La società democratica e i suoi nemici

:
13 giugno 2018

E’ indubbio che viviamo in una moderna società democratica.

I tre pilastri fondamentali che la rendono tale ci sono tutti: il suffragio universale, il principio maggioritario, la libertà di espressione (con i suoi corollari di stampa e associazione).

Naturalmente la democrazia moderna è fatta di molti altri elementi (dalla separazione dei poteri ai diritti delle minoranze agli organismi istituzionali indipendenti) ma i primi tre mi sembra rappresentino il nocciolo duro della democrazia. Se ne togli uno, crolla l’intero impianto: senza il suffragio universale hai le società aristocratico-borghesi dell’800; senza la libertà di espressione hai le democrature est-europee; senza il principio maggioritario hai le dittature asiatiche e africane che, se ci sono, eliminano presto anche gli altri pilastri.

Il suffragio universale è certamente la forza e la debolezza della nostra democrazia.

Secondo una famosa battuta, attribuita a Winston Churchill : il miglior argomento contro la democrazia sono cinque minuti di conversazione con l’elettore medio. Tuttavia si tende a far prevalere l’altra sua convinzione: la democrazia è il peggior sistema di governo fatta eccezione per tutti gli altri finora sperimentati.

In democrazia, per accedere al potere (il kratos) occorre conquistare almeno la metà dei votanti, che sono tanti e spesso umorali e sempre più NEET (non in employment, education or training) in senso lato, vale a dire fuori da processi  di formazione ed educazione culturale e, dunque, dentro processi degenerativi di regresso sociale e civile.

E’ chiaro che i nemici della democrazia sono quanti sfruttano o persino favoriscono questo processo degenerativo. Tuttavia non solo loro.

La democrazia si è diffusa e consolidata non tanto perché è “democratica” ma perché è (e finché è) efficiente.

Per lungo tempo è risultata il miglior modo di soddisfare le esigenze del maggior numero di persone nel modo più dinamico e adattivo possibile.

Dunque i nemici della democrazia sono anche, se non soprattutto, dentro la democrazia; sono chi ha bloccato le esplicite e ripetute spinte al “cambiamento”  venute dalla maggioranza dei cittadini (emblematico in Italia il caso dei referendum).  Parafrasando Popper, arrestare il cambiamento non è un rimedio e porta al disastro.

In questa situazione di blocco del dinamismo democratico, i nemici esterni della democrazia hanno avuto buon gioco.

La democrazia è imperfetta e i difetti della società moderna sono stati denunciati più volte: non più eguaglianza ma più diseguaglianza; non più “libertà da” ma schiavitù; non più solidarietà ma disintegrazione. Particolarmente odiosi sono risultati i tanti episodi di corruzione e malaffare, privilegi e impunità.

In questi varchi i nemici (esterni) della democrazia hanno messo i loro cunei: raccolgono i voti della democrazia per “superare” la democrazia. Se il voto non serve a niente, perché votare? Così, mentre cresce l’astensionismo, il partito “unico” si rafforza.

Invece di intervenire per riaprire i flussi di comunicazione, ricambio, innovazione che fanno vivere il corpo sociale, si incolpa la democrazia e si punta a regimi che della democrazia hanno a mala pena i simulacri.

Il caso immigrati è emblematico.

L’Unione Europea non ha saputo gestire in modo collegiale, comune e “continentale” il gigantesco problema lasciando i paesi periferici (Portogallo, Italia, Grecia, Spagna: i PIGS) soli e in emergenza.

Non c’è chi non veda la colpevole inadeguatezza della UE. Dunque questo è il varco da usare per trovare – con studiata eterogenesi dei fini –  pieno consenso per boicottare il progetto europeo, rinazionalizzare i poteri decisionali e, ovviamente, lasciare irrisolti i problemi degli immigrati.

La moneta unica è un altro, identico, esempio. Quello che doveva essere solo un primo passo verso gli Stati Uniti d’Europa è stato bloccato dalla miopia di gruppi di potere nazionali e l’intero processo d’integrazione progressiva congelato. Le storture che questa mezza integrazione ha generato sono diventate macroscopiche e sempre più asimmetriche. Così è ormai luogo comune attribuire all’idea di Europa i fallimenti che sono invece responsabilità di altri. Da questo varco si sta diffondendo l’illusione nazionalistica.

Si dice (falso ma suggestivo) che Robespierre abbia pronunciato, davanti alla ghigliottina, la storica frase: la rivoluzione, come Saturno, divora i suoi figli. Qui sta succedendo l’opposto e non è meno tragico: è la democrazia che rischia di essere divorata dai suoi stessi  figli.

TAG: democrazia, europa, immigrazione
CAT: Partiti e politici

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. pietro-stangalini 4 mesi fa
    "La democrazia si è diffusa e consolidata non tanto perché è “democratica” ma perché è (e finché è) efficiente" In realtà la democrazia si è instaurata come naturale conseguenza dell'espressione popolare che rovesciò il potere aristocratico-monarchico, proseguita poi nella spinta socialdemocratica nella speranza di riformare anche il rapporto dei poteri di stampo borghese vigenti tutt'oggi. L'essenza della democrazia, a mio avviso, non è in quei tre punti, scolastici ma corretti, ricordati nell'articolo e nemmeno ha il compito di dare il potere al popolo, cosa impossibile praticamente peraltro, ma risiede nel delegare questo potere a saggi capi, e controllare mediante suffragio che questi lo usino per il popolo. Inoltre a questo si aggiunge un secondo moto di coesione sociale dove effettivamente la cittadinanza si mobilita in attività per il bene comune dove tutti sono privilegiati nel medesimo modo e concorrono secondo delle possibilità. Il problema nasce quando dal bene comune si passa all'interesse personale, al desiderio personale e al cercare il suo raggiungimento nell'espressione della propria volontà anche a discapito degli altri, tipico dell'atomismo postmoderno; cosa che i saggi capi hanno perfettamente intercettato facendo decadere in fretta la democrazia in volgare demagogia, per accalappiare il potere per il potere e usarlo a proprio vantaggio mentre concedono le infantili richieste di una popolazione lasciata senza guida.
    Rispondi 0 0
  2. bussola 4 mesi fa
    grazie del commento volevo mettere in evidenza che i nemici della democrazia non sono solo gli "antidemocratici" ma anche (o soprattutto?) i "democratici" che bloccano i processi di cambiamento provenienti bottom up dal corpo elettorale.
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...