Un cuore rivelatore moltiplicato per sei

:
3 agosto 2015

Autore di romanzi, poesie, saggi, racconti e di un testo teatrale rimasto incompiuto, Edgar Allan Poe (1809-1849) suscitò ben presto l’entusiasmo di Charles Baudelaire (1821-1867), che ne scrisse:

Quando [Poe] introduce un argomento, ci attira a poco a poco, come in un gorgo. La sua solennità è sorprendente e tiene viva la nostra attenzione. Dapprima sentiamo che si tratta di qualcosa d’importante; poi lentamente vediamo dipanarsi un intreccio il cui interesse si basa tutto su un’impercettibile deviazione dell’intelletto, su un’ipotesi audace, su un imprudente dosaggio da parte della natura nell’amalgama delle facoltà. Il lettore, preso dalla vertigine, è costretto a seguire l’autore nelle sue trascinanti deduzioni.

Il cuore rivelatore (“The Tell-Tale Heart”) è un celebre racconto di Edgar Allan Poe (1809-1849) pubblicato per la prima volta in The Pioneer nel 1843 di James Russell e poi ripubblicato dallo stesso autore nel 1845 in The Broadway Journal.

Non si tratta propriamente di un racconto horror perché mancano del tutto gli elementi soprannaturali, quanto piuttosto di un thriller in cui la narrazione degli eventi, fatta in prima persona dal protagonista psicopatico (affetto presumibilmente da una turba ossessiva), apre squarci molto inquietanti.

Che si tratti di un monologo interiore o della confessione di un efferato e assurdo omicidio perpetrato ai danni di un vecchio, il racconto costituisce di fatto una retrospezione: la narrazione si riferisce a qualcosa che è successo prima del momento in cui viene messa per iscritto; inoltre il punto di vista del narratore è interno alla narrazione e l’io narrante coincide, per così dire, con l’io narrato. La rievocazione di fatti già avvenuti, però, non esclude per nulla il senso agghiacciante di un perpetuo presente, come se le cose ritornassero ad accadere a tutti gli effetti in tutta la loro sconvolgente devianza: gli eventi descritti e rivissuti dal protagonista hanno un corrispettivo fisico ed emotivo insieme, in cui domina il tema della sovra-acutezza dei sensi.

A proposito di questo racconto, nonché dell’affine e contemporaneo Il gatto nero (“The Black Cat”), Ruggero Bianchi scrive che vi viene messo

a fuoco quello che, nel titolo di un altro racconto, è definito “il demone della perversità”, cioè il mezzo psicologico inconscio che induce l’uomo a volere e a causare la propria rovina.

Numerose sono le versioni disponibili in audiolibro in lingua italiana di questo racconto e differenti sono gli approcci interpretativi che vi si possono riscontrare: vediamo come questo avviene e con quali risultati, circoscrivendo l’analisi a sei esempi significativi.

Clarke-TellTaleHeart

La più antica versione che sono riuscito a reperire è quella pubblicata in audiocassetta nel 1998 dalla Casa Editrice Le Mura di Bologna e poi ripresentata nel 2006 in formato .mp3 da il Narratore. Forte di una traduzione musicalissima, Margaret Collina (nella foto di copertina) ne valorizza innanzitutto le consonanti doppie e le parole-chiave, immedesimandosi nel desiderio del protagonista di persuadere l’ascoltatore, con sicumera in un forte esercizio di retorica, a proposito della sua presunta sanità mentale. Traspare anche la forte empatia dell’io narrante nei confronti della sua vittima: il testo distingue il vecchio (contro cui il protagonista non prova nulla) dal suo “occhio da avvoltoio”; e tanto l’occhio genera una specifica ossessione su base visiva quanto il battito del cuore ne genera un’altra su base uditiva. La sonorizzazione è estremamente sobria ma funzionale.

Edgar Allan Poe, La maschera della morte rossa e altri racconti
Lettura di Margaret Collina
il Narratore, Zovencedo 2006 – www.ilnarratore.com (su licenza della Casa Editrice Le Mura, Bologna 1998)
Download file .mp3

*     *     *

In Tre passi nel delirio (Full Color Sound, Roma 2006) Andrea Castelli trasmette fin da subito la sensazione fisica del nervosismo (sottolineato nel testo a scapito della presunta integrità mentale del protagonista), ma va oltre per evidenziare i “marcatori” della sua follia: ecco l’affetto dichiarato nei confronti del vecchio, che suona mellifluo e inautentico; ecco la voce che trema palpabilmente sull’assonanza o – o nelle parole oro e occhio, contrapposte nel testo; ecco la evidente percezione di asfissia che si associa alla decisione di togliere la vita, tra fremiti e sussulti. Sicuramente un’interpretazione molto orientata e matura.

Edgar Allan Poe, Tre passi nel delirio
Lettura di Giuseppe Cederna, Antonio Catania e Andrea Castelli sulle musiche di Roberto Gatto, Paolo Fresu, Gianluca Petrella ed Emanuele Zottino
Full Color Sound, Roma 2006 – www.fullcolorsound.it
1 CD AUDIO oppure download file .mp3

*     *     *

Anche Claudio Carini (Recitar Leggendo, Perugia 2006) trae giovamento da una bella ed efficace traduzione. Fin dall’inizio la sua lettura evidenzia una leggera ma avvertibile spossatezza, come se il protagonista stesse arringando la sua estrema, lucida e accorata confessione, in tribunale, al cospetto di una giuria e al termine di un estenuante processo. Nonostante tale spossatezza, però, la sua scansione del testo è sempre chiara e conchiusa. E Carini lavora molto bene anche sul progressivo disvelamento del nervosismo del protagonista, tra epifanie e dissimulazioni, e sulla sua estrema pericolosità.

Edgar Allan Poe, Racconti
Lettura interpretata da Claudio Carini
Recitar Leggendo, Perugia 2006 – www.recitarleggendo.com
Download file .mp3

*     *     *

Diciamo subito che, se incontrassimo per strada un uomo che parla tra sé e sé come fa Marco Troiano (interpretando questo racconto in una produzione Good Mood), cambieremmo subito marciapiede; o, per meglio dire, ci proveremmo, perché il potere seduttivo della voce di questo interprete è alle stelle. Vi prende corpo una certa caratterizzazione teatrale (nell’uso della risata sardonica, ad esempio, ma anche in ricorrenti e graffianti sottolineature emotive) e il risultato è un vero e proprio maleficio, senza scampo per l’ascoltatore, con evidenziati in modo originale i tratti supponenti e boriosi del protagonista. Sonorizzazione di forte impatto a cura di Dario Barollo.

Edgar Allan Poe, Speciale Edgar Allan Poe 4.
Voci di Silvano Piccardi, Tania De Domenico, Marco Troiano, Tina Venturi, Alberto Mancioppi e Bruno Slaviero
Audio editing e sound design di Dario Barollo
Adattamento e coordinamento di produzione di Paola Ergi
Good Mood, Padova 2011 – www.goodmood.it
Download file .mp3 oppure eBook

Racconti_del_terrore_2

*     *     *

Gino La Monica (LibriVivi, Cernusco sul Naviglio 2011) è qui alle prese con un vero e proprio adattamento teatrale del racconto, con un evidente rinforzo del momento comunicativo tramite un uso accorato, fra l’altro, della ridondanza. Il nervosismo del protagonista, in questo caso, è ben avvertibile sin dall’inizio; e ne scaturisce un’interpretazione tellurica, viscerale, autenticamente “tachicardica” che va a scavare e a rovistare nelle radici stesse della follia in quanto “straordinaria acutezza dei sensi”. Da questa deriva lo stato di incontenibile esaltazione del protagonista, fino al climax e alla relativa tensione spasmodica da cui non ci si può sottrarre.

Edgar Allan Poe, Il cuore rivelatore
Direzione artistica di Gino La Monica e Dario Picciau – Direzione di produzione di Matteo Cerutti
Traduzione, adattamento e voce narrante di Gino La Monica
Sound design e sound mix di Andrea Bolchi – Studio Bolchi
LibriVivi, Cernusco sul Naviglio 2011 – www.librivivi.com
Download file .mp3

*     *     *

E, per concludere, un’altra lettura avvincente: quella di Fabio Farnè per Area51 Publishing, in cui ciò che si coglie di più è lo sforzo del protagonista di tenere a bada il suo nervosismo e di dare l’impressione di essere sostanzialmente un “bravo ragazzo”, complice pure la risonanza particolare del suo timbro vocale che trae bellamente in inganno l’ascoltatore.

Edgar Allan Poe, 9 racconti di Poe
Lettura di Fabio Farnè e Alice De Toma (in collaborazione con il Teatro della rabbia di Bologna diretto da Francesca Migliore)
Area51 Publishing, San Lazzaro di Savena 2012 – www.area51editore.com
Download file .mp3 oppure app per dispositivi iOS

Edgar_Allan_Poe_2_-_edit1

TAG: Andrea Castelli, Area 51 Publishing, audiolibro, Claudio Carini, Edgar Allan Poe, Fabio Farnè, Full Color Sound, Gino La Monica, Good Mood, il Narratore, LibriVivi, Marco Troiano, Margaret Collina, racconto, Recitar Leggendo
CAT: Editoria, Letteratura

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. trammeus 5 anni fa
    Buongiorno Roberto, grazie per le segnalazioni, molto interessanti. Poe è un pozzo (...) Posso contattarti in pvt, avrei una cosa da proporti. grazie mille T.
    Rispondi 0 0
    1. robertoghedini 4 anni fa
      Scusami davvero ma vedo soltanto adesso il tuo commento e la tua richiesta di contatto. Scrivimi pure a robertoghedini65@libero.it.
      Rispondi 0 0
CARICAMENTO...