caro pd, dovevi sceglierlo tu Giorgio Gori

:
15 febbraio 2018

C’è un tormentone che perseguita da mesi gli elettori lombardi di sinistra come me e si va facendo sempre più assillante, mano a mano che si avvicina la data del voto: “dovete votare per Giorgio Gori, altrimenti vince Fontana“.

Questo argomento del “voto utile” ha, nel caso delle elezioni regionali, una sua innegabile ragionevolezza: si elegge direttamente un Presidente, i sondaggi danno i candidati del Pd e della Lega molto davanti a tutti gli altri;  non c’è (purtroppo) un secondo turno, ma si può fare il voto disgiunto; e, sebbene su alcune scelte politiche fondamentali Gori non sembri promettere una reale discontinuità con le precedenti amministrazioni di destra, c’è sicuramente una notevole differenza di stile e di valori tra i due avversari, soprattutto sui temi della laicità delle istituzioni pubbliche e dell’immigrazione.

Giorgio Gori ha infatti inserito nel suo programma la piena applicazione della legge 194/78 in tutti gli enti ospedalieri e le case di cura autorizzate“, un’intenzione che dovrebbe essere ovvia ma, nella regione della sanità “ciellizzata”, non lo è stata da decenni; inoltre il sindaco di Bergamo è stato un convinto sostenitore della campagna “Ero Straniero“, ha praticato l’accoglienza nella sua città attirandosi le dure critiche della Lega e ha avanzato proposte interessanti sull’immigrazione.

Su questo tema, in un certo momento è sembrato addirittura che Gori potesse diventare l’alfiere di un nuovo paradigma: nel suo discorso pronunciato in Vaticano il 10 dicembre 2016, egli propose un piano nazionale di accoglienza e integrazione dei migranti che riconosceva il carattere strutturale del fenomeno migratorio e ne disegnava una nuova gestione, basata su una maggiore distribuzione dei richiedenti asilo sul territorio, una più veloce definizione dello status, un’accoglienza fondata su formazione (linguistica e professionale) e lavoro volontario e, infine, la possibilità di un breve “permesso temporaneo per ricerca lavoro” concesso ai diniegati (cioè coloro che si vedono rifiutato l’asilo) prima del definitivo rimpatrio, possibilmente “assistito“.

Il referendum costituzionale si era appena concluso; Renzi aveva rassegnato le dimissioni e un nuovo governo si andava formando: era certamente il momento ideale perché il sindaco di Bergamo venisse chiamato a Roma a realizzare le sue innovative proposte. Le cose, però, andarono in un altro modo: il nuovo Ministro dell’Interno, Minniti, scelse la via del blocco degli arrivi e del rimpatrio forzato dei diniegati come soluzione del “problema” e su questi obiettivi sta concentrando, da allora, tutte le sue energie.

Il Partito Democratico, azionista di maggioranza del governo Gentiloni come lo era del precedente, non scelse Gori: oggi, dunque, nel suo programma elettorale il candidato alla Presidenza della Lombardia può solo riaffermare la sua visione dell’accoglienza, dicendosi però consapevole che “non può essere attuata nell’ambito delle competenze regionali, ma deve essere varata in ambito nazionale e, per diversi aspetti, europeo“.

Tra poche settimane, concluse le elezioni, sapremo se Giorgio Gori sarà il nuovo Presidente della Lombardia o se rimarrà nella sua città a fare il sindaco; ma vedremo anche formarsi una nuova maggioranza e un nuovo governo, dei quali il Partito Democratico potrebbe far parte. Sarà questa l’occasione per vedere Gori interloquire autorevolmente col nuovo Ministro dell’Interno in qualità di governatore della più importante regione del Nord Italia, o magari entrare nell’esecutivo per attuare il suo valido piano per l’accoglienza? Ahimè, non c’è da sperarci.

Solo poche sere fa, nell’ennesima ospitata televisiva il Segretario del Partito Democratico, interrogato sul tema dell’immigrazione, ha affermato senza mezzi termini di preferire la strategia di Minniti a quella dei Radicali, sostenuta a suo tempo dal sindaco di Bergamo perché in completa sintonia con la sua visione: anche per il futuro, quindi, il Pd continuerà a non scegliere Gori.

Vorrei sommessamente fare presente ai vari esponenti del Partito Democratico i quali, con toni più o meno cortesi, invitano quelli come me a “non far vincere Fontana” che il razzismo e il leghismo si contrastano prima di tutto sul piano culturale: è inutile agitare lo spauracchio del candidato “difensore della razza bianca“, se poi a Roma si trasforma l’immigrazione in un problema di sicurezza pubblica da “risolvere” con respingimenti e rimpatri, secondo il più classico schema della destra.

Siete stati voi a non scegliere Gori, proprio quando sarebbe stato più utile per sconfiggere la crescente marea xenofoba generata da una gestione sbagliata dell’immigrazione: permettetemi allora di dubitare dell’utilità di sceglierlo io, oggi, sulla mia scheda elettorale.

(immagine dal web)

 

 

 

 

 

 

TAG:
CAT: Partiti e politici

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. monica-corbani 2 anni fa
    Trovo questo ragionamento davvero capzioso. Non so quante volte ho letto, in ogni dove, che uno dei motivi per cui Gori non era votabile era che era "l'emblema del renzismo" (non solo per essere stato brevemente lo spin doctor di Renzi medesimo), addirittura l'autrice dell'articolo l'ha definito in un altro pezzo "l'erede di Maroni". Ora che invece salta fuori - i più attenti se n'erano già accorti, a dire il vero - che su una cosa importante (ma evidentemente non per tutti dirimente) non solo è ben diverso da Maroni, per non parlare del suo successore e succedaneo, ma è pure assai migliore di Renzi, questo diventa un ulteriore motivo per non votarlo (per non votare lui alla carica monocratica di presidente della regione, non per non votare la lista del Pd) perché il Pd non ha sposato la sua linea... Ma quindi io che non sono più nel Pd da anni, che il Pd non lo voto né alle politiche né alle regionali, mi devo ancora e sempre orientare in funzione degli equilibri interni del Pd nazionale, cioè di un partito che con ogni probabilità oltretutto il 5 marzo implode, nella scelta se votare o non votare un candidato alla presidenza della regione che su una questione così fondamentale (e sì, per me personalmente assolutamente dirimente) si smarca nettamente proprio da quelle politiche del Pd nazionale che mi rendono quel partito invotabile? Ma perché? Io, che so perfettamente che se Fontana trionfa nessuno potrà stupirsi più di tanto che fra un mese ai neri gli sparino per strada anche in Lombardia, potrei trovare mille buoni motivi per non votare Gori, ma certo non il fatto che sia agli antipodi del favorito Fontana #razzabianca per tutto quanto riguarda immigrazione accoglienza integrazione e sdoganamento della violenza razzista. Sempre che io non pensi più al Pd che a me stessa, alla Lombardia e a qualunque altra cosa, naturalmente.
    Rispondi 0 0
  2. stefano-magnone 2 anni fa
    Non sarò così diffusivo ed esaustivo come Monica Corbani, pur non condividendo sostanzialmente nulla di quanto ha scritto. Mi resta però da capire cosa ci può importare delle scelte del PD nazionale, nell'ambito delle competenze statali, con le scelte del candidato Gori in Lombardia? Questa (voluta) confusione fa ovviamente il gioco di Fontana #razzabianca, che che certa sinistra si ostina a (far finta) di non capire. Gori nel 2016 parlava come delegato dei sindaci, non certo nelle vesti di un candidato presidente di regione. E si sa che le competenze regionali in termini di migranti sono quantomeno ridotte.
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...