Renzi va (e qualcuno ce lo manda)

:
12 Settembre 2015

In una società avvelenata nell’animo, insicura al limite dell’andare contro i propri interessi e così incattivita nelle proprie divisioni dal non riconoscere nemmeno l’orgoglio nazionale, il Presidente del Consiglio decide di volare agli US Open di tennis a New York per la storica finale italiana del singolo femminile. Finale meritata perché le due atlete hanno fatto fuori la numero uno al mondo e la numero due del tabellone e questo nello sport basta e avanza: lo capiscono gli americani, stentiamo noi a farcene una ragione e ricorriamo ai miti da poveri ma belli e a varie lacrimevoli amenità.

Accade però che nel Belpaese di cui sopra qualcuno apprezza la mossa del Premier ma molti, forse i più, letteralmente ce lo mandano e non negli USA; e allora, se non nazionali rimaniamo razionali e chiediamoci: quanto vale economicamente una finale del genere, ancor più della certa italica vittoria?

Vale veramente tanto e lo sanno per primi gli imprenditori che qualcosa di mercato internazionale ancora capiscono. Punto primo, quest’anno gli Stati Uniti faranno uno strepitoso +3,7% di Pil, probabilmente superando nella crescita le taroccate statistiche cinesi e si confermeranno come il maggior mercato mondiale. Secondo: negli Stati Uniti, come in gran parte del mondo ma soprattutto lì, lo sport è un fenomeno nazionale ed è uno dei veicoli di promozione, marketing e comunicazione più importanti, se non IL più importante. Terzo, gli US Open sono uno degli eventi sportivi più popolari e si tengono in una città che vale da sola un qualsiasi altro mercato internazionale. Una città per giunta che consuma italiano e che ha ancora sapori italiani. Quarto: uno dei motivi per cui il Belpaese è descrivibile come la società citata nelle prime righe dell’articolo, è la crescita economica asfittica che genera paura e impoverimento: se c’è una cosa di cui abbiamo bisogno è un potente sforzo di comunicazione all’estero delle nostre capacità che non può limitarsi allo straordinario e mai abbastanza lodato fenomeno del fashion design.

La finale italiana non avrà per gli americani lo stesso significato che avrebbe avuto il grande slam di Serena Williams ma sarà guardata con curiosità in tutto il paese, con quel senso dello sport che noi non riusciamo ad avere. E, statene certi: come il vero avvenimento internazionale primaverile a Milano non fu la nazionalpopolare inaugurazione in piazza Duomo dell’Expo ma la straordinaria e concomitante festa per gli ottant’anni di Giorgio Armani, così stasera nelle case americane si continuerà a non sapere che a Milano c’è l’Expo ma che a Flushing Meadows, NY, USA, cioè a casa loro, si tiene una finale a suo modo storica ricca di bandiere italiane.

E questo basta e avanza per spedirci un Presidente del Consiglio che non sembra un curiale burocrate o reduce da una visita in Crimea ma che sa vendersi con un’abilità che suscita invidia. Se si fosse potuto mettere in piedi qualsiasi altro teatrino ne sarebbe immensamente valsa la pena certi, perché conosciamo i mercati, che qualche benedetto decimale di Pil italiano verrà anche per questa straordinaria serata.

* *

TAG: Matteo Renzi
CAT: macroeconomia

7 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. beniamino-tiburzio 5 anni fa

    Sinceramente non ci trovo nulla di male. I capi di governo e di stati esteri lo fanno abitualmente.

    Rispondi 0 3
  2. nishanga 5 anni fa

    “In una società avvelenata nell’animo, insicura al limite dell’andare contro i propri interessi e così incattivita nelle proprie divisioni dal non riconoscere nemmeno l’orgoglio nazionale.. ” no, da voi ‘sta grezzata proprio non me l’aspetto. Condividere un ottica cosi’ limitata, grossolana e servile.. non e’ che ..qualcuno ce lo manda.. e’ un paese intero che non ne puo’ piu’ di essere umiliato dal venditore di pentole e se e’ questo che, persino voi, pensiate sia quello di cui abbiamo bisogno, questo si’ che potrebbe sconvolgermi e rattristarmi insieme. Potrebbe.. perche’ di questo ominicchio a breve restera’ solo il coro di sonore risate che fino dal principio l’hanno accompagnato. A breve. E’ evidente che i tempi stanno cambiando se persino in Inghilterra si riesce ad essere politici appassionati ed espansi e che il futuro lo vedono all’opposto del quaderno a quadretti sgangherato che pretendono di farci ingoiare. Jeremy Corbyn per esempio e il suo mirabile speech http://www.theguardian.com/…/jeremy-corbyns-victory…. Comunque questo e’ un mio sfogo di fronte ad un articolo a supporto di una linea politica irresponsabile e pericolosissima che va contrastata senza distrazioni.

    Rispondi 0 2
  3. vinegarfilm 5 anni fa

    finalmente uno intelligente che scrive… complimenti a Pasotti che ancora non conoscevo… ha perfettamente ragione l’invidia è proprio una brutta cosa. Avanti così!

    Rispondi 1 1
  4. ferdy 5 anni fa

    è difficile acconentare tutti,specialmente chi non la pensa come te,e magari sofre anche un pò di invidia.

    Rispondi 0 1
  5. valerio-vallone 5 anni fa

    Se c’era una figura titolata ad andare, si trattava del Presidente della Repubblica, tra i cui ruoli c’è proprio quello di rappresentanza dello Stato italiano; certamente non sarebbe dovuto andare il Presidente del Consiglio, che ha ben altri ruoli e aveva anche… ben altri impegni.

    Rispondi 1 1
  6. valerio-cattaneo 5 anni fa

    Alla favola che Renzi sia andato a Flushing Meadows per promuovere l’Italia non ci crede nemmeno la Boschi. In ogni caso abbiamo già una persona che dovrebbe fare queste cose, che per farle non deve abbandonare altri impegni più importanti e che non ha velleità elettorali: si chiama presidente della repubblica. Ma queste sottigliezze sfuggono ai più in una società avvelenata nell’animo dall’informazione, che definire di regime è il minimo. Quando i giornali si riferiscono ad Agnese Renzi come first lady, confermano solo che a furia di spargere saliva poi si scivola nel ridicolo.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...