Andrea
Porcheddu

bio

Vado a teatro dal 1988, più o meno ogni sera. Ho raccontato quel che pensavo su diverse testate nazionali, online, cartacee, radio e tv. Ho incontrato Emma Dante, Ascanio Celestini, Arturo Cirillo, Virgilio Sieni, Ricci/Forte e altri artisti cui ho dedicato libri e saggi. Nel frattempo ho firmato sceneggiature e tre romanzi noir ambientati nel [...] teatro (l'ultimo si intitola "Infedele alla linea", editore Maschietto, Firenze). A volte tengo corsi all’Università e laboratori di critica, anche alla Biennale Teatro di Venezia. Spavaldamente, mi sono dedicato alle teorie critiche applicate al teatro con “Questo fantasma, il critico a teatro” (Titivillus editore).

Altro Chiudi
BIO

Badges

  • 2° Autore Novembre 2014
  • 3° Autore Dicembre 2014

Ultimi commenti

Pubblicato il 03/10/2018

in: Che ne sarà di Roma? Una lettera aperta dal teatro per il Teatro

Ma sì, caro Anonimo Panico2006. Lei ha ragione. Quell'elenco che fa è giusto e sacrosanto, solo che per me è il minimo in una città come Roma. che dovrebbe competere con New York, Parigi, Berlino, Tokyo. Offerta altissima? mah. Solo questione di soldi? Non so. Mi fa piacere che lei ne sia soddisfatto. io magari [...] sbaglierò, ma continuo a esercitare la prerogativa, e la libertà, del pensiero critico. Anche da Göteborg.

Altro Chiudi
Pubblicato il 19/09/2018

in: Miss Italia e l'orrore della violenza quotidiana

Sì, certo, caro signor Iodice. Peraltro nell'articolo, se ha la pazienza di leggerlo, c'è anche un "francesco qualcosa" e un "pequeno qualcosa". Il guaio è che non sono io a svilire la signora Leotta, quanto la trasmissione che conduce.

Pubblicato il 06/10/2016

in: La bellezza e la censura

Grazie dei commenti. Peraltro pare (ci informa la compagnia) che la "sequenza" fosse tutta teatrale, ovvero una finzione...

CARICAMENTO...