Quindi licenziamo anche i parlamentari assenteisti o fannulloni?

:
4 gennaio 2015

L’ira contro il comportamento dei vigili romani è abbastanza giustificata, nonostante le difesa di un agente ospitata su Gli Stati Generali. Ma, uscendo un po’ dal contenuto della querelle, risulta irritante ascoltare gli sproloqui di parlamentari e consiglieri di varia risma contro l’assenteismo, divenuto d’improvviso una priorità politica.

La ridda di dichiarazioni contro la presunta neo-casta dei vigili urbani ha riempito le pagine dei giornali, con numerosi novelli crociati anti-fannulloni. Il messaggio, in chiave elettorale, è di sicura presa sugli italiani, stufi di disservizi e di comportamenti poco rispettosi nei confronti dei contribuenti. Insomma, i vigili hanno sbagliato la strategia di protesta, eppure ogni intervento del parlamentare di turno fa venire una gran voglia di difenderli.

La prima domanda che viene in mente è: come la mettiamo con i parlamentari – ma pensiamo anche ai consiglieri comunali e regionali – assenteisti e/o fannulloni (quelli che non presentano leggi, non partecipano alle votazioni senza addurre motivi)? Dando uno sguardo ai dati di Openpolis, oltre 40 – tra deputati e senatori – hanno una percentuale di assenze superiore al 50% delle votazioni, che significa circa 3.500 assenze nelle rispettive Aule di appartenenza. Si tratta di un numero non clamoroso, statisticamente poco inferiore al 5%, ma che riguarda comunque un numero considerevole di parlamentari. E soprattutto il dato del 50% di presenze, preso come esempio, è già benevolo: chi potrebbe salvarsi dal licenziamento lavorando anche un terzo rispetto a quanto previsto?

Appare quantomeno ingiusto che un parlamentare, lautamente retribuito, possa concedersi il lusso di disertare i lavori dell’Aula e poi bacchettare gli “italiani assenteisti”. Mi scuso preventivamente con chi è stato costretto ad assentarsi per motivi di salute, ma purtroppo i regolamenti delle due Camere non prevedono alcuna documentazione per spiegare le ragioni della mancata presenza. Né tantomeno è possibile conteggiare la partecipazione alle sedute nelle commissioni. Allora perché non prendere spunto dal caso-vigili a Roma per mettere mano ai regolamenti di Camera e Senato? 

Magari Matteo Renzi, attraverso uno dei suoi poderosi tweet presidenziali, potrebbe chiedere di dare il buon esempio, invece di pontificare esclusivamente sulle cattive abitudini degli italiani. Mi rendo conto che il licenziamento del parlamentare è una mera fantasia provocatoria, in quanto di difficilissima applicazione. Tuttavia si potrebbe immaginare un meccanismo “punitivo” – in termini pecuniari – nei confronti di chi se ne infischia delle sedute in Parlamento oppure gioca con l’iPad durante i lavori. Meno presenze e meno produttività portano a uno stipendio più basso*. Non sarebbe uno scandaloso vulnus democratico.

Lo ammetto: questo ragionamento è di stampo populista ed è dettato da una provocazione verso i novelli crociati anti-fannulloni di cui prima. Ma non è altrettanto populista cavalcare il caso dei vigili romani a fini elettorali?

*Aggiornamento: nelle disposizioni attuali vengono decurtate 206,58 euro dalla diaria (che non è lo stipendio, ma uno dei rimborsi previsti) per ogni giorno di assenza durante le votazioni elettroniche. Tuttavia è considerato presente il parlamentare che partecipa almeno al 30 per cento delle votazioni effettuate nell’arco della giornata.

TAG: assenteismo, deputati, Matteo Renzi, parlamento, senatori, vigili di roma
CAT: Parlamento, Partiti e politici

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea.gilardoni 5 anni fa
    Direi che quella di licenziare i parlamentari fannulloni e assenteisti mi pare un'ottima idea. Inizierei dagli incompetenti, da quelli, cioè, che non sanno scrivere le leggi e continuano a fare danni al Paese. Che ne dici? Il problema sarebbero i criteri di valutazione, non così semplici da elaborare, a meno che non si voglia ricorrere agli argomenti ad populum...
    Rispondi 0 0
  2. stefano-iannaccone 5 anni fa
    Andrea Gilardoni, Openpolis ha elaborato un indice di produttività per stabilire la qualità del lavoro di ogni parlamentare (incrociando vari dati, proposte firmate, partecipazione, impegno nella discussione, ecc). Non sarà la Bibbia, ma è un indicatore. Ovviamente il licenziamento in senso stretto è una provocazione, ma è meno provocatoria e più attuabile l'idea "non vieni in Parlamento? Niente soldi". Suvvia, almeno la presenza potrebbero garantirla...
    Rispondi 0 0
    1. andrea.gilardoni 5 anni fa
      Be', il licenziamento ci sarebbe già, basterebbe non ricandidarli e non rieleggerli. Concordo con la decurtazione delle dispendio, ma resta il problema di chi lavora e fa danni.
      Rispondi 1 0
CARICAMENTO...