Gelmini: ” Maratona per il No ma chiunque vinca rimangono 5 milioni di poveri”

:
14 Ottobre 2016

“Chiunque prevalga tra i SI e i NO al referendum del prossimo 4 dicembre, Renzi deve sapere che rimangono i problemi: a partire da quei cinque milioni di italiani indigenti che non ce la fanno ad arrivare alla fine del mese”.
Maria Stella Gelmini,coordinatrice regionale di Forza Italia, non le manda a dire durante la conferenza stampa in cui annuncia il varo di oltre 50 incontri pubblici di Forza Italia in Lombardia per il NO al referendum e la maratona per il No, al Teatro Nuovo di San Babila, “luogo storico per noi di Forza Italia a partire dal predellino di Berlusconi”, il prossimo 22 Ottobre

Con lei ci sono a Milano, nella sede di Via Sassetti, l’On. Laura Ravetto, il Senatore Andrea Mandelli, il Senatore Giacomo Caliendo, Dario Pedrazzini capogruppo di Forza Italia in Regione Lombardia, e il consigliere comunale Gianluca Comazzi

Se vince il NO nessun caos

D’Alema? Renzi non convince a sinistra non convince neanche nel centrodestra

Fioccheranno i ricorsi anche con la riforma

TAG: berlusconi, fai, Maria Stella Gelmini, massimo d'alema, No al referendum
CAT: Milano

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. vincesko 4 anni fa

    Il governo Berlusconi IV, di cui Mariastella Gelmini era ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca, tagliò del 75% (DL 78/2010) e poi di un ulteriore 15% (DL 98/2011), per un totale quindi del 90%, la spesa sociale dei Comuni e delle Regioni, destinata ai poveri (disabili, disoccupati, anziani, minorenni a rischio, ragazze-madri, matti, ex drogati, ex carcerati, LSU, sussidi affitto, ecc.), lasciando letteralmente indenni (col primo dei 2 decreti legge) i ricchi, inclusi i 3 uomini più ricchi d’Italia, nell’ordine: Ferrero, Del Vecchio e Berlusconi.

    Rispondi 0 0
  2. vincesko 4 anni fa

    Il governo Berlusconi IV, di cui Mariastella Gelmini era ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca, tentò ignominiosamente di risparmiare anche sulla spesa degli invalidi, evidentemente senza santi in Paradiso, elevando il livello minimo d’invalidità dal 74% all’85%, il che avrebbe escluso i down (che sono invalidi al 75% e ricevono una pensione d’invalidità di circa 250 € al mese). La misura fu poi ritirata all’ultimo momento, in Commissione Bilancio del Senato, solo grazie alle corali proteste.

    Rispondi 0 0
  3. giorgio-cannella 4 anni fa

    Ecco il mio contributo. Buona lettura.
    http://giorgiocannella.com/index.php/2016/06/03/referendum-costituzionale-italiano-ottobre-2016/

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...