La frecciata della Merkel a Gentiloni per i mobili di Monti che non ci sono più

:
10 marzo 2017

L’Italia, si sa, ha il terzo debito pubblico del pianeta. E siamo terzi anche nel rapporto debito/PIL (fanno peggio di noi solo il Giappone, e la Grecia). Una situazione finanziaria così disastrata, nella mentalità dei parsimoniosi paesi del Nord Europa, dovrebbe tradursi in un’attenzione quasi ossessiva per ogni centesimo speso. Evitando non soltanto gli sprechi (ci mancherebbe altro!), ma anche tutte le spese non strettamente necessarie, grandi (ad es. le Olimpiadi di Roma) e piccole. In fondo la Germania è stata costruita dai prussiani. E tra le preußische Tugenden, le virtù tipiche dei prussiani, una delle più importanti era la Sparsamkeit, la frugalità. Quella stessa frugalità (spesso vera e propria avarizia) che spingeva il re Federico il Grande a vestirsi come uno straccione, e i francesi a coniare la celebre espressione lavorare per il re di Prussia.

Questa la premessa. Necessaria per inquadrare un fatterello, mostrato in un video di Reptv, che però la dice lunga sull’atteggiamento germanico nei nostri confronti. Oggi, a un incontro bilaterale tra Germania e Italia a Bruxelles, il nostro presidente del consiglio Paolo Gentiloni ha l’improvvida dea di far vedere alla cancelliera Angela Merkle il nuovo ufficio dell’ambasciata italiana. Ciò che farebbe qualsiasi padrone di casa ben educato, superfluo aggiungerlo.
Che fa la Merkel? Si guarda intorno e subito chiede, in un inglese non perfetto ma chiarissimo: «Dove sono i mobili di Mario Monti?» Gentiloni allarga le braccia e risponde, comprensibilmente: «Non lo so». La Merkel si siede e aggiunge: «Erano notevoli». Gentiloni borbotta «Sì», e si siede a sua volta.

Ora, ovviamente il leader della seconda economia manifatturiera d’Europa ha di meglio da fare che occuparsi del mobilio dell’ambasciata italiana a Bruxelles. E anche se l’Italia è una superpotenza del design e dello stile, Gentiloni non è certo l’interior-designer-in-chief. La Merkel è una donna molto intelligente, e tutto questo lo sa. La sua è una frecciata facile da comprendere, per chi ha dimestichezza con la Sparsamkeit teutonica (e con il modo di criticare del gentil sesso): «Perché avete sprecato quattrini per cambiare i mobili di prima, che andavano benissimo?», questa la traduzione del Merkel-pensiero.

Magari i nuovi mobili dell’ambasciata (inaugurata ieri) sono stati donati da qualche azienda nostrana. O forse no, forse lo Stato italiano li ha effettivamente acquistati: del resto siamo una superpotenza del design e dello stile, e il soft power è anche questo. Del resto nessuna ambasciata, neanche quella del paese più povero del mondo, scherza mai quanto a eleganza e confort.

E in ogni caso qualche poltrona e un paio di tavolini hanno un impatto pari a zero sull’economia di una nazione di 60 milioni di abitanti. Ma non è questo il punto. La frecciata della Merkel ci fa capire che i tedeschi, da noi, vogliono un profondo cambio di mentalità. Nelle grandi, così come nelle piccole o piccolissime cose. Solo così l’Italia potrà far davvero parte dell’Europa veloce che la Merkel ha in mente.

TAG:
CAT: Governo

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...