Quando i palestinesi li uccide l’Isis nessuno ne parla

:
7 Aprile 2015

Si parla di mille morti, mille morti palestinesi, trucidati in qualche giorno dall’Isis, nel campo profughi di Yarmouk alla periferia di Damasco. La presa del campo è avvenuta nelle scorse settimane, riportano le scarne cronache internazionali, e oggi lo Stato Islamico domina uno dei luoghi-simbolo della tragedia palestinese. Un campo che, oltre a ospitare la disperazione e la solitudine di un popolo fin dal 1957, nove anni dopo l’esodo forzato di oltre un milione di palestinesi in seguito alla nascita dello stato d’Israele, è stato negli ultimi anni luogo simbolo e facile vittima di tutte le battaglie combattute sul suolo siriano. Nel 2002 vivevano là oltre centomila persone, profughi e loro discendenti. Negli ultimi anni di guerra civile, tra morti e fuggiti, la popolazione di Yarmouk si è  assottigliata fino a raggiungere le 20 mila unità. Ora è arrivato il terrore firmato Stato Islamico, e quelle vite martoriate vengono spezzate a decine al giorno, nella sostanziale indifferenza generale.

Ahmed Tibi, storico rappresentante dei palestinesi cittadini d’Israele nel parlamento dello stato ebraico, parla di “sconcerto e rabbia”, e sottolinea – riferisce il quotidiano israeliano Haaretz – che ancora una volta, di fronte a una tragedia palestinese, il mondo in generale, e il mondo arabo in particolare, tacciono. Vista da qui, vista dall’Europa, colpisce invero il silenzio, l’assenza di proteste, di manifestazioni convocate, di prime pagine strillate. Ricordate, ricordiamo tutti, cosa succede quando i morti palestinesi – Jenin, Gaza, e così via – li fanno i soldati israeliani, oppure come nel caso del campo profughi libanese di Sabra e Shatila sono le truppe israeliane a “permettere” il massacro operato da maroniti libanese. Prime pagine, manifestazioni, proteste. Giustamente, aggiungerei, a patto che la legge della giustizia e dell’indignazione siano uguale per tutti. E invece no. Quando li fa l’Isis sembrano morire un po’ di meno: i palestinesi tornano a essere morti di serie b. Morti di serie b come gli africani (cristiani e non) massacrati nei giorni scorsi: quelli sono di serie b da sempre, e nessuno se ne cura, mai. Almeno, lì, la regola vale sempre: come la vergogna che dovremmo provare, se ci fermiamo a pensarci davvero.

 

TAG: Israele, Yarmouk
CAT: Medio Oriente

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea.gilardoni 6 anni fa

    Caro Jacopo,
    e’ vero, non ha destato scandalo, però se ne è parlato (in breve e come nota a margine). Riproviamoci alla prossima manifestazione “antisionista”.

    Rispondi 0 1
  2. andrea-zanardo 6 anni fa

    Ci siete stati alla manifestazione di ieri? http://contadinodigalilea.blogspot.co.uk/2015/04/la-manifestazione-di-ieri.html

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...