Buondì e buonanotte a tutti

:
6 Settembre 2017

Non comparisse in coda allo spot, la brioche del buongiorno che spunta dal 1964, lo si potrebbe scambiare per la pubblicità di un prodotto immacolato che si vende nelle zone franche ultraBio. Invece è una merendina industriale come le altre, che però ama distinguersi togliendo un 30% di grassi allo standard dei suoi simili, colazioni allo strappo che fanno tanto comodo e poco bene. Cinquantatre anni portati bene, sgnagnata ancora a tre morsi dai nativi digitali, e con un team di creativi che ribalta l’opinione pubblica con una striscia fumetto spietata: migliaia di persone si soffermeranno, acquistandola o dicendole addio poco importa, allo scaffale centrale del supermercato dove sono posizionati. Chi l’aveva abbandonata da tempo come il sottoscritto (siamo della stessa generazione) perché troppo stopposa, e in fondo priva di quella sacra golosità che cerca con tanto fervore anche la bambinetta dello spot, sarà comunque tentato di assaggiarla di nuovo. Hanno fatto Bingo, in un’opinione pubblica(ta) che ha superato da un pezzo l’orlo della crisi di nervi, ultrasensibile e paranoica: sufficiente uscire dalle nuvolette di un Mulino Bianco, quando si tratta di famiglia, per essere già in zona rischio polemica globale. Eppure ci pappiamo pubblicità pensate apposta per soggetti deficienti senza muovere un muscolo, ebeti davanti a tutto l’indigesto consolatorio o esaltato per un nulla: ma non toccate la crescita protetta, che si scatena l’inferno. Vade retro la morte, e l’ironia con lei. Crescita vista protetta da un genitore che è spesso il soggetto sprovveduto del nucleo, in ritardo sul presente e inadatto al futuro, e al quale il bambino o la bambina faranno in modo di somigliare il meno possibile. Penso anch’io come tutti che il grande sasso sparato dal cielo avrebbe dovuto seppellire la piccola assurda, ma più che per il linguaggio finto e paradossalmente glicemico, per quello che una così potrebbe diventare. Quella bambina è più improbabile dell’asteroide o meteorite che sia, proprio perché parla come un’adulta improbabile. E la forza dello spot sta proprio nella sua ambiguità: non capisci da che parte intenda dissacrare, e così facendo dissacra tutto.

TAG:
CAT: Famiglia, Media

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. marco-baudino 3 anni fa

    Vige una regola, che se qualcuno ha prove per smentirla, ben venga: conoscendo come funziona il mondo della pubblicità e soprattutto dei capitali che servono per comprare spazi in “prime time”, ormai più un prodotto e’ pubblicizzato ed e’ parallelamente legato a grandi aziende (buondi’, una volta Motta, ora e’ Nestlé con tutta Motta) più e’ di bassa qualità. Preferisco prodotti buoni, genuini, sani, amici della salute, legati a piccole ma sane aziende che fanno del loro prodotto la bandiera per il bene e la salute dei propri clienti (noi siamo quello che mangiamo, e vogliamo stare lontano dai tumori dilaganti), clienti non annoverabili a frettolosi consumatori da supermercato, influenzati dalla pubblicità, Banderas o Meteorite che sia. Ho un grande rispetto di queste aziende, come Rummo, ad esempio, che non hanno grandi possibilità per farsi conoscere, se non attraverso la grande qualità del loro prodotto. E per fortuna, alla faccia dei grandi nomi forti della loro pubblicità, ma con prodotti discutibili e ormai sempre più discussi… Compro sano, e da signor nessuno non i prodotti pubblicizzati! Signori e signore nessuno di tutto il mondo uniamoci! E occhio ai meteoriti che le multinazionali ci scaricano addosso tutti i giorni…

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...