Shimon Peres, quando anche i perdenti potevano fare la storia

28 settembre 2016

“Ho capito che le colonie non ti piacciono e noi coloni ti stiamo sulle palle. Ma lo sai chi ha firmato, da ministro, questo insediamento? Quell’ipocrita di Shimon Peres!”. Edoardo, ebreo italiano partito dall’estrema sinistra europea e approdato all’estrema destra israeliana mi guardava con aria di sfida, o forse solo di sufficienza, indicandomi dall’alto di una collina le vallate di Giudea. Alle nostre spalle una piccola colonia che diventava mese dopo mese più grande. Tutt’attorno piccoli villaggi di palestinesi. Un pugno di terra pieno di sassi, l’aria calda del deserto, a una ventina di chilometri da Gerusalemme ma già nel pieno dei territori occupati da Israele dopo la vittoriosa guerra del 1967.

Chi era Shimon Peres? Era l’uomo che aveva provato testardamente a costruire la pace perduta con la morte di Rabin? Era uno dei responsabili delle politiche di colonizzazione rivendicate da un colono italiano, proprio nei giorni in cui il falco Sharon decideva il ritiro da Gaza? Era l’unico importante politico del novecento israeliano che non veniva dalla carriera militare, se non come “episodio” iniziale di un percorso da diplomatico? Era tutte queste cose insieme, era la grandezza e la tenacia della politica e la fatica di difendere il compromesso e la contraddizione, anche dalla tentazione – umana – di non sparire e di non essere dimenticati. Era il Novecento che perde, con lui, uno degli ultimi grandi testimoni degli epocali movimenti politici che lo hanno attraversato, segnando lotte di emancipazione e passi indietro, vedendo da vicino l’orrore e provando a sconfiggerlo con l’utopia o le riforme.

Avremmo detto, una volta, che con Peres se ne va uno degli ultimi esemplari di politica ragionata, di azione che sa cambiare tono e idea col cambiare del clima che sta attorno, di pragmatismo capace di reggere l’accusa di incoerenza perché sa, invece, che coerenza non è sinonimo di sclerosi. La stessa parabola di un grande avversario, di un suo vero nemico, anzi, come Ariel Sharon: con cui sul finire della vita e della carriera Peres si trovó poi a combattere, ma finalmente dalla stessa parte della barricata.

Questa storia ha iniziato invero a finire oltre 20 anni fa quando, ancora caldo il cadavere di Yitzhak Rabin fu Simon Peres a raccoglierne il testimone e l’eredità e lo scranno, lo uso per alcune dure repressioni militari che dovevano mostrare che la sinistra non ha certo paura delle maniere forti, e finì poi per consegnare il paese a quel Benyamiin Nethanyahu che ancora oggi lo governa. Fu forse in quel passaggio, nella primavera del 1996, a segnare un tempo e una storia di cui, come altre volte, il mondo a parte dello stato d’Israele è stato in realtà avamposto di molte cose destinate a succedere poi anche altrove, anche da noi. Shimon Peres subì infatti, a quelle elezioni, l’ultima sconfitta di una carriera che lo vide quasi sempre perdente negli scontri diretti. Perdente da Rabin, molte volte, dentro al loro partito, il partito laburista israeliano. Perdente dalle destre. Perdente eppure sempre “utile” alla causa, se proprio Rabin ogni volta lo sconfiggeva e poi gli chiedeva di diventare ministro – degli Esteri, di solito – e se anche la nuova Israele, ormai “liberata” dai padri fondatori laburisti ha avuto bisogno di lui, presidente e padre nobile di lunghissimo corso.

Se ne andava quel giorno, e non oggi che è morto, una politica fatta di questioni epocali da affrontare con l’occhio lungo, lo sguardo paziente, la tenacia di saper perdere e di non disperare, la fiducia nella lealtà minima di avversari e nemici, il senso della storia che tutto tiene insieme, la ragione di partito che, nel senso più alto, sa coincidere con quella di Stato. Gli errori e i meriti di Peres, i piccoli passi e le frenate, sono consegnate per sempre alla storia. Come alla storia resta l’uomo che seppe stringere la mano ad Arafat, nonostante tutto; che seppe sempre riabbracciare Rabin, nonostante molte distanze e qualche fiele; che seppe camminare con Sharon, pensando che il futuro della pace poteva anche passare di lì. Un uomo che, insomma, seppe praticare il compromesso e le ragioni dei decenni contro quelle dei giorni. Una lezione, questa sì, che non dovremmo perdere anche noi, soprattutto noi che abbiamo ancora un dovere di futuro, anche se non potremo mai più ascoltarla dalla voce di Shimon Peres.

TAG:
CAT: Geopolitica, Storia

2 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. levimolca 3 anni fa
    Facciamo la TRI volu ZION e la GALASSIA RADICALE sarà sempre più corposa e sempre meno nebulosa ! Cari amici , Barry Chamish Giornalista segugio ISRAEL ( dimostra innocente ergastolano Yigàl Amìr NON lui ma GANG SHIracMON Peres CFR uccise Yitzhàk Rabìn ) BARRY morì 23 Agosto 2016 infarto 64 anni GONGOLANO faraoni e peresiti Scriviamo ai colleghi CHAMISH @ Netvision.net.IL | AZIONE Raccomand Roma v Torre Argentina 76 commilitonti W TRI boom CiteMOLCA @ PECimprese.it | FrancoLevi @ Tiscali.it | Piano Galassia pro Giustizia Giusta & Ricerca Libera contro TORTORATURA w LISTA TRIVOLUZIONE Pannella Radicale Band sodali d'ogni Galileo , Meucci , Ilaria Capua , HAR Husserl Andrea Rossi ... TRI volu ZION TRI boom anti mafia anti crisi W RI Radicali Italiani R Eden ZION Rinascimento Risorgimento Resistenza RRR esodiamo CRISI e FARAONI w TUNICILIA sbarchi nuovi W TRI boom TRI volu Zion come da AZIONE RACCOMAND esorta commilitonti compagni d'ogni pasta e grado & LISTA TRIVOLUZIONE Pannella RADICALE BAND a sollecitare istituzioni politici sindacati inclusa Confindustria onde ottenerne sinergie per uscire da crisi con TRI boom TRI volu Zion nuovi sbarchi TUNICILIA a Trapani Erice CCSEM Centro Cultura Scientifica Ettore Majorana X attuare la TRI volu ZION caleidoscopio di CONCRETONE proposte anzi Tanzi che proteste con cretine verso Congresso PRTTMV Partito Trans nazionale Radicale Trans partito MINGA viulent Rosa nel Pugno GLOCAL . PROPOSTE atte a esodare mafia ogni Capone duce boss faraone cannone dittatore e a celebrare 2017 Pasqua 25 Aprile XX Settembre Breccia Porta Pia LIBERAZIONE a Erice ccSEM Centro Cultura Scientifica Ettore Majorana ESODO con Egitto da Egitto FINE era faraoni e scacciata Ebrei da Sud I TAL YA 1510 dopo 507 anni R Eden Tzion Gheullah RRR Rinascimento Risorgimento Resistenza ! www.Liberi.tv | Direttore @ Liberi.tv | Liberi.TV@GMail.Com | Radical.Party @ RadicalParty.it 1 ) REFLUOPETROLIO di HAR Husserl Andrea Rossi EON333 @ Libero.it | HALTER NATIV a discariche vermo valori zzatori inceneritori : ecoballe di Campania bastano per dare a tutta I TAL YA idrocarburi per 3 anni almeno . Refluopetrolio trans forma rifiuti in idrocarburi sanza inquinare TERMOLISI mejo de PIROLISI CUCINARE mejo de BRUCIARE | Elder @ ElderOfZiyon.Com | 2 ) LEVI tazione magnetica / MagLEV alternativa a TAV autostrade metropolitane aeroplani ... consente di collegare Lisbona con Vladivostok , Sicilia con CRETA Gela con Gerba Gibilterra Gennargentu Gerusalemme ; Helsinki con Hobart Haifa Honolulu Hiroshima SANZA sbudellar terreni monti foreste 3 ) La F5 fabbrica di E CAT Narghile' F4 Fiaschi Frascati Fusione Fredda , HALTER NATIV al paleo troglo nucleare . Fornisce ottima energia pulita a buon prezzo E PURE può eliminare le scorie nucleari 4 ) SOLAR SPRAY micro PANNELLA : Halter Nativ ai paleo troglo pannelli 5 ) LE piccole aeroturbine da cortile , e i KITEGEN Sequoja Aquiloni Massimo Ippolito Grifo , iper eolico da stratosfera , HALTER NATIV ai mostri Tera Torri Eoliche ECOCIDE ; 6 ) i veicoli velivoli natanti ROBOT a prova di matti e ubriachi al volante : guidati da computer sensori satelliti radar già collaudati ( e NON soltanto in Giappone ) anche su percorsi NON predefiniti . Al volante NON sono più pericolosi manco i piloti pazzi o ubriachi ne' pure le donne 7 ) La Glocal Democrazia SEMI SEMI Semi elettiva e Semi estrattiva . Chi non la fa anti semita è . A ogni livello : locale , provinciale , rionale , nazionale regionale , trans continentale . . . i POPOLO rappresentanti saranno ELETTI col metodo uninominale anglosassone monoturno E AFFIANCATI da cittadine / i altrettanti SORTEGGIATI dalle liste elettorali : Le LISTE ELETTORALI sono NON liste candidati , bensì elenchi dei cittadini con diritto di voto ( elettorato attivo ) . Sorteggiate / i nel modo più CASU ale possibile fra tutte / i i cittadini / e . Per i dettagli vedi il libro ordinabille su GOOGLE " DEMO RIVOLTA GIUDAICA HALTER nativ a mafia pluto global " ... http://LeviMOLCA.Wordpress.Com | FrancoLevi @ Tiscali.it 0289301262 | 3492218113 | 3441475017 | 3895807570 | inoltre per esempio i FILE ( di prossimo aggiornamento ) | GRAZIE A CHI FIRMA LA PETIZIONE ! https://www.change.org/p/valentinadotstellaatassociazionelucacoscionidotit-tri-voluzione-tri-boom-w-nunismo-artsenu-democrazia-glocal?recruiter=33614124&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive | https://www.change.org/p/valentinadotstellaatassociazionelucacoscionidotit-tri-voluzione-tri-boom-w-nunismo-artsenu-democrazia-glocal?recruiter=33614124&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive Marianna.Panico ha scritto : De Magistris è il peggior Sindaco da Napoli mai avuto ...
    Rispondi 0 0
    1. levimolca 3 anni fa
      Marianna.Panico ha scritto : De Magistris è il peggior Sindaco da Napoli mai avuto . Il suo grido di vittoria alla sua elezione fu " hamma scassat'" e non c' è che dire distrugge quel poco di sensato che era rimasto in piedi ... _ Rosa Cara , siamo appena rientrati da TUNICILIA . Prepariamo manif pro Turchia Libera in UE , pro TRI volu ZION , LIBRO pronto forse fine Settembre ANTE inizio Congresso LucaCoscioni TERMINUS . Presentiamo la Tri Volu Zion : sit in conferenza stampa davanti a iper ambasciata ufficio di DeMagogis sultano Erdoganav Gigione . Contatti " Possibile " Pippo Civati & Ciurma ? Forse possiamo lavorare nzieme . Che ne dici ? Maritsì e io veniamo Congresso Rebibbia PRTTMV , possiamo preparare ! STOP vermo valori zzatori vogliamo REFLUOPETROLIO , avviamo costruzione della NEA NEA Polis , la nuova Napoli a nord del Volturno . " VULCANO quanto sei bello da lontano ! " etc . Bravi grasssie . W anti mafia ROSA NEL PUGNO sanza pugni coi migliori LEGALI Movimento Criscuolo Pannella . Beati voi giovani tosti lesti , non potete pretendere scatto alla mia età ! Salumi e caci di marzapane . MOLCA . PS ci bisogna decisione e prudenza . Noi siamo pro nonviolenza , ma Demagogis regge trono suo sul treppiedi CAMMUORRA Hamas Hezbollah Daesh ISIS Fatah Quaeda ... e i più scatenati fra mille gruppi CURDI . Sono in guerra fra loro . Contamenti di regoli fra cosche palle vaganti colpiscono spesso i passanti occasionali . Non dobbiamo diventare NOI il fattore unificante ai misti EXTRE | Rosa Criscuolo ha scritto : Hola Franco Levi MOLCA , a NAPOLI DeMagogis Erdogan e i terzomondisti suoi vogliono invadere Galassia Radicale per derubare il popolo col nostro consenso . Non so che fare . Ti ho scritto Levi MOLCA , non fare il narciso con la pretesa che io ti legga e poi non mi degni di una risposta . Rosa Avvrosacriscuolo @ Gmail.com | a francolevi @ tiscali.it ha scritto : PUBBLICA spero raccomand azzzione ... ALLA GALASSIA ; a ASSEMBLEA PRTTMV Partito Radicale Transnazionale Transpartito Minga Viulent ; a Comitatone Ri 2016 - 2097 ; Radical.Party @ RadicalParty.org ... REGENI sono stati i vizj gretti GIOVANI TURCHI di Erdoganav ... | B"H _ Vizj gretti TURCHI in Egitto ERDGANAV uccise Giulio REGENI questa NON è anonima ! FrancoLevi @ Tiscali.it | Spero TU firmi la petizione grazie ! Minga Nano Imo : sono me . PUBBLICA pf grazie ! JAL Molca | http://LeviMOLCA.WordPress.Com spero sia di Vostro INTER esse . Grazie spero Tu firmi TRI volu ZION la petizione ! i Maduro Chavez mandano ruboli copecoli oboli spontanei dei Venezuelani todos ricones ai poveretti dell' Urbe e dell' Orbe , specie ai Podemos dei Pirenei , delle Ande , di Panama ; e ai mendicanti di Canton e del Sudan , di HSBC e di tutti i Cantoni . Ai poveri affamati Svizzeri rosicano formaggi e lasciano soltanto i buchi . BERNA consolida ASSE Anschluss CFR Teheran Venezuela Mosca Pyongyang Damasco SUDAN Pavia Berna Panama BAIRES Ankara MEXICO Marine LUPIN Carla Del Ponte . Egitto ospita MIGRANTI 5 milioni . Era pronto a accoglierne altri . La U€ stava per dare al Cairo € 3 miliardi per ajutare ciò . i TURCHI agenti di ERDO GANAV in combutta con un General d' Egitto erdoganavita torturarono a morte Giulio REGENI , sganciando ATOMICHE sui rapporti fra Egitto Italia e ACCIDENTE in genere . Così guarda caso i miliardi , più di 6 , vanno a Erdoganav . Accogliamo TURCHIA in U€ . Così Erdoganav il Panamense e i tirapiedi non potranno più rispondere : " cessate ingerenze in cosa nostra , fatevi i casvoli vostri " . Petrolio cala se ne trovi appo Arezzo e Potenza ! Più ce n' è MEGLIO : petrolio cala prezzo e prepotenza . Emiri sceicchi fachiri e crumiri invitarono a votar Sì coi soliti idionoti utili tirapiedi capaci soltanto di fare bolsi giuochi di parole sui nomi di avversarj più INTER ligenti . A proposito : puzzano mani e piedi di EMIRI CFR Califfi Faraoni Raiss & Co . Non mano acqua e sapone . Dessi fossili potranno usare le loro fonti fossili per FARSI pediluvio e af FINA . Petrolio cala prezzo sopra tutto perchè Refluopetrolio & ECAT Gatto Einstein Fusione Fredda F5 attuati da HAR Husserl Andrea Rossi filano e bene . Nel Mondo todo tondo e NON in USA soltanto veicoli natanti velivoli etc filano a tutta birra sanza bisogno di fossili grazie a Fusione Fredda . Prendiamoci noi il greggio vicino : ci basta . Ormai è soltanto un triste ricordo la penuria . Evviva OIL GLUT ! W la TRI volu ZION . Petrolio è prezioso soltanto per curare emorroidi sotto code e sopra i cranj . Vedi : http://LeviMOLCA.WordPress.Com ... PRO varo Libera ZIONNE Buona Pasqua 2017 TUNICILIA TRI Volu Zion TRI boom | Pavia Veltri P2 NDRINA mala Monsigni IOR Marcius Hilarion Lefebvre Capucci MEZZANA TERRA | Grati a chi firma la petizione ... Capovolgi ONU Buon Pèsach TUNICILIA Erice BRECCIA Scienza Liberazione Majorana Sbarco Bergamo Breccia w NUNISMO TRI volu ZION TRI boom Democrazia GLOCAL | TESTA PUZZA DAL PESCE | .. salumi e caci di marzapane . JAL MOLCA Franco Levi Joseph Arturo , 20142 Milan NO Gratosoglio di Sotto Via fratelli Fraschini 007 ph 3441475017 | 3895807570 | 0289301262 | 3492218113 | Salumi e caci di marzapane . Ciaolòm ! | https://www.change.org/p/valentinadotstellaatassociazionelucacoscionidotit-tri-voluzione-tri-boom-w-nunismo-artsenu-democrazia-glocal?recruiter=33614124&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive | https://www.change.org/p/valentinadotstellaatassociazionelucacoscionidotit-tri-voluzione-tri-boom-w-nunismo-artsenu-democrazia-glocal?recruiter=33614124&utm_source=share_petition&utm_medium=email&utm_campaign=share_email_responsive Parla AURORA ( sito dei PUTINIERI - nota MOLCA | http://LeviMOLCA.WordPress.com | sito " Aurora nebbiosa Alba Dorata " escribiò : Utile morte di Jo Cox sostenitrice della distruzione della Siria sitoaurora Alessandro Lattanzio 17 Giugno 2016 | David Cameron e Jeremy Corbyn ricordano Jo Cox | Jo Cox deputata trotskista islamista del Partito Laburista , vicina agli ambienti del radicalismo sunnita ( taqfirismo ) , uccisa da un presunto estremista di DX 16 giugno 2016 ,apertamente ha sostenuta più volte la aggressione armata diretta della NATO contro la Repubblica Araba Siriana : “ IL presidente Assad e la guerra civile in Siria sono , credo , la più grande prova della generazione nostra . Di certo è la più grande crisi umanitaria del nostro tempo . È un test che finora , come partito e come nazione , abbiamo fallito ... La risposta inetta della comunità internazionale ha riguardato il primo utilizzo su vasta scala di armi chimiche in una generazione , la genesi del cancro di DAESH ISIS , e la più grande crisi dei rifugiati in Europa dalla seconda guerra mondiale ... La prima responsabilità per la pochezza della politica del Regno Unito sulla Siria ricade sul governo che ha male giudicato e trattato ciò fin dall' inizio ... IL partito laburista può ancora , credo , contribuire a riformulare questo dibattito col sostenere una strategia globale costruita su tre filoni : umanitario , diplomatica e militare , con la protezione dei civili come obiettivo centrale . Con questo in mente si deve partire dalla premessa : dobbiamo affrontare gli orrori gemelli Daesh & Assad . Anche se ai fatti si è data poca attenzione , non Daesh ma Assad è responsabile del 75% dei civili uccisi , e la stragrande maggioranza dei profughi fugge da lui e dai suoi barili bombe . Quindi se ci si concentra su Daesh soltanto NON si fermerà questa crisi . Alienare i Sunniti moderati probabilmente lo rafforzerà ... Dobbiamo spingere il Premier a mettere la Siria sotto la massima attenzione diplomatica al fine di trascinare Assad al tavolo dei negoziati . L' intervento della Russia rende questa via alla soluzione politica più complicata , ma , ricordiamo , il suo intervento è segno di disperazione NON di forza . Assad , la Russia pensava , stava per cadere ... così come nell' azione contro Isis - Daesh , è il momento di tracciare una linea rossa sui bombardamenti aerei indiscriminati sui civili siriani da parte del regime di Assad . La migliore proposta per raggiungere tale obiettivo è , penso , la creazione di un numero limitato di '' zone di non bombardamenti '' che potrebbero essere realizzate nella regione coi mezzi navali insieme di Stati Uniti , Francia e Regno Unito ” . In sostanza , la trotskista islamo-atlantista continuava a spacciare per vera la favola del bombardamento “ chimico ” dell' Esercito Arabo Siriano nel Ghuta orientale , e a sostenere con forza sia i bombardamenti della NATO contro la Siria ( sventati dall'intervento russo ) , sia i piani interventisti di Turchia e Qatar , padroni del referente ideologico di Cox , la " MB Moslem Brotherhood " Confraternita Musulmana , insinuatisi nella sinistra liberale radicale occidentale tramite la porta di Gaza ... In pratica : la deputata “ internazio nalista ” ( ovvero social-imperialista ) si lamentò : “ Due anni fa una mozione del governo sulla Siria fu sconfitta alla Camera dei Comuni . Presentata a seguito dell' attacco con armi chimiche che indignò il mondo , il movimento cercò di condannare l' attacco e di dare , in linea di principio , supporto agli attacchi aerei contro il regime di Assad che l' aveva impiegato ... A mio parere ci sono tre elementi fondamentali per una strategia ( in Siria ) : affrontare la crisi umanitaria ; un piano militare , e un' iniziativa diplomatica coerente ... dobbiamo avere un approccio militare , robusto ma mirato . Non fraintendetemi , non sono una guerrafondaia . Mi sono opposta alla guerra in Iraq e ho lavorato per un decennio come operatrice umanitaria di Oxfam , ma questo non è l'Iraq . Questa è una crisi umanitaria ... il Regno Unito dovrebbe anche discutere seriamente i mezzi per far rispettare , con altri , una no-fly-zone . Gran parte della discussione sulla risposta del Regno Unito in Siria si concentra su Daesh , ma Isis non è la principale minaccia al popolo siriano : le truppe del Presidente Assad e i loro alleati solo quest' anno hanno uccisi sei volte più civili di Daesh e dall ' inizio della guerra la proporzione è 35 a 1 . La tattica più spregevole di Assad è la bomba botte . Sono vecchi barili di petrolio , riempiti di esplosivo chiodi , benzina e talvolta anche prodotti chimici . Sganciati da elicotteri su zone densamente popolate , sono selvaggi primordiali e mortali sanza distinzione ” . ( " Le bombe - barile sono una menzogna inventata e diffusa dai media occidentali assoldati dagli squadroni della morte islamisti e dai loro mezzani delle petromonarchie wahhabite " - AURORA ) . “ Il primo ministro Cameron ha aggravata la situazione , secondo me scegliendo la strategia del “ Prima ISIS ”, mentre scegliamo da un menu di variabili indipendenti . Esaminiamo prima Daesh e poi torneremo a Assad . Le guerre non funzionano in questo modo . Infatti , rifiutando di affrontare la brutalità di Assad possiamo attivamente allontanare la popolazione Sunnita , spingendola nelle braccia di Isis . Così ho deciso di astenermi . Perché non sono contro gli attacchi aerei di per sé , ma non riesco a sostenerli attivamente a meno che non siano parte di un piano . Perché credo nell' azione per affrontare Isis , ma non credo che da sola funzionerà ” . In sostanza la pacifinta deputata laburista islamo-trotskisa rifiutava l'intervento aereo inglese in Siria , non perché contraria all' intervento , ma perché contraria al bombardamento sui terroristi e favorevole invece al bombardamento sulle Forze Armate della Repubblica Araba Siriana , che Cameron invece voleva evitare " . Va ricordato : le posizioni filo-taqfiriste di Jo Cox si accordavano alla perfezione con le posizioni strategiche sulla Siria da parte dei neocon statunitensi e dei neo ottomani di Erdogan : “ Oltre 50 diplomatici del dipartimento di Stato hanno firmato un memorandum interno fortemente critico verso la politica dell' amministrazione Obama in Siria , sollecitando gli USA a compiere attacchi militari contro il governo del Presidente Bashar al-Assad per fermare le sue persistenti violazioni del cessate il fuoco nei cinque anni di guerra civile del Paese ” . Si noti sono stati i terroristi " moderati " sostenuti dagli USA a violare dal 9 aprile il cessate il fuoco in Siria , attaccando le truppe governative a sud di Aleppo , e da allora hanno costantemente bombardato i quartieri filo-governativi di Aleppo , con oltre 1,5 milioni di abitanti . “ Nella nota , i funzionari del dipartimento di Stato hanno sostenuto : " L ' azione militare contro Assad aiuterebbe la lotta contro Daesh perché rafforzerebbe i sunniti moderati , alleati necessari contro il gruppo noto come ISIS ” . Chi ha già enunciato e sostenuto tale delirante piano politico - militare ? Inoltre , nella Turchia del regime di Erdogan , un dirigente del partito al governo , il neo-ottomano AKP , dichiarava, " Assad è , in sostanza , un assassino . Tortura il suo popolo . Non abbiamo intenzione di cambiare la nostra posizione su questo ... " Palese la convergenza sulla Siria tra neocon , taqfiriti , neo-ottomani e sinistra social-colonialista europeo-occidentale | Boris Johnson legge il giornale in metrò | I vantaggi della liquidazione di Jo Cox | Il 14 giugno 2016 , due giorni prima dell' eliminazione della deputata islamo laburista Jo Cox , la sterlina subiva il calo peggiore in quattro mesi . Oltre 30 miliardi di sterline venivano “ spazzati via dai mercati azionari di Londra in un sol giorno” , mentre i sondaggi indicavano una Gran Bretagna pronta a votare l ' uscita dalla UE . In tutto , oltre 70 miliardi di sterline erano spariti dall' inizio della settimana . Il mercato di Londra era calato di oltre il 2% e la sterlina era scesa dello 0,8% , arrivando a 1,41 dollari , e questo dopo aver toccato il minimo in due mesi pure contro l' €uro ; e tutto ciò mentre i sondaggi davano alla Brexit il più forte sostegno dall ' inizio del 2015 , pari al 6% di vantaggio . Il nervosismo sul referendum si diffondeva sui mercati mondiali , mentre le azioni calavano bruscamente in vista del referendum . Il Dow Jones di Wall Street era sceso del 0,66% , mentre il CAC 40 francese del 2,17% e il Dax tedesco dell' 1,28% . Anche il prezzo del petrolio di riferimento Brent, il petrolio estratto da Londra sul Mar del Nord , calava dell'1,5% , meno di 49,60 dollari al barile . Connor Campbell , analista finanziario della Spreadex , affermava : la grave riduzione di capitali rifletteva " l' effetto strangolante che il referendum dell 'UE ha sui mercati " . La Barclays era la banca inglese più colpita : azioni in calo di oltre il 3% . Inoltre i titoli Nasdaq non erano mai caduti così tanto , quasi 4 trilioni di dollari cancellati in un anno . Ma dopo le 12:17 , ora di New York , del 16 giugno , Bloomberg News titolava : " La deputata inglese Jo Cox uccisa , mettendo a tacere il dibattito sulla Brexit " . Sterlina e euro si allineavano sùbito sui titoli bancari Dow Jones Industrial Average e di Wall Street , e il Dow chiudeva sopra i 92 punti . Svolta brusca rispetto la mattina . Il FTSE 100 saliva a 6030,16 , dopo esser sceso a meno 6000 il 14 giugno , quando i sondaggi suggerivano che la Brexit guadagnava terreno nei sondaggi . La sterlina , scivolata dopo i sondaggi , risaliva dello 0,4 per cento contro Dollaro , a 1,4258 e dello 0,2 per cento contro €uro, a 1,2677 . Morte molto utile di una politica della sinistra filo islamista che fiancheggiava l' interventismo schizoide del Patto atlantico , in Siria e resto del Mondo . Chi combatte il terrorismo proviene di certo NON dalla sinistra social-colonialista occidentale , che anzi lo fiancheggia . sitoaurora | 17 giugno 2016 alle 16:42 | Etichette: agente d'influenza, agenti d'influenza, atlantismo, Barack Obama, black operation, Blocco americanista occidentalista, Blocco BAO, Brexit, capitalismo, Central Intelligence Agency, CIA, colonialismo, complesso mediatico-disinformativo, complotti, cospirazioni, covert operation, Covert Operations, crisi economica, Dipartimento di Stato USA, disinformazione strategica, economia, economia internazionale, economia regionale, egemonia, egemonismo, eurocrazia, False flag, finanza mondiale, Geoeconomia, Geopolitica, Geostrategia, globalismo, globalizzazione, governo occulto, Gran Bretagna, guerra asimmetrica, guerra coperta, guerra d'influenza, guerra d'informazione, guerra d'intelligence, guerra economica, guerra mediatica, guerra occulta, guerra psicologica, Imperialismo, infiltrazione, intelligence, intelligence community, liberismo, Londra, mass media, mondialismo, mondializzazione, NATO, neocon, neoimperialismo, oligarchie, oligarchismo, ONG, operazioni coperte, operazioni occulte, operazioni psicologiche, operazioni speciali, Pentagono, politica economica, politica internazionale, politica occulta, politica regionale, poteri occulti, Propaganda, psy-op, psy-ops, psy-war, psyop, psyops, psywar, Regno Unito, relazioni economiche, rete spionistica, rivoluzione colorata, sabotaggio, sabotatori, servizi segreti, sfera d'influenza, sinistra europea, sistema bancario, sistema internazionale, sistema monetario, sovversione, sovversivismo, special operation, special operations, spionaggio, Stati Uniti, strategia, terrorismo, terrorismo di Stato, Think Tank, UK, Unione Europea, USA, Washington Consensus, Washington DC | Categorie: Covert Operation, Imperialismo | URL: http://wp.me/p1qi5U-62D Non riesci a cliccare? Copia e incolla questo URL nel tuo browser: https://aurorasito.wordpress.com/2016/06/17/lutile-morte-di-jo-cox-leggiadra-sostenitrice-della-distruzione-della-siria/ | Di Alastair Sloan . Middle East Monitor ( 13 SETT 2016 ) . Traduzione e sintesi di Giusy Regina | Che cosa c’ è di così speciale nel conflitto israelo-palestinese ? Tutto e niente , soprattutto se sei un sostenitore delle politiche di sicurezza del Likud ( partito del centro-destra israeliano ) e della lenta e dolorosa dissoluzione di un futuro stato palestinese . Sono i sostenitori di Israele a continuar a affermare la specialità di questo conflitto , sottolineando : “ Israele è l’unico stato ebraico ” , “ un barlume di speranza in Medio Oriente ” e “ l’unica democrazia della regione ” . Allo stesso tempo il nuovo plotone antisemita afferma che le critiche stesse di Israele sono antisemite e che gli attivisti per i diritti umani in occidente si focalizzano troppo sulla Palestina . A proposito della singolarità o no di questo conflitto , alcuni mesi fa ho avuto uno scambio interessante con un reo confesso della linea dura sionista . Si tratta di un giornalista intelligente , con tante buone idee . E' stato felice di condividere con me le sue opinioni a riguardo . Sulla Nakba del 1948 e la conseguente questione dei profughi palestinesi ha detto che , per quanto sgradevole , si tratta di un problema simile a quello della cacciata degli Indisti e dei Musulmani durante la partizione dell’ India . Il che oggettivamente è vero . Ma ha dati anche altri esempj : “ Quelli inflitti alle etnie tedesche nel quadro dell’ accordo di Potsdam , o lo scambio Turco Greco negli anni Venti . Nessuno ormai discute di queste cose , o cerca di farli ritornare nella madrepatria . Le vittime sono state reinsenrite nei nuovi contesti e non trasformate in rifugiati apolidi . Allora perché questa eccezione ? Che cosa ha di così speciale il conflitto israelo-palestinese ? ”. Il punto è : il conflitto israelo-palestinese è speciale perché ha una dimensione religiosa , mentre molti di questi contro esempj , altrimenti altrettanto validi , non la hanno . UNA eccezione viene in mente : l’ occupazione cinese del Tibet , dove la selezione del prossimo Dalai Lama molto probabilmente non avverrà mai . Ma in ogni caso i Tibetani sono stati occupati , non mandati via . Possiamo affermare quindi : il conflitto israelo palestinese è speciale perché la controversia è legata NON a territorj “ qualunque ” , bensì a luoghi considerati sacri sia dagli Ebrei che dai Musulmani . Tragicamente però si sente parlare sempre meno della religiosità di quei luoghi per i Musulmani : le frasi più sentite sono riferite alla “ Terra promessa ” di cui si parla nella Torah e non alla terra da cui il profeta Mohammed ascese al Cielo , di cui si parla nel Corano . Nei dibattiti sembra che la Torah abbia la meglio , religiosamente parlando , sul Corano . E l’ Occidente quali posizioni prende a riguardo ? Quante volte abbiamo sentiti i Cristiani sostenere il sionismo , citando il Libro delle Rivelazioni , i Vangeli , l’ Antico Testamento e altre parti della Bibbia ? E quanto raramente sentiamo parlare dei Compagni del Profeta che sono sepolti a Gerusalemme e nella sua entroterra , o il riconoscimento di Profeti dell’ Islàm come Abramo , Mosè , Davide , Salomone e Gesù stesso ? È tutta una questione religiosa dunque , in cui Cristiani , Ebrei e Musulmani hanno eguali diritti su Gerusalemme , in base ai relativi testi sacri . L’ ironia è però che l’approccio locale di gran lunga più diffuso per la risoluzione del conflitto israelo-palestinese è attualmente l’ Islamismo , una ideologia religiosa e politica non dissimile dal sionismo . Ci si poteva aspettare che l’ ascesa di Hamas si sarebbe tradotta in una rinnovata simpatia occidentale per le rivendicazioni religiose dell’ Islàm in Palestina , Gerusalemme compresa . Ma naturalmente non è stato così : basti pensare che i musulmani che avanzano qualunque tipo di rivendicazione religiosa sono associati – da ignoranti o bigotti – alle forme più estreme dell’ Islàm come Al-Qaeda o Daesh ( ISIS ) . Sembra dunque che , mentre il conflitto israelo-palestinese in sé e per sé si sia “ islamizzato ” ( allontanandosi da soluzioni Marxiste o nazionaliste ) , la retorica pro-Palestina si sia allontanata progressivamente da argomenti Islamici e squisitamente religiosi . La reticenza a usare una retorica religiosa da parte dei Musulmani può essere ricollegata alla sinistra occidentale , che ha sempre avuto poco a che fare con la religione stessa . Quindi sì , il conflitto tra Israele e Palestina è speciale , non paragonabile a nessun altro e di primaria importanza per il futuro del Mondo Musulmano , dello Occidente e di almeno tre grandi religioni . Se poi sei un ateo filo-palestinese ( come me ) , non dimenticare comunque la religione : d’ altronde proprio per questo motivo siamo tutti ancor oggi a questo punto . Alastair Sloan è giornalista esperto di politica internazionale e diritti umani e scrive per MEMO , Al Jazeera English e Newsweek . Vai all’originale || I punti di vista e le opinioni espressi in questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità degli autori e non riflettono necessariamente il punto di vista di www.Arabpress.eu | | B " H _ Rita Bernardini cara , ABBIAMO BISOGNO DI TE al convegno , come ai successivi DIBOTTITI ...
      Rispondi 0 0
CARICAMENTO...