Genova 2001: non si può dimenticare

:
20 luglio 2019

Non c’ero a Genova in quel luglio 2001. Ero al mare, per pigrizia, disinteresse, tutti quei buoni motivi che ti portano a non fare quello che sarebbe giusto fare.

I fatti della Diaz mi hanno cambiato la vita: da allora ho giurato a me stesso che non avrei più ceduto all’indifferenza.

Quelle torture e quelle violenze hanno cambiato in me anche il giudizio che avevo sulle forze dell’ordine: fino a quel giorno per me una divisa significava sicurezza, fiducia nello stato. Pensavo agli agenti delle scorte morti per difendere Falcone e Borsellino, e tanti altri fedeli servitori dello stato, che combattono contro i criminali veri, rischiando la vita per un misero stipendio.

Poi, dopo Genova, ho capito che ci sono anche veri e propri criminali che indossano senza onore una divisa, che sono capaci di prendere a calci ragazzini, che sfogano la rabbia per la loro impotenza come uomini prendendo a calci delle donne indifese. A costoro, che non hanno mai pagato per i loro crimini, da allora auguro una fine violenta e senza gloria, come, evidentemente, sono loro.

Spero che Polizia e Carabinieri si liberino al più presto di questa teppaglia che infanga la loro immagine, e i recenti sviluppi fanno pensare che qualcosa stia cambiando.

Nel frattempo, per chi non conosce quei fatti o li ha dimenticati, ecco alcuni riferimenti importanti per documentarsi:

  1. Un articolo del 2008 che descrive ciò che avvenne, da leggere assolutamente: https://www.internazionale.it/notizie/nick-davies-2/2015/04/07/genova-g8-inchiesta
  2. Una ricostruzione animata, basata sulle risultanze processuali, su chi furono i veri colpevoli

TAG: Diaz, G8 Genova, genova 2001, Scuola Diaz
CAT: Genova, società

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. dopo54 3 mesi fa
    Buon giorno. Non ero al mare.In diretta TV. Non ho perso un minuto dell atroce spettacolo della devastazione di Genova. Saluti
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...