Salvatore
Salzano

bio

Nato a Bari il 4 dicembre 1962, mi sono laureato in Economia presso l'Università degli studi di Pavia. Mi sono inizialmente occupato di ricerche in campo economico/sociale. Il mio sviluppo professionale mi ha portato a studiare l'Informatica e in particolare gli aspetti legati alle reti, e sono diventato insegnante con il concorso a cattedra ordinario [...] del 1990. Attualmente insegno Sistemi e Reti in un Istituto Tecnico. La mia passione è sempre rimasta la politica, che seguo con interesse anche se il tempo è tiranno. La Costituzione è il mio manifesto ideale, la cui estrema sintesi è rappresentata dal secondo comma dell'art. 3

Altro Chiudi
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 08/06/2020

in: Attacco alla scuola

Ho trovato interessante e ampiamente condivisibile il documento del Cidi di Torino, e come tale l'ho pubblicato, ma ovviamente non rispondo delle critiche allo stesso che lei pone. Quanto al mio incipit di presentazione, le "leggere differenze" a cui mi riferisco, sono semplicemente riconducibili al fatto che la tecnologia non è sempre e comunque da [...] demonizzare. Semmai essa deve rappresentare sempre uno strumento e mai un fine, e questa differenza non è da poco! Io ritengo importantissimo l'utilizzo delle moderne tecnologie come ausilio alla mia attività didattica, e assolutamente non ritengo di far parte del pensiero mainstream. D'altra parte ritengo che negare tout-court l'uso delle tecnologie implicherebbe, coerentemente, il non utilizzarle per nulla... neanche per commentare o leggere un articolo on-line, e ciò credo che descriva bene la sostenibilità di tale posizione. Nel dettaglio del suo commento avrei due osservazioni. 1) le tecnologie digitali non sono un unicum indifferenziato, ma qualcosa di molto articolato nel quale occorre sapere discernere con accortezza. Ad esempio credo non sia difficile per nessuno cogliere la differenza enorme esistente fra il mondo Open Source e quello proprietario... io utilizzo esclusivamente Linux e quasi esclusivamente strumenti open dal 1997, e li faccio conoscere ai miei studenti, con annessa tutta la filosofia che si portano dietro, per dimostrare loro che un altro modello di sviluppo è possibile. La mia unica concessione al "nemico" è quella di utilizzare una casella di posta @gmail.com, che trovo comoda e non molto peggio delle alternative. Quanti di coloro che sbraitano contro la tecnologia sono invece pigramente adagiati su "Windows" o hanno un iPhone in tasca? 2) I tag utilizzati per classificare l'articolo sono quelli messi a disposizione della piattaforma, e servono a rendere l'articolo più facilmente ricercabile nei motori di ricerca. Certo, avrei potuto utilizzare "topolino" oppure "mondo dei sogni" invece di "innovazione digitale", ma così facendo avrei reso poco rintracciabile l'articolo, e quindi gli avrei precluso la leggibilità che sicuramente merita.

Altro Chiudi
Pubblicato il 19/03/2020

in: Cos'è una classe virtuale (e perché dev'essere libera)

Sono molto d'accordo con quanto scrive. Sia per quanto riguarda gli aspetti relativi alla didattica, al ruolo docente e al generale livello di scarsa adeguatezza, sia per quanto riguarda gli aspetti relativi al software che si cerca di imporre. Personalmente ho iniziato a usare gli strumenti free nel 1997, e uso Moodle dal 2003, e [...] non ho mai avuto rimpianti, ma ho sempre notato da parte dei miei interlocutori quella pigrizia che porta a prediligere la "pappa pronta", magari cucinata dal ristorante di turno, piuttosto che andare al negozio, comprare gli ingredienti e cucinarsi qualcosa da soli.

Altro Chiudi
Pubblicato il 01/03/2020

in: Effetti secondari del Coronavairus

Caro Massimo, mi hai regalato dieci minuti di intelligente allegria. Alle volte l'ironia riesce a guardare le cose da una prospettiva molto più lucida e veritiera ;-) La questione del corona virus ci dovrebbe far riflettere molto su come, mentre questo Paese si sta sempre più disgregando, un esercito di Soloni pontifica senza sapere come fare... Di [...] tutti gli elementi che hai portato ad esempio mi è piaciuta più d'ogni altra quella di Cavez: la cultura ti salva sempre

Altro Chiudi
CARICAMENTO...