I “troll pagati dal Pd” non esistono. I grillini se ne facciano una ragione

:
4 Settembre 2017

Secondo i più agguerriti fan del Movimento 5 Stelle, tutti quelli che osano criticare le mirabili gesta dei loro beniamini sarebbero pagati per farlo. Per molti di loro è infatti impensabile che possa esistere qualcuno che non capisca la bravura e la competenza di una Virginia Raggi o il profondo contributo culturale e morale che un Luigi di Maio o una Paola Taverna possono offrire al paese. La leggenda metropolitana nasce da una fake news dal titolo “Schizzi di merda digitali” apparsa sul blog di Beppe Grillo il 24 marzo del 2013. Nel post del comicoleader si legge:
«Da mesi orde di trolls, di fake, di multinick scrivono con regolarità dai due ai tremila commenti al giorno sul blog. Qualcuno evidentemente li paga per spammare dalla mattina alla sera».

A supportare la bizzarra teoria, arrivò anche un’intervista rilasciata nel 2014 da Gianroberto Casaleggio, che rispondendo alle domande di Marco Travaglio sul Fatto Quotidiano tornava a parlare dei mitologici diffamatori digitali in questi termini:
«Esistono gruppi pagati dai partiti per diffondere messaggi virali contro me e Grillo – afferma l’ex guru – Noi non abbiamo bisogno di farlo, perché i nostri messaggi sono virali di per sé, dunque veri, e si diffondono da soli. Quelli degli altri, palesemente falsi, hanno bisogno di un supporto di truppe àscare, pagate magari 5 euro al giorno».

Nei mesi successivi, molti supporter e attivisti locali pentastellati hanno diffuso un’altra bizzarra fake news dell’assai poco attendibile sito “Imola Oggi” (rilanciata, tra gli altri, dal senatore pentastellato Vito Crimi), dove un fantomatico “troll pentito” confessava di essere pagato 4-5000 euro al mese da “un grosso gruppo economico legato trasversalmente a tutti i partiti”. In realtà si trattava di un pezzo di satira rubato dal blog Piattola.com (come spiegherà lo stesso autore in un successivo post), che ovviamente molti grillini hanno preso per vero, diventando anch’essi parte della satira.

Altra “prova evidente” dell’esistenza dei “troll pakati dal piddì”, un video di YouDem che mostrava il lavoro di un gruppo di ragazzi che nel 2013 curavano la comunicazione social del Pd. Anche lì nulla di strano: i giovani volontari si occupavano semplicemente di diffondere ciò che veniva pubblicato sulle pagine web e sui profili social ufficiali del loro partito, rispondendo ai commenti degli utenti e fornendo informazioni. Il tutto gratuitamente. Ancora oggi, a distanza di quasi cinque anni, Tommaso Giuntella (che coordinava quel gruppo) e alcuni di quei ragazzi continuano a subire insulti e minacce da parte di haters del Movimento 5 Stelle.
Ciliegina sulla torta, una finta busta paga intestata “tesoreria del Partito Democratico” fatta circolare da molti attivisti sulle pagine fan del Movimento. Il documento contraffatto, mostrava come qualifica: “Diffamatore Movimento 5 Stelle”. Anche in questo caso in molti hanno preso per vero il colossale falso, rendendolo virale.

Discorso a parte va fatto per i giornalisti, da sempre mal sopportati dal partito della Casaleggio Associati e dai suoi seguaci, tanto da meritare un’apposita lista di proscrizione sul “sacro blog” e l’appellativo di “giornalai”. In quel caso, a pagare il loro lavoro sporco sarebbero i grandi gruppi editoriali servi della Ka$ta, che per farlo utilizzerebbero i vituperatissimi finanziamenti pubblici. Anche qui, il delirio parte da una colossale fake news pubblicata ancora una volta sul blog del comicoloeader, secondo cui senza i contributi statali “i giornali verrebbero spazzati via”. Quello di Beppe Grillo è un po’ il sogno di tutti gli aspiranti dittatori, ma non tiene conto dei numeri reali. Sono infatti ormai pochissime le testate che fruiscono di finanziamenti pubblici. Si tratta dei giornali organi dei partiti politici (ormai quasi tutti estinti), quelli delle cooperative di giornalisti, quelli delle minoranze linguistiche, quelli per le comunità italiane all’estero e quelli di proprietà di enti religiosi. La stragrande maggioranza delle testate italiane, che rappresentano il 90 per cento del totale delle copie diffuse in Italia, non riceve un euro dallo Stato.

Il gioco è chiaro: delegittimare i media ufficiali e chi ci lavora per poterli mettere sullo stesso piano i tanti siti che diffondono fake news (molti dei quali fanno parte della galassia Casaleggio Associati), aumentare la diffusione di queste ultime per aumentare il consenso del M5S e al contempo guadagnare con i click. Un comportamento che non è passato inosservato, tanto da finire sul report annuale di Reporters sans frontières che ha attaccato così la messa alla gogna dei giornalisti: «Il livello di violenza contro i giornalisti è allarmante, soprattutto a causa di politici come Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle, che non esitano a diffondere l’identità di giornalisti sgraditi».
Nell’ultimo report di Termomentro Politico, che ha calcolato una media delle rilevazioni di tutti i principali istituti di sondaggi, il Movimento 5 Stelle oggi si attesterebbe tra il 27% e il 28%, qualche decimale sotto il Partito Democratico. Ne consegue che al momento, per il 72% degli intervistati, il partito della Casaleggio Associati non è credibile, specie dopo alcune disastrose esperienze amministrative come quella di Roma. Verosimilmente, nessuno ha pagato la stragrande maggioranza degli italiani per pensarla così. I grillini se ne facciano una ragione.

TAG: beppe grillo, fake news, movimento 5 stelle, partito democratico, troll, troll pagati dal Pd
CAT: Partiti e politici

5 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. guido 3 anni fa

    Fattene tu una ragione, caro salamoia. Esistono fior di interviste di ragazzi pagati dal tuo partito di corrotti per mettere schifezze in rete!

    Rispondi 0 1
  2. thresher 3 anni fa

    Naturalmente sarai molto preciso nel postare qui qualche link a queste famose “interviste”, così da permettere a chi legge di sincerarsi riguardo alla loro attendibilità. Vero?

    Rispondi 0 0
  3. evoque 3 anni fa

    Guido Eccoti qui, o bimbetto dell’asilo (Mariuccia o no).

    Rispondi 0 0
  4. evoque 3 anni fa

    Presente! Sono uno che, sui siti grillini e della becera destra italiana (ma in effetti sono la stessa cosa), viene accusato di essere un Giuntella boy, oppure un troll naturalmente di m. al servizio del Pd. In questi giorni mi sto divertendo a piluccare dal sito YT di Nicola Porro, le perle del Porro e dei suoi rabidi seguaci. Gli insulti non si contano. Però uno di questi insultatori mi ha fatto, certamente non volendo, un complimento, mi ha detto infatti che si capisce da come uno scrive se è un troll o no. Eh, son soddisfazioni.

    Rispondi 0 0
  5. thresher 3 anni fa

    Uhm…. il buon Guido non risponde. Ma vuoi vedere che il “troll” è proprio lui?

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...