Figuraccia del PD: un errore grammaticale sul manifesto per la scuola che cambia

:
17 Febbraio 2015

A un anno di distanza dall’insediamento di Matteo Renzi a Palazzo Chigi, il Pd si dice sicuro di avere qualcosa da festeggiare.  In particolare si fa riferimento alla riforma della scuola, ritenuta (come dargli torto?) pietra fondante dell’intero sistema Paese.

“Il primo anno di governo Renzi – recita il comunicato dei democratici – ha segnato molti punti positivi, pur tra tante difficoltà, e in particolare sulla scuola abbiamo aperto le porte a una riforma costruita con il confronto e con i suggerimenti di docenti, studenti, genitori, esperti. Abbiamo cominciato con la scuola perché sappiamo che se non c’è Istruzione non c’è l’Italia”.

Tutto condivisibile. Se non fosse che proprio nel manifesto celebrativo stampato per l’occasione viene ignorata una regola che si impara appunto a scuola, e già alle elementari: “un anno” è scritto con l’apostrofo (“un’anno”), come se si trattasse di un sostantivo femminile e non maschile.

Un bell’errore di grammatica, insomma, di quelli imperdonabili, da segnare con la matita rossa.

Il manifesto, con tanto di apostrofo fuori posto,  viene lanciato in rete dall’account twitter del Pd scuola (@scuolapd) e viene notato da diversi internauti che segnalano la cosa. Tra questi il giornalista Danilo Chirico, che pubblica uno screenshot del  testo incriminato prima che questo venga rimosso e postato nuovamente in versione corretta.

La cosa interessante è che non si tratta della prima volta che il Pd – proprio mentre parla di “buona scuola” e di riforma dell’istruzione – incappa in errori grammaticali.

Qualcosa di simile era avvenuto solo cinque mesi fa, quando il governo aveva deciso di pubblicare una sintesi in 12 punti dell’attesa riforma del sistema scolastico. Come fatto notare allora da diversi quotidiani, il testo postato sul sito del governo (qui la versione “corretta”) era zeppo di errori grammaticali, tra cui spiccavano alcune arbitrarie e memorabili divisioni in sillabe.

 

Immagine22

 

A questo punto, è del tutto lecito chiederselo: sicuro che si tratta di semplici refusi?

@carlomariamiele

 

TAG: Matteo Renzi, Pd, riforma della scuola, scuola
CAT: Governo

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea.gilardoni 5 anni fa

    Be’, se fioccano gli errori di ortografia e di grammatica… Vuol dir che abbiamo davvero bisogno di una riforma dell’istruzione.

    Rispondi 0 0
  2. vincenzo-iori 5 anni fa

    A questo punto è lecito chiederselo: si possono cannare i congiuntivi in un articolo del genere??

    Rispondi 0 0
  3. luciano-di-camillo 5 anni fa

    L’articolo è veramente completo nella sua sinteticità.
    Nota: oggettivamente, si rileva, però, che alla fine l’imperdonabile errore di grammatica, sia stato sanzionato soltanto col rosso.
    E’ vero che il Calcio, sportivamente, dovrebbe entrare in tutto, ma su chi vuol fare questa particolare scuola calcistica, è meglio astenersi.
    Fuor di metafora, errori di limitata valenza sono sottolineati col rosso; errori gravi col blu; errori di eccezionale gravità con doppia sottolineatura blu.
    Magari, a chi vuol riformare, converrebbe più invertire questa collaudata prassi scolastica.
    Luciano Di Camillo

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...