“Riportiamo a casa questo figlio di troia”

:
4 febbraio 2019

L’autobiografia di Eugene Cernan, l’ultimo uomo sulla luna, ora disponibile anche in italiano

Il 14 dicembre 1972 alle 5.56 ora di Greenwich il modulo lunare “Challenger” staccò i piedi dalla valle di Taurus-Littrow in mezzo agli altipiani frastagliati che separano il Mare della Tranquillità dal Mare della Serenità. A bordo c’erano circa 100 chili di campioni di roccia lunari e gli ultimi due esseri umani ad aver posato piede sulla luna.

Il primo uomo ad aver camminato sul satellite naturale della terra, certo, lo ricordano tutti. Quel Neil Armstrong, pilota civile, entrato nei libri di storia nel luglio di quasi 50 anni fa e celebrato anche nel 2018 con “First Man”, il film del premio Oscar Damien Chazelle. Ma l’ultimo no, l’ultimo è affare per appassionati e addetti ai lavori. Eppure la sua è una storia affascinante e complessa, punteggiata da fallimenti, colpi di fortuna, duro lavoro e una caparbietà fuori dal comune. E ricalca, ovviamente, la storia dei tre programmi spaziali statunitensi, Mercury, Gemini e infine Apollo, che tra il 1969 e il 1972 hanno portato dodici uomini a camminare e raccogliere rocce sulla superficie lunare.

“[…] appoggiai la punta del mio dito indice sinistro sul pulsante giallo di accensione […] e dissi le ultime parole che l’uomo avrebbe pronunciato sulla Luna per il resto del ventesimo secolo […]. «OK, Jack portiamo via di qui questo figlio di troia».”

Il racconto vivido di Eugene Cernan, comandante della missione Apollo 17 e ultimo uomo ad aver toccato la luna, da qualche settimana è disponibile in italiano. A quasi vent’anni dalla pubblicazione negli Stati uniti, la casa editrice Cartabianca ha curato la prima edizione italiana dell’autobiografia redatta da Cernan con il giornalista Don Davis. Il volume, tradotto da Diego Meozzi, conta 384 pagine che diventano 483 nell’edizione digitale arricchita con un’estesa galleria fotografica di immagini appositamente restaurate, molte delle quali inedite e provenienti dagli archivi della famiglia Cernan. Specializzata in libri digitali, Cartabianca per la prima volta propone un volume da prendere in mano e lo fa scegliendo una delle principali avventure del secolo scorso, forse la più importante: la conquista dello spazio e della luna.

Quello di Cernan e Davis è un racconto a tutto tondo, pronto a soddisfare i lettori più disparati. Narrato in prima persona, ripercorre la corsa allo spazio spinta dalla guerra fredda e dalla rivalità con l’Unione Sovietica. Dal racconto affiorano i ricordi dettagliati delle estenuanti preparazioni degli astronauti prima dei lanci, ma soprattutto i caratteri di quel manipolo di protagonisti a cui la Nasa aveva affidato il raggiungimento dell’obiettivo tracciato da John Fitzgerald Kennedy in un famoso discorso alla Rice University il 12 settembre 1962: mandare un uomo sulla luna e riportarlo a terra sano e salvo entro la fine di quel decennio. Pagina dopo pagina emergono la sfrontatezza, il coraggio e talvolta l’arroganza di quegli uomini pronti a lanciarsi nello spazio su veicoli angusti e tecnologicamente primitivi. Lo fa con una scrittura semplice e discorsiva, netta, pulita da tecnicismi e comprensibile ai più. Ma il pregio principale del racconto di Cernan è aprire uno squarcio sui timori, le paure, i fallimenti e le relative frustrazioni e il rapporto con le rispettive famiglie a cui il programma spaziale chiedeva sacrifici non solo emotivi pari a quelli dei suoi protagonisti. C’è l’uomo e la sua intricata rete di relazioni sotto la tua da astronauta, più che l’eroe celebrato dai media.

“L’ultimo uomo sulla luna”, infatti, non è solo l’estesa e coinvolgente autobiografia di Eugene Cernan, il comandante dell’Apollo 17, ultimo astronauta a lasciare un’impronta sul suolo lunare, ma anche il racconto di un’epoca in cui lo sguardo dell’umanità ha osato spaziare fuori dalla quotidianità, verso un mondo di sogni quasi irrealizzabili e di imprese all’apparenza impossibili. E che, citando il presidente Kennedy, furono scelte “non perché sono facili, ma perché sono difficili: perché quell’obiettivo ci servirà come organizzazione e misura delle nostre migliori energie e capacità”.
«È con questo spirito», afferma l’editore nella presentazione, «che abbiamo pubblicato questo libro davvero speciale, che racconta i segreti e le aspettative delle missioni spaziali ma anche le gioie e le difficoltà di chi rimaneva a terra: le famiglie degli astronauti. Una storia avvincente, che si legge tutta d’un fiato e che può spingerci a rialzare la testa, per tornare a guardare il cielo stellato sopra di noi, allargando gli orizzonti della nostra vita di tutti i giorni».

Gli autori
Eugene Cernan ha partecipato a tre missioni spaziali, volando per due volte sulla Luna e atterrandovi con la missione finale Apollo. Pilota della Gemini 9, pilota del modulo lunare dell’Apollo 10 e comandante dell’Apollo 17. Laureato alla Purdue University e alla Scuola Navale Post Laurea di Monterey, ha ricevuto svariate lauree ad honorem e onorificenze militari e civili, che spaziano dalla Hall of Fame spaziale statunitense a un premio Emmy per la televisione. È stato presidente del consiglio di amministrazione della Johnson Engineering Corporation in Texas. Si è spento a Houston (Texas) il 16 gennaio 2017.

Don Davis è stato corrispondente di agenzie e quotidiani negli Stati Uniti e all’estero, con esperienze di guerra in Vietnam, di imprese spaziali a Capo Kennedy e di politica alla Casa Bianca prima di diventare un autore di successo del New York Times con la sua serie di romanzi Kyle Swanson sniper.

Scheda del libro

• 384 pagine (cartaceo) / 483 pagine (ePub) / 576 pagine (Apple)
• 9788888805238 (ISBN cartaceo) / 9788888805252 (ISBN digitale)
• Prima edizione digitale: 7 settembre 2018 / Prima edizione cartacea: 13 dicembre 2018
• 85 foto (solo versione ebook) / Copertina di Andrea Morando e Diego Meozzi
• Traduzione: Diego Meozzi / Revisione tecnica: Paolo Attivissimo / Postfazioni: Tracy Cernan Woolie, Ashley Woolie Hunt
• Prezzo: € 17,90 (versione cartacea) / € 9,99 (versione digitale)

La versione ebook è acquistabile presso tutti i principali rivenditori, mentre quella cartacea è disponibile solo presso lo store online dell’editore.

@partodomani

TAG: apollo 17, cernan, libri, luna
CAT: Storia

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. gianmarco-tavazzani 5 mesi fa
    Ma nessuno ha letto l'articolo prima di pubblicarlo? Non avete un 'correttore di bozze'? No? Un controllo ortografico nemmeno? Un articolo sulla Luna con ben 5 volte Luna scritto in minuscolo! Poco da stupirsi poi se il contenuto risulti vacuo, vano, insignificante panegirico, elogio agiografico, sperticata marchetta: cosa ci si può aspettare da uno 'analfabeta nells sua lingua madre'?
    Rispondi 0 0
  2. lapaola 5 mesi fa
    Accipicchia, quanto fiele gianmarco-tavazzani! Non i sembra che per qualche "luna" invece di "Luna" si possa tacciare una persona di "analfabeta nella sua lingua madre". È una recensione, mica un trattato di astronautica!
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...