La difesa postuma di Oriana Fallaci? Un inno al conformismo

:
29 giugno 2019

Con le idee che propugnava Oriana Fallaci (riposi in pace) si può essere molto, un po’, per niente d’accordo. Di fronte alla sua scrittura e alla sua professionalità di giornalista e scrittrice ci si deve inchinare e basta. Ma innalzare un peana del suo andare controcorrente a testa alta, del suo sfidare continuamente il conformismo, del suo essere ribelle davanti agli stereotipi correnti si può, se si vuole, anzi in questo caso si deve fare, ma rigorosamente swimming against the current.
Il nuotare controcorrente di skakesperiana memoria messo a incipit del pezzo per commemorare i novant’anni dalla nascita di Oriana dal professor Pasquale Hamel (gli Stati generali del 28/6/2019) suona però come un ossimoro, dal momento che è un monumento ai nuovi luoghi comuni del mainstream odierno.

Bene fece, ad esempio, la scrittrice a non accettare di indossare il velo per intervistare l’ayatollah Khomeini, però da qui a esaltarsi nel 2019 per la definizione di “stupido cencio del Medioevo”, bè, insomma, anche no. Ancora (sempre tenendo ben presente di quanti anni sono passati da quando Fallaci sentenziava “assoluti” che dopo nuove verità acquisite e analizzate più approfonditamente oggi sono per lo meno discutibili): la “rilassante vacuità del politically correct”, “intellettuali della sinistra radical chic che avevano”, dice Hamel, “l’arroganza di pensare che le proprie tesi non potevano essere messe in discussione”.

Non so come si ponga il professor Hamel di fronte alla deriva illiberale imboccata dal nostro paese. Certo è che l’Italia non è più quella conosciuta da Oriana Fallaci. Alla quale spero nessuno vorrà mettere in bocca neo sciocchezze tipo l’aggettivo buonista oppure imprecazioni razziste e fasciste come quelle urlate dal “popolo” di Lampedusa nei confronti della capitana Carola Rackete.

TAG: oriana fallaci, Pasquale Hamel
CAT: Letteratura

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. pasquale-hamel 2 mesi fa
    Ringrazio per l'attenzione al mio pezzo commemorativo. Non amo questo governo ma parlare di fascismo è quantomeno fuori luogo, rinvio per questo alle considerazioni di uno dei più acuti studiosi del fascismo, mi riferisco ad Emilio Gentile ed al suo recente "Chi è fascista". Non sono incline al conformismo e detesto il politicamente corretto e, proprio alla luce di queste premesse, anche sulla vicenda migranti, senza considerare gli interessi che ruotano attorno, preferisco la riflessione al fanatismo sconsiderato che ha ridotto il problema ad una lotta di fazioni di cui proprio i migranti "sono l'ultimo pensiero"
    Rispondi 0 0
  2. beniamino-tiburzio 2 mesi fa
    Vedo un rifiuto generalizzato di esaminare, affrontare, risolvere problemi sociali, politici, demografici, con analisi prive di pregiudizi e di posizioni etiche. Nel periodo della scienza stanno rifiorendo le " etiche ". Uso il plurale a ragion veduta.
    Rispondi 0 0
  3. evoque 2 mesi fa
    Concordo con l'autore sulla deriva illiberale imboccata dall'Italia governativa. A chi nega, come spesso fa anche Galli della Loggia, che ci siano ammiccamenti verso il fascismo, bisognerebbe ricordare che Salvini - ministro dell'interno di questa Repubblica - si è fatto pubblicare un libercolo agiografico da un editore che apertamente si richiama al fascismo. In violazione del dettato costituzionale che all'art.54 dice che tutti i cittadini - a maggior ragione un ministro, immagino - hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.. I tempacci in cui stiamo vivendo invece non registrano nessuna critica per il vergognoso comportamento di Salvini. Fino a quando subiremo queste indecenze?
    Rispondi 1 0
CARICAMENTO...