Terremoto: ecco il software per controllare il cemento che l’Italia snobba

:
3 Settembre 2016

All’indomani della pubblicazione della vignetta satirica di Charlie Hebdo sul sisma che ha colpito il centro Italia, il mondo del web si è “indignato” riportando in auge l’annosa polemica sul limite della satira. Stesso discorso, ma con esiti differenti, che un anno e mezzo fa monopolizzò il web dopo l’attentato terroristico subito proprio dalla redazione del magazine parigino, che costò la vita a 12 persone. Sebbene una larghissima parte dell’opinione pubblica abbia manifestato disgusto e indignazione, c’è pure un’altra fetta di utenti più “colpevolista”, che ha assimilato e in un certo qual modo “accettato” il riferimento di Charlie Hebdo agli appalti truccati, alle infiltrazioni mafiose e ai metodi di controllo inesistenti su alcuni degli edifici crollati. Un discorso stereotipato dai francesi con il termine “mafia”.

Per questo, chi vorrebbe lottare contro la corruzione e a favore della trasparenza, potrebbe prendere spunto dalla polemica per approfondire il discorso intorno ai metodi di verifica e certificazione dei materiali utilizzati per la costruzione di immobili.
C’è una società svizzera, ad esempio, che ha messo a punto una procedura codificata (le cui metodologie esecutive sono coperte da brevetto in gran parte dei paesi europei) che consente, con l’uso combinato di smartphone o tablet in ambiente Android e lettori RFID (Radio Frequency IDentification) o QrCode, lo svolgimento di operazioni di controllo e certificazione in innumerevoli campi: dall’edilizia, agli impianti più o meno complessi, alle verifiche di autenticità di singoli pezzi, componenti, opere d’arte, etc.
La tecnologia Rfid, abbinata all’applicazione NFC (Near Field Communication) consente di semplificare controlli e validazioni. Nel caso degli impianti, ad esempio, ogni elemento è caratterizzato da un Tag che ne riassume le caratteristiche e l’esatta posizione all’interno di un sistema. L’operatore addetto alla verifica o manutenzione, munito di uno smartphone preventivamente autorizzato a quella specifica verifica, riceve all’inizio del proprio turno una “to do list” degli elementi da controllare. Semplicemente avvicinando il proprio device al codice viene segnalata l’ora di inizio della verifica, procedura da ripetere alla fine dell’intervento, correlando la segnalazione con eventuali anomalie o danni. Il software collegato alla metodologia descritta permette all’operatore addetto di generare in automatico il rapporto d’intervento.

Questa procedura, applicata al campo dell’edilizia, potrebbe assumere un carattere rivoluzionario. Basti pensare alla necessità da parte di un Direttore Lavori di certificare il controllo sui materiali impiegati. Appositi Tag messi a punto nello specifico per l’impiego del calcestruzzo fresco, ad esempio, possono permettere al Direttore Lavori di fotografare il Tag in questione all’atto del riempimento della cubiera con il calcestruzzo da verificare, ottenendo così in automatico la certificazione della data e dell’ora del prelievo.
Sarà un caso, ma le istituzioni nostrane, e persino i privati a cui è stata proposta, non si sono mostrate per nulla recettive a un tipo di strumento non solo tecnologicamente avanzatissimo, ma per giunta tra i più sicuri mai ideati.

Daniele Dell’Orco

TAG:
CAT: infrastrutture e grandi opere

6 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. alessia-dieugenio 4 anni fa

    Interessante. Segnalo però questo articolo di Luttazzi che mi sembra faccia riflettere sui molti modi in cui si scegli di far emergere i bersagli della critica. https://danieleluttazzi.wordpress.com/2016/09/05/sulla-vignettaccia-di-charlie-hebdo-domande-e-risposte/

    Rispondi 0 0
  2. gianluca-marino 4 anni fa

    Vorrei dire 2 cose

    1. “La satira a volte fa ridere, a volte no. La sua ragione sociale e’ indurre una riflessione”. E chi vuol far riflettere? Il popolo. Quindi prima che forte, la satira deve essere CHIARA. Questa vignetta è forte e confusa. Tanto confusa che hanno dovuto appiccicarci una battuta di “spiegazione” (hei italiani, ma noi ce l’avevamo con la vostra mafia…). Conclusione? Io sono e sarò sempre Charlie Hebdo ma per come fanno satira questi peracottari è evidente che presto chiuderanno i battenti (e mi sa che lo hanno capito anche loro e che questo è un bieco tentativo di farsi pubblicità con poco sforzo).

    2. La divisione non è tra satira e parodia altrimenti i due Guzzanti maggiori non troverebbero collocazione. La divisione che ha senso è tra satira e comicità. La prima si basa sulla parola (es. Luttazzi, pace all’anima sua), la seconda sul corpo (es. Benigni). In questa divisione netta ci sono le sfumature come Crozza e i Guzzanti, appunto.

    Rispondi 0 0
  3. gianluca-marino 4 anni fa

    Aggiungo che il mio commento era per l’altro vostro post ma purtroppo non riesco a inserirlo (ne approfitto dunque per segnalare un baco nel vostro sito subito dopo avere effettuato la registrazione con Chrome)

    Rispondi 0 0
  4. moni62 4 anni fa

    Allora se fosse veramente satira l avrebbero fatta pure su di loro bataclan et Nizza e charlie hebdo…questa è pure grettezza

    Rispondi 0 0
  5. nonnopaolo 4 anni fa

    “TERREMOTO: ECCO IL SOFTWARE PER CONTROLLARE IL CEMENTO CHE L’ITALIA SNOBBA” è un titolo assolutamente fuorviante, che fa credere che si parli di tutt’altra cosa rispetto al reale contenuto dell’articolo. Il software, o per meglio dire il “sistema” (perché non è solo software), per come è descritto, può tuttalpiù fornire un ausilio alla gestione dei controlli, e nulla più. Può tuttalpiù aiutare, agevolare, ma di certo non è uno strumento tecnico che “controlla” i materiali, e tanto meno controlla il cemento del titolo, o che può rivoluzionare i controlli.

    Rispondi 0 0
  6. renato2200 4 anni fa

    per dire le tue cazzate dovevi usare la vignetta ancora

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...