Per evitare i morti in mare aboliamo i visti

:
12 Giugno 2018

Di tutto si può accusare Matteo Salvini, di essere rozzo e razzista, sbrigativo, ma non di essere ambiguo riguardo ai migranti: non li vuole, senza se e senza ma. Dallo scranno di Ministro degli Interni ha negato all’Aquarius di lasciare nei porti italiani il suo carico di profughi/migranti, fregandosene di Trattati e Convenzioni.

Non li vuole e non li fa sbarcare. Vedremo che cosa succederà con le prossime navi, soprattutto se la Spagna si stancherà di fare altri beau geste, accogliendo al posto dell’Italia, ma per ora è così.

Quel che non ho mai capito invece è che cosa vuole la sinistra, che cosa vuole la Chiesa, che cosa vuole il fronte pro accoglienza.

Ricordo un aneddoto degli anni ’70, forse non autentico. Si dice che il presidente USA Jimmy Carter rimproverasse il leader cinese Deng Xiaoping perché non consentiva ai dissidenti di lasciare il Paese e pare che Deng gli abbia risposto con una domanda a bruciapelo: quanti ne volete? Dieci milioni? Venti milioni?

Per far cessare i morti nel pericoloso tentativo di attraversare il Mediterraneo c’è un sistema sicuro e definitivo:

ABOLIRE I VISTI

Consentendo a chiunque si presenti ad una frontiera italiana di entrare nel nostro Paese e stabilirvisi, nessun migrante sarebbe così pazzo da scegliere di viaggiare a caro prezzo su un gommone rischiando la vita, anziché su un traghetto o su un aereo.

Tuttavia non ricordo di aver mai sentito nessuno del fronte pro accoglienza suggerire l’abolizione del visto di entrata e del permesso di soggiorno. Lascio ai lettori il compito di capire il perché, io non arrivo a tanto.

Forse non solo il Minniti di turno penserebbe che, magari, ne arriverebbero tanti, forse troppi, ma no, non può essere, perché allora il fronte pro migranti sarebbe implicitamente a favore di un sistema di regolazione dell’immigrazione basato sulla disponibilità di denaro per pagare gli scafisti e di coraggio o incoscienza nell’affrontare il rischio della traversata su un gommone carico fino all’inverosimile.

Quindi esorto lo schieramento pro accoglienza ad uscire dall’ambiguità, ad essere magari rozzo come il nemico Salvini e combattere per l’abolizione dei visti d’ingresso e dei permessi di soggiorno, chiedendosi pure perché non li abbia aboliti il governo in carica nella legislatura precedente.

TAG: immigrazione
CAT: immigrazione

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. giofederle 2 anni fa

    Non capisco cosa significa abolire il visto.
    L’articolo dà per scontato che tutti conoscano i meccanismi di ingresso.

    Rispondi 0 0
  2. vincesko 2 anni fa

    Bisogna abolire o modificare la legge Bossi-Fini (L. 189 del 30.7.2002 http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:legge:2002-07-30;189), che costringe alla clandestinità, ed è stata emanata dal governo Berlusconi-Bossi, e quindi anche dalla Lega Nord.

    Rispondi 0 0
  3. vincesko 2 anni fa

    Approfondimento della legge Bossi-Fini https://www.ilpost.it/2013/10/04/legge-bossi-fini/.

    Rispondi 0 0
  4. massimo-angotzi 2 anni fa

    Certo. Siamo l’unico paese del mondo in cui è previsto il reato di immigrazione clandestina. In Canada li accolgono con le collane di fiori. In Australia li abbracciano. Non parliamo del francese, che al sans papier non solo da tutto se stesso, ma anche due sue amiche.

    Rispondi 0 0
  5. gcavalca 2 anni fa

    Nella sinistra dei movimenti anti-razzisti esiste eccome la proposta provocatoria dell’autore…
    Si chiama Carta di Laqmpedua. 2014!!!!! sottolineo 2014!!!
    http://www.meltingpot.org/La-Carta-di-Lampedusa-18912.html#.WyeVe9UzZph

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...