Ugo
Rosa

bio

Mi esaurisco in sette lettere e a dire come mi chiamo non ci vuole niente: Ugo Rosa. E’ meno sbrigativo, invece, definire quello che faccio. Dopo aver fatto per anni, senza risultati di una qualche rilevanza economica, il mestiere di quello che prova a fare il mestiere di architetto (attività creativa tipicamente italiana) qualcuno ha cominciato a [...] dire in giro che io sarei “un critico” e questo suona già come un necrologio. Il prossimo passo perciò sarebbe l’epigrafe tombale che però risulta pure di difficile composizione: dovrebbe infatti stare più o meno a metà strada tra l’epitaffio del distratto (“Perse la vita”) e quello dell’esploratore (“Trovò la morte”).

Altro Chiudi
BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 01/05/2019

in: Primo maggio, una festa contro il lavoro

Uno che passa il suo tempo a fare indagini (con esiti, ovviamente, adeguati alla sua levatura intellettuale) su vita e status professionale di un perfetto sconosciuto (i cui scritti, non avendo di meglio da fare, legge e commenta compulsivamente da anni) è già spassoso. Ma se lo fa allo scopo di produrre una tirata sui [...] fallimenti altrui e un panegirico intorno al “lavorare con fatica e dedizione”, minchia, è esilarante...perciò ti prego Duilio Aldani (o comunque ti chiami in realtà) continua così: facce ride :-) :-) :-)

Altro Chiudi
Pubblicato il 24/04/2019

in: Il web come paradiso dei saccenti

Dionysos41, premesso che con questo nome può dire ciò che vuole, lei per così dire se la canta e se la suona: CVD (come volevasi dimostrare) :-)

Pubblicato il 08/02/2019

in: Progressivismus-1 (...che si fa sabato?)

Il suo commento tende a provocarmi, più che serena rassegnazione, parossismi di gioia selvaggia. Vede, io amo Joseph de Maistre ma mai sono stato colto dal sospetto inebriante di potere essere accomunato a lui, non fosse che come “reazionario privilegiato”. Ma devo, con dispiacere, disilluderla...quel grande reazionario poteva augurarsi che la Vandea facesse piazza pulita [...] di tutti i volterriani...che minchia vuole che mi auguri io quando al posto di Voltaire ci ho solo Fabio Fazio? Caro signor Gnech purtroppo "ca nun ce sta piacere nemmeno a ghi a fa 'nculo pe' 'na sera" (cit. Pino Daniele).

Altro Chiudi
Pubblicato il 28/01/2019

in: Elogio del teppismo consapevole

Prego Federico...ora provi a fare la stessa domanda all' Andrea Lenzi qui sopra che ci facciamo insieme quattro risate :-)

Pubblicato il 28/01/2019

in: L'importanza dello scaffale nella politica internazionale

Scrivere che un presidente possa autoeleggersi “A VALLE DI UN LEGITTIMO PERCORSO GIURIDICO E ISTITUZIONALE” (e permettersi, nella stessa sede in cui si scrive questa bestialità, di dire “fazioso” a un altro...) sarebbe da scompisciarsi dalle risate se non testimoniasse impietosamente lo stato stomachevole del linguaggio corrente e l’imbarbarimento del pensiero (anzi: dell'immaginario) politico di [...] questa povera nazione.

Altro Chiudi
CARICAMENTO...