Alternanza scuola lavoro: una discussione in fieri

:
29 Gennaio 2016

Da qualche anno la scuola si è trasformata in un ufficio di collocamento (per finta, se si opta per la simulazione). Sì, perché nel corso del triennio sono previste fino a 200 ore di alternanza scuola-lavoro. In cosa consistono? In teoria, si tratterebbe di sperimentare, per brevi periodi ma in modo sistematico, un mestiere: di imparare a lavorare.

La buona scuola lo ha reso obbligatorio. Quest’anno nella nostra scuola tutti gli studenti di tutte le classi terze, all’inizio di febbraio per poco più di una settimana e alla fine della scuola un po’ più a lungo, si troveranno a svolgere vari tipi di lavori in imprese, ospedali, aziende agricole, musei ecc. ecc.

Da tempo le famiglie si lamentavano (e il mondo del lavoro rincarava la dose) dell’eccessivo scollamento tra lavoro e istruzione. Ora, forse, non sarà più così. Ma qui iniziano anche i problemi.

Il primo: dove trovare dei posti di tirocinio o praticantato breve? Le aziende non sono necessariamente disponibili. Intendiamoci: se abbiamo un perito informatico o un chimico in grado di svolgere, bene, un lavoro, forse le aziende fanno la fila per averlo, tanto più che è gratis. Però che lavoro fareste fare a uno studente liceale, che deve ancora scegliere la facoltà universitaria e la propria professione? Alcuni indirizzi di studio preparano al lavoro, altri no.

Il secondo: per lo più, nonostante gli studenti possano avere delle preferenze, risulta molto difficile soddisfarle (è già tanto trovare un posto).

Il terzo: l’alternanza scuola-lavoro non è retribuita, mentre, secondo alcuni miei studenti, dovrebbe esserlo. Per quale motivo? Secondo loro sarebbe lavoro gratuito, e sfruttamento. Di fatto, le imprese si sarebbero assicurate, con la buona scuola e l’alternanza scuola-lavoro, un esercito di lavoratori gratuiti, obbligati a svolgere qualsiasi cosa venga loro richiesta (o quasi, però l’alternanza è davvero obbligatoria). Altri miei studenti sostenevano invece che, durante l’alternanza scuola-lavoro, gli studenti imparano un mestiere, che le imprese investono molto tempo nella formazione, e che anziché pretendere uno stipendio, chi impara un lavoro, come nei corsi di specializzazione, dovrebbe pagare per imparare (tanto più che se le aziende dovessero davvero pagare gli studenti dell’alternanza… potrebbero persino decidere di non accettarli). Anche questa posizione è interessante, perché se la prima insiste sull’intromissione delle imprese nel mondo dell’istruzione e della formazione professionale (alcune imprese potrebbero anche finanziare alcuni corsi o progetti scolastici), la seconda insiste sulla relazione tra scuola e impresa e sull’impresa come scuola (un modello in una certa misura presente anche all’epoca, per esempio, della Germania dell’Est, dove gli operai si prendevano cura degli studenti che, in diversi periodi nel corso dell’anno, andavano a fare esperienza del mondo del lavoro).

Ci sono altri problemi che non abbiamo sottolineato? Segnalateceli. Nelle prossime due settimane modificheremo questo canovaccio inserendo le posizioni e le argomentazioni (brevi, chiare e concise, meglio se pro e contro), dei nostri lettori e ne formuleremo una versione aggiornata.
Leguleio Azzeccagarbugli e Logon Didonai

TAG: alternanza scuola-lavoro, formazione professionale degli studenti, lavorare gratis, lavoro gratuito, legge 107, sfruttamento degli studenti
CAT: scuola

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. pietro-gilardoni 4 anni fa

    Posso solo dare un giudizio in base alla mia esperienza : mi sono dipomato geometra con frequenza serale e di giorno lavoravo come apprendista in una fabbrica elettromeccanica con uno stipendio da fame , ma non mi lamentavo perchè imparavo un mestiere dalla base ed è dalla base che poi sono cresciuto , cambiando svariate aziende e anche lavori e ora dopo oltre 40 anni sono andato in pensione .La mia ultima mansione era di responsabile ricerca e sviluppo in una nota industria. E’ impensbile che uno studente appena diplomato oppure laureato , possa essere assunto per il titolo di studio e con nessuna formazione professionale . per gi studi tecnici è necessario fare almeno un tirocinio di almeno un anno e cambiando settori e mansioni ogni 6 mesi . Per lo stipendio basterebbe un rimborso spese e l’accredito contributivo da parte dello stato. Al termine una seria valutazine dei responsabili del progetto di formazione permetterebbe l’assunzione degli studenti più meritevoli.
    Agli esclusi questo periodo potrebbe servire come referenza per altri lavori. Non è che ad ogni diplomato o laureato debba essere garantita un’assunzione a priori in base al diploma ottenuto.. P.G.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...