No, di default

:
4 Luglio 2021

Molto mi ha fatto riflettere questo articolo di Concita De Gregorio, che parla dei virologi postar e dei loro agenti che li invitano a centellinare le apparizioni perchè ‘Se divulghi troppo non ti chiamano più’.

Dategli una lettura:

 

Interessante, no? Anche incoraggiante, per certi versi: c’è qualcuno che con la pandemia è riuscito ad emergere da chissà quale tana intellettuale mai frequentata dai media per poter avere i suoi 5 minuti [un anno e mezzo] di celebrità. Buon per loro.

Il re di questi soloni resta però il buon Prof. Burioni che, animato certamente dal sacro fuoco della scienza e dall’anelito filantropico che lo contraddistingue, twitta da giorni un monito legato alla variante delta del Covid dicendo in pratica che nulla è finito, anzi: tutto sta per ricominciare. A meno che non si istituisca l’obbligo vaccinale per tutti.

Ora, questa cosa mi fa molto riflettere: non tanto sul Burioni o sul covid, quanto sulle soluzioni spicce, imposte e da me sempre mal digerite.

Mi sono dimenticato la premessa: mi sono vaccinato e domani farò di buon grado la seconda dose perché convinto che sia l’unico modo per tamponare questo disastro. Tamponare non significa risolvere. Nessuno può sapere che tipo di conseguenze avrà questa campagna di vaccinazione nel corso degli anni, e quindi incrocio le dita e mi faccio punzecchiare. Ma, ripeto: è un taccone fatto necessariamente in fretta e furia.

Obbligare tutti a vaccinarsi è tutto un altro discorso ed è una di quelle cose molto burioniane che hanno a che fare con la prassi del nodo gordiano: taglia la corda e il nodo si scioglie. Ma le persone non funzionano così. E nemmeno la gente funziona così.

Io, ad esempio, sono pressoché certo del fatto che se ci fosse un obbligo vaccinale protesterei e tendenzialmente direi di no. Quando uno Stato perde il filo e invece che sciogliere i nodi taglia le corde succedono sempre [sempre, s.e.m.p.r.e.] grossi guai.

Non c’è solo un virus, non c’è solo una pandemia, c’è ancora una società, una collettività fatta di singoli che non vanno trattati come buoi per il semplice fatto che non sono laureati in medicina.

Spiegami, se non capisco spiegami meglio e alla fine convincimi.

Obbligami e ti dico no, di default.

 

TAG: burioni, Covid, pandemia, Vaccini, virus
CAT: Sanità

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. dino-villatico 5 mesi fa

    Burioni, come spesso, o sempre, non fa testo. Quanto all’obbligo, caso per caso. Per esempio l’obbligo della vaccinazione contro la poliomielite e contro il vaiolo, è stato una benedizione, ci ha liberati dell’una e dell’altro.

    Rispondi 0 0
  2. andrea-lenzi 5 mesi fa

    Di fronte alla pandemia esistono due sole opzioni: 1.lockdown 2.vaccino.
    Vista la strafottenza di molti, che impone la propria libertà agli altri, mettendone a rischio la salute, o si rende obbligatoria la soluzione 1, oppure la 2. Il resto sono chiacchiere, dannose.

    Rispondi 0 0
  3. andrea-lenzi 5 mesi fa

    Di fronte alla pandemia esistono due sole opzioni: 1.lockdown 2.vaccino.
    Vista la strafottenza di molti, che impongono la propria libertà agli altri, mettendone a rischio la salute, o si rende obbligatoria la soluzione 1, oppure la 2. Il resto sono chiacchiere, dannose.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...