La fregatura

:
11 gennaio 2019

– Me lo dovevi dire che sotto c’era una fregatura….
Alzo gli occhi e li punto in maniera interrogativa sul Responsabile del Marketing che ha appena fatto irruzione nella mia stanza.
– A cosa ti riferisci?
– A Favaretto, il tizio che mi hai “rifilato”un mese fa…
– Intanto diciamo che avevi un buco nel tuo organico, che ti lamentavi da un pezzo e che io ti ho trovato una soluzione….
– No, mi hai rifilato una fregatura!
– Non è bravo Favaretto? Non e’ competente? Guarda che ha fatto un master e una sfilza di corsi lunga un chilometro…
– Bravo, è bravo. Le cose le sa, non lo discuto…
– E allora qual è il problema?
– Ecco qual è il problema: qualsiasi compito io gli affidi, lui dopo un po’ torna alla base. I casi sono due: o ha incontrato un problema e si aspetta che io glielo risolva, invece di arrangiarsi come fanno tutti. Oppure…
– Oppure?
– Oppure- e questo è il peggio- se il problema è banale lo risolve e poi viene da me a raccontarmelo…
– E perchè è peggio?
– Perchè è ansioso di essere gratificato. Se non gli dico bravo almeno 16 volte non si leva di torno…
– E tu gratificalo!
– Guarda che io, normalmente gratifico i miei collaboratori e li incoraggio in tutti i modi, dovresti saperlo….

Cerco di blandire il mio interlocutore:
– Infatti così  mi risulta. Tutti vogliono lavorare con te…
– Si, ma io non voglio fare la baby sitter a nessuno. Ho sempre la giornata piena, anzi: di più. “Gratificare” Favaretto sta diventando un costo organizzativo insostenibile…
– Addirittura?

 

TAG: risorse umane
CAT: Letteratura

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...