La guerra conviene

:
16 febbraio 2018

C’è uno slogan che circola spesso nei discorsi di quanti hanno a cuore la pace tra israeliani e palestinesi: in quel piccolo lembo di terra batte oggi il cuore della pace mondiale.

E’ un’intuizione destinata a consolidarsi con argomenti e approfondimenti molto ben documentati che ho trovati esposti, con passione, nell’ultimo libro di Jeff Halper, La guerra contro il popolo. Israele, i palestinesi e la pacificazione globale, Epokè.

L’autore è ben conosciuto da tutti i pacifisti che operano per la causa palestinese. E’ un professore israelo-statunitense di antropologia. Vive in Israele dal 1973 e opera sul campo da anni in qualità di coordinatore di ICHAD, organizzazione che si batte contro le demolizioni ad opera dell’esercito israeliano.

La domanda da cui parte l’analisi di Halper è semplice ma decisiva: come può andare avanti ancora un’occupazione sui palestinesi dopo più di mezzo secolo dinanzi alla quasi totale opposizione internazionale che mostra di tollerare un conflitto inutile e di ostacolo alla pace di un’area strategica così importante come il Medio oriente?

“L’occupazione rappresenta per Israele una “risorsa” almeno per due aspetti: in primo luogo quello economico, ovvero perché fornisce un terreno di prova per lo sviluppo di armi, di sistemi di sicurezza, di tattiche e di modelli di controllo della popolazione; senza tutto ciò Israele non sarebbe in grado di competere a livello internazionale nel mercato delle armi e della sicurezza. In secondo luogo, ma non meno importante, perché è funzionale al mantenimento tra le potenze egemoni mondiali, dello status internazionale di forte potenza militare in grado di servire forze armate e servizi di sicurezza di tutto il mondo. Israele è un paese di piccole dimensioni che lotta per ritagliarsi una nicchia nel complesso militare-industriale transnazionale. Dove sarebbe invece Israele senza l’Occupazione e senza il conflitto regionale da esso stesso generato?”.

L’analisi, accuratissima e dettagliata, di Halper sviluppa una relazione a partire dai sistemi militari innovativi e la formazione alla strategia di sicurezza di cui Israele è mediatore nel mondo per un’industria di proporzioni gigantesche, sempre più in espansione per la crescita della domanda di sicurezza che elite politiche e finanziarie stanno chiedendo con sempre più energia.

Halper la chiama l’industria della pacificazione globale che alimenta il desiderio sempre più violento di dominare sulla vita, sulla terra e sulle risorse. Di questa industria della pacificazione Israele è un protagonista con lo sviluppo dei suoi sistemi militari e l’esperienza sul campo di strategie di controllo “sicurocratico” sperimentate sui palestinesi.

Il quadro fornito da Halper è inquietante e destabilizzante per coltivatori di facili entusiasmi su una possibile pace futura del mondo.

Le ultime pagine sono dedicate alle possibili strategie di sfida e resistenza all’egemonia dell’ideologia e della pratica della pacificazione globale.

C’è una mobilitazione che va suscitata e sempre più collegata su reti locali e internazionali.

Ma occorre sapere molto bene che nessuna campagna di pace e di contro-egemonia può avere successo senza una visione informata e consapevole della mobilitazione.

Per questo ritengo la lettura di questo libro imprescindibile per ogni vero artigiano contemporaneo della pace.

TAG: conflitto israelo-palestinese, guerra, Israele, pace
CAT: Medio Oriente

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. elefante-verde 1 anno fa
    Le premesse secondo cui Israele trarrebbe vantaggio, oltre a tutto volontariamente, dal perpetuarsi di una situazione di conflitto con i palestinesi sono aberranti. A Golda Meir viene attribuita la frase "Preferisco le vostre condanne alle vostre condoglianze", forse la frase è apocrifa, ma anche se non si può sostenere che tutti i torti sono solo da un parte e tutte le ragioni dall'altra, questa a mio avviso è però piuttosto una migliore sintesi della realtà.
    Rispondi 0 0
  2. gabriele63 1 anno fa
    Hai letto il libro che ho recensito? Ne hai saggiato la documentazione?
    Rispondi 0 0
  3. caco 11 mesi fa
    Thank you for providing this information about the war review vex 3
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...