Quella pratica simile al voto di scambio di “segnare” le schede

:
2 Febbraio 2015

Un cittadino poco esperto di intrighi politici si sarà domandato: «Ma perché alcuni hanno scritto “Mattarella S.” oppure “On. Mattarella». Quasi sembra una cosa di folklore, un’iniziativa goliardica. La risposta, invece, attiene a quel linguaggio ostrogoto usata nei Palazzi, che non è propriamente un bell’esempio ai cittadini italiani: i partiti e le loro correnti interne hanno “contato” il proprio peso nelle votazioni decisive; scegliendo un modo di indicare il voto a Mattarella hanno sostanzialmente reso riconoscibile il proprio voto. Una pratica vecchia quanto la politica. Ma che non è giustificabile: è inaccettabile ripercorrere la stessa dinamica del voto di scambio.

Nei giorni scorsi, infatti, avevo evidenziato l’illegalità di filmare il voto, come hanno fatto alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle. Tuttavia, il fatto di “segnare” le schede elettorali non è da meno, non si tratta di un’iniziativa proprio lodevole o riconducibile all’alveo del “politichese”. La giustificazione che sostiene la tesi: «È sempre andata così» non regge. Perché la reiterazione delle cattive abitudini non modifica il contenuto, anzi ne amplifica gli effetti deleteri: è solo la replica di un comportamento sbagliato.  Ed è bene ricordare che il “così fan tutti” è uno dei mali peggiori di questo Paese.

Il senatore del M5S, Vito Crimi, ha annotato un fatto che comunque è difficile da contraddire: «Fanno leggi per punire con la reclusione il voto di scambio politico-mafioso (416-ter), poi lo usano in Parlamento in occasione dell’elezione della più alta carica dello Stato». Al di là dell’auspicio che il parlamentare dei 5 Stelle abbia duramente ripreso i colleghi che hanno fatto dei video o foto all’interno del “catafalco”, il ragionamento è alquanto condivisibile: il parlamentare è tenuto sempre a dare il buon esempio. Peraltro, era anche apprezzabile la proposta dei grillini di dare una lettura “omogenea” delle schede, senza ripetere la combinazione usata da ogni gruppo o corrente. Quindi bastava un “Mattarella” al posto di “On. Mattarella”, ecc. Forse sarebbe stata una forzatura regolamentare, ma avrebbe almeno svuotato l’obiettivo di segnare le schede elettorali.

Così, in un mondo ideale, sognerei che il neo presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel discorso di insediamento, si rivolgesse al Parlamento intero per rimbrottarlo, spiegando che non è un buon esempio ripercorrere le modalità del voto di scambio rendendo riconoscibile il proprio voto. Perché – per inciso – i parlamentari di qualsiasi partito o gruppo devono tenere un comportamento nobile, a maggior ragione quando stanno svolgendo un compito di rilievo istituzionale come l’elezione del capo dello Stato. Ma, credo, che sia un sogno troppo ingenuo nel mondo cinico del potere politico.

TAG: movimento 5 stelle, parlamento, quirinale, Quirinale, sergio mattarella
CAT: Parlamento, Partiti e politici, Quirinale

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea.mariuzzo 6 anni fa

    Basta una rapida carrellata delle prassi assembleari di fronte al voto segreto per accorgersi che in Italia non siamo più furbi degli altri, e che ci troviamo di fronte a un sintomo della politica di partito, ovvero della tendenza dei gruppi dirigenti dei soggetti organizzati a disciplinare i propri rappresentanti parlamentari. Per evitare una cura basata sull’aggressione ai sintomi (che nel migliore dei casi conduce a lasciare le cose come stanno, ma può provocare effetti collaterali anche peggiori), dovremmo rivedere il ruolo dei partiti nelle democrazie pluraliste occidentali. Sono sicuro che una persona preparata come Mattarella lo sa; quindi la probabile assenza di riferimenti a questa pratica nel suo discorso non si dovrà a eccessiva furbizia ma a profondità di analisi. E da questo punto di vista è abbastanza normale che i grillini si oppongano a un elemento piuttosto comune nella vita dei partiti organizzati, visto che ad essa preferiscono che le decisioni principali vengano prese dal webmaster di un blog frequentato per lo più da analfabeti funzionali. E’ però significativo che, in attesa della palingenesi tecnologica, ad ogni buon conto anch’essi abbiano votato coi vari “Impiosimato”, “F. Imposimato”, “Imposimato Ferdinando” ecc. Ma evidentemente loro avevano la dispensa papale e potevano farlo senza ricevere rimbrotti né da presidenti al momento della presa in carica, né da zelanti commentatori.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...