Salvatore Aranzulla, chi è il ragazzo “d’oro” delle risposte su internet

:
24 Giugno 2015

aranzulla2

Alzi la mano chi, almeno una volta, cercando su Google una risposta a un quesito riguardante l’informatica, non abbia trovato soluzioni sul suo sito. Anzi, blog, come continua a chiamarlo lui, nonostante il suo nome, Salvatore Aranzulla, sia diventato un “brand” che oggi vale cinque milioni di euro (questa l’ultima proposta d’acquisto che ha ricevuto).

Questo è attualmente, infatti, il valore di mercato del sito aranzulla.it, che, con i suoi 12 milioni di visitatori al mese, detiene una quota di mercato del 35% nel segmento computer news, riceve in media mille mail e ottocento messaggi attraverso la pagina Facebook (dove i “mi piace” sono più di duecentocinquantamila) al giorno, ha un archivio di cinquantamila articoli postati.

Per ogni articolo una soluzione: sia che si tratti di come sfruttare al meglio le potenzialità di Word, sia che si cerchi un suggerimento su come riuscire a scaricare un video incorporato in un post su un social network.

Dietro questi numeri c’è un ragazzo siciliano di soli venticinque anni, che si divide tra il suo piccolissimo paese di origine in provincia di Catania e Milano, dove ha studiato e si è laureato in Economia aziendale e management con una tesi – a questo punto, l’argomento era d’obbligo: la sua storia imprenditoriale – all’Università Bocconi.

A Salvatore Aranzulla, però, non piace essere definito lo Zuckerberg italiano, e al termine del nostro incontro, salutandoci, ci dirà: “Sono contento così, sono un tipo che si accontenta di poco”.

Lo dice non per fare il modesto. Lui lo è davvero, e lo abbiamo capito in oltre un’ora di chiacchierata e nei precedenti contatti avuti per fissare luogo e data dell’intervista.

Una intervista che ritenevamo andasse fatta, perché la sua è una storia che merita di essere raccontata, ma soprattutto di essere conosciuta. E chi, se non lui, avrebbe potuto farlo meglio di chiunque altro?

A che età ti sei avvicinato all’informatica?
Avevo dieci anni. Ero andato a Caltagirone in un negozio con i miei genitori che dovevano acquistare un condizionatore. Ho cominciato a piangere e fare i capricci perché volevo un computer. I miei hanno ceduto e alla fine mi hanno accontentato. Sono tornato a casa con un pc assemblato.

Non sei allora un figlio d’arte…
No. Papà fa l’infermiere e mamma è una casalinga. Io sono il più grande di quattro fratelli. Siamo di un piccolo paese in provincia di Catania, Mirabella Imbaccari, al confine col la provincia di Enna.

Torni a casa col tuo primo pc e cosa succede?
Comincio a smanettare e imparo a usare il computer da solo. Quando non capivo qualcosa andavo da un amico di famiglia, Enzo – purtroppo venuto a mancare qualche anno fa – che mi spiegava come fare. Fu proprio lui a regalarmi un libro di informatica che usavo come guida. Due anni più tardi alcuni amici comprano il computer e quando hanno dei problemi cominciano a chiedermi se posso aiutare a risolverli.

Siamo nel 2002, hai dodici anni…
Bè, sì, l’idea di un sito internet dove raccogliere tutte le risposte ai quesiti che i miei amici mi ponevano mi è venuta allora, perché mi sono reso conto che in tanti a volte mi ponevano domande sullo stesso problema. Piuttosto che stare ogni volta a rispiegare, a quel punto suggerivo di andare sul mio spazio web perché la risposta l’avrebbero trovata lì.

Arriva il momento delle scuole superiori…
Sì, frequento il liceo scientifico a Piazza Armerina, in provincia di Enna. Ma continuo a postare contenuti, facendolo a fine giornata, appena finito di studiare.

Il sito intanto?
Continua a crescere. Nel 2008 i visitatori sono oltre duecentomila al mese. Contatto allora il portale Virgilio.it che ha un canale “tecnologia”, proponendogli una collaborazione. Loro accettano e comincio a a creare contenuti editoriali per la loro sezione. Prendo il mio primo collaboratore, Andrea, un ragazzo di Napoli di qualche anno più grande di me, che aveva un suo blog e che contatto attraverso internet, proponendogli di unire le forze. Ancora oggi è lui che con me si occupa di postare i sei nuovi articoli quotidiani con i quali aggiorniamo il sito, che in quel momento aveva registrato un incremento del 400% di visite rispetto all’anno precedente.

Ti iscrivi alla Bocconi e ti trasferisci a Milano?
Sì, frequento l’università a Milano, laurea triennale che però sono costretto a distribuire su quattro anni per continuare a lavorare al sito.

Come ti organizzavi?
Dal lunedì al venerdì andavo in Università, seguivo le lezioni, un po’ studiavo ma soprattutto lavoravo. Al solo studio dedicavo invece il fine settimana.

Hai detto che Andrea lavora ancora con te. Hai altri collaboratori?
Ai contenuti ci dedichiamo solo io e lui. Abbiamo poi due tecnici che sono esterni alla società.

Che tipo di società è la tua?
E’ una società a responsabilità limitata a socio unico. E dall’undici marzo scorso ci siamo distaccati da Virgilio, che continua però ad avere l’esclusiva per il posizionamento della pubblicità sul nostro sito.

La giornata tipo di Salvatore Aranzulla?
Sveglia tra le quattro e mezzo e le cinque del mattino, quando comincio a lavorare. Alle dieci stacco per riprendere intorno alle tre del pomeriggio, e fino alle cinque. Do un’ultima controllata tra le nove e le dieci di sera, prima di andare a letto, perché il giorno dopo devo alzarmi presto.

Riesci ad avere qualche hobby?
Sì, ho la passione per la pasticceria. Come tutti i meridionali mi piace mangiare ed è stato anche il motivo per il quale ho smesso di andare in palestra. Mangiare dolci e fare esercizio fisico mi sembrava un controsenso.
Ho frequentato prima il corso base di pasticceria dell’Alma, la scuola dello chef Gualtiero Marchesi, poi uno di perfezionamento a Colorno, vicino Parma.

Vita sentimentale?
Attualmente sono single.  Ma va bene così.

@antoniomurzio

TAG: Aranzulla, Virgilio.it
CAT: Imprenditori, Internet

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. giancarlo-anselmi 5 anni fa

    Complimenti, io ho quasi ottant’anni e non sapevo che alcune soluzioni ai miei problemi di ignorante informatico me li ha dati un venticinquenne. Grazie, grazie davvero.

    Rispondi 0 0
  2. andrea-adream 5 anni fa

    Con tutto il rispetto, non ho mai trovato di alcuna utilità le risposte di aranzulla.
    Ma forse vanno bene a chi non sa nulla di informatica

    Rispondi 0 2
    1. remill 5 anni fa

      Non è vero.
      Io mi occupo di informatica DAI tempi del Basic su CP/M quindi PRIMA CHE ARRIVASSERO GLI IBM con l’MS-DOS ma non sono un TUTTOLOGO – forse tu sì – e quindi non ne avrai avuto mai bisogno.
      Ma spesso nelle varie ricerche su Internet per argomenti più disparati mi sono imbattuto sorprendendomi per la chiarezza e la copertura di ogni campo di cui non mi interessavo per lavoro. Il servizio che ha saputo creare già giovanissimo, merita il massimo rispetto e ammirazione. Forse ti rosica che sto terrone così giovane abbia risultati così grandi. Non sarai un lombardo-veneto leghista di m.? Tu cosa hai saputo fare di meglio nella vita? e a che età? Raccontacelo se hai il coraggio. Il tuo nick mi ricorda un film Andrea Andrea se lo conosci.
      E’ uno stupido commento il tuo da qualunque area dell’Italia provenga.
      P.S.: Non sono un amico di Aranzulla di cui non sapevo nulla prima di leggere questo articolo.

      Rispondi 0 0
CARICAMENTO...