamo concludere che essere italiani è una questione di casta. E’ un tratto di miseria e nobiltà che ci tramandiamo di generazione in generazione. Purtroppo, i propugnatori dello ius soli non possono usare questo argomento contro i Salvini, i Meloni e i Lupi, perché anche loro condividono la stessa contraddizione di fondo, quando per esempio distorcono il concetto puro e naturale dello ius soli con quello per me aberrante di ius culturae. Ius culturae? E allora quel commilitone pugliese che non era capace di parlare italiano non era un mio concittadino? E non devo sentire comunanza con la massa di braccianti e contadini sterminati nelle trincee della prima guerra mondiale? E forse i miei nonni stessi non avrebbero soddisfatto i requisiti di questo ius culturae. In fondo, “son della razza mia il primo che ha studiato”.

E allora, se siamo davvero tutti d’accordo che questa cittadinanza ha a che fare con valori o requisiti, cioè con qualche cosa che ci distingue dal non cittadino, non ci limitiamo a non concederla a chi è nato qui da genitori stranieri, e cominciamo a toglierla a chi non la merita. Potremmo anche toglierla per un tempo definito, come nelle vecchie pratiche dell’ostracismo e dell’esilio. Pensate come sarebbe bello. Mentre Salvini fa lo sborone perché rappresenta il 14% della metà degli italiani che vanno a votare (7%, per ogni cittadino che soddisfi lo ius culturae), gli altri scrivono il loro nome su un pezzo di terracotta e lui se ne va fuori dai marroni per dieci anni. Ovviamente non si può fare.  Se non altro, per il fatto che spedire Salvini in un altro paese equivarrebbe a un atto di guerra.

Però gli oppositori dello ius soli ci offrono una via di uscita. Mario Giordano ci ripete che nessun diritto è tolto ai bambini cui è negato lo ius soli. Ecco, se la logica non è un’opinione potremmo togliere la cittadinanza ai cittadini non meritevoli senza mandarli via. Restano tra di noi e semplicemente non possono fare niente di quello per cui è richiesta la cittadinanza. Che sarà mai? Ovviamente se delinquono, li possiamo ancora mandare in galera, perché è noto a tutti che in fondo le galere sono piene di “non cittadini”. Ma se uno è un evasore fiscale, è noto che noi in Italia non lo mandiamo in galera, e allora almeno togliamogli la cittadinanza. Poi ovviamente farà anche lui il suo percorso di integrazione alla fine del quale riconquisterà la cittadinanza, insieme ai bambini figli degli immigrati.

Va bene, ci siamo divertiti. Abbiamo usato un trucco comico che in Italia funziona sempre. Prendiamo una dichiarazione di un politico, e ne traiamo le conseguenze logiche. Risate garantite, come ci insegna il maestro Crozza. Ma anche nelle risate c’è una morale. L’integrazione nella vita sociale, il recupero dei valori della convivenza e altri propositi paternalistici dedichiamoli ai delinquenti, italiani e stranieri, che questi valori li hanno traditi. I figli nati in Italia da immigrati onesti non hanno niente da espiare e niente da dimostrare in più dei figli degli italiani.

TAG: cittadinanza, ius soli
CAT: discriminazioni, Famiglia

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. silvia-bianchi 3 anni fa

    Io mi accontenterei che venisse tolta la cittadinanza italiana a coloro che ancora la hanno per ius sanguinis, perché un avo era italiano, ma magari non parlano la nostra lingua, non sono mai venuti in Italia, non pagano qui nessuna tassa

    Rispondi 1 0
  2. silvno-zauli 3 anni fa

    Complimenti, scritto arguto e divertente, come raramente capita di leggerne. Si dimostra che la democrazia è, come tutti gli altri, un sistema di governo largamente imperfetto, peraltro in termini puramente quantitativi è un incidente della storia, che il suffragio universale è un lusso, e che gli analfabeti funzionali sono probabilmente una cospicua maggioranza fra i cittadini italiani, cosa affatto sorprendente. La naturale conseguenza di questo ragionamento è che a quelli come Mario Giordano andrebbero tolti l’elettorato attivo e quello passivo, unitamente ad una serie di altri diritti, e onestamente, per quanto mi sforzi, non ci vedo nulla di sbagliato. Peraltro, a volere ben vedere, chi gode di un diritto di nascita ha per definizione più cose da dimostrare di chi quel diritto se l’è dovuto guadagnare. Tutto torna…

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...