Terni, se il crocifisso non c’entra con l’aggressione, ma nessuno lo dice

:
16 maggio 2015

È da ieri che rimbalza una storia di quelle che, sia come sia, inquietano. La storia ormai l’abbiamo letta tutti ed è quella di una ragazzina di dodici anni, aggredita fuori dalla scuola da un compagno di classe senegalese e da questi ferita perché “aveva il crocifisso al collo”. Le principali testate italiane la riportano ieri nel tardo pomeriggio o in serata. In ogni titolo campeggia la parola “crocifisso”, ogni articolo spiega, con più o meno dubbi e periodi ipotetitici che sì, un dodicenne senegalese ha aggredito una bimba italiana perché aveva il collo il crocifisso. A leggere con attenzione, in effetti, qua e là, qualche dubbio poteva emergere: in alcuni casi si riferisce che questa è la versione della madre della bambina aggredita, in altri si dice che invece è la versione data dagli inquirenti che l’avrebbero addirittura avuta dal giovanissimo aggressore senegalese.

Massimo Colonna, giornalista umbro, decide di non fermarsi alla versione circolante e sente anche la dirigente scolastica dell’istituto della quale correttamente non riporta il nome, per non rendere individuabili la scuola e i minorenni coinvolti. La docente spiega che le motivazioni religiose non c’entrano. Non possono c’entrare – dice – perché le parole da tutti messe in bocca al minorenne senegalese non sono compatibili col fatto che il bambino è arrivato in Italia a fine aprile, non parla per nulla la nostra lingua e, insomma, sta affrontando tante difficoltà di integrazione. Ha fatto una cosa grave, ma il crocifisso non c’entra, la religione non c’entra, l’Islam che odia i cristiani non c’entra. In effetti, anche un inviato di Repubblica che fa visita alla bambina ferita e alla sua famiglia racconta il giorno dopo una storia diversa: una brutta storia di aggressione, che nulla ha a che fare con il crocifisso. E anche il vescovo di Terni aveva gettato acqua sul fuoco, avanzando distinguo e prudenze.

Prudenze che, naturalmente, non hanno utilizzato Giorgia Meloni e Matteo Salvini, impegnati nella solita patetica corsa degli avvoltoi che puntano a planare per primi sulla vittima da becchettare. Agli avvoltoi, tuttavia, non si può chiedere di essere diversi da quello che sono. Perché nutrirli con informazioni approssimative, non verificate, imprudenti? Per un pugno di click? Dite davvero?

TAG: crocifisso, dodicenne aggredita, terni
CAT: Integrazione

7 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. ed 4 anni fa
    "Non possono c'entrare"??? Ma come scrivi? Che lingua è?
    Rispondi 0 1
    1. jacopo 4 anni fa
      In Italiano: http://www.treccani.it/enciclopedia/c-entra-o-centra_%28La_grammatica_italiana%29/
      Rispondi 0 1
      1. ed 4 anni fa
        "Non possono entrarci" è italiano. "Non possono centrare" no. E se vuoi un consiglio non insistere perché è uno di quegli errori che ti qualificano proprio male!
        Rispondi 0 1
        1. ed 4 anni fa
          Tie'! Persino il correttore ha rifiutato di lasciarmi quell'apostrofo fuori posto!
          Rispondi 0 1
          1. carlo-fronteddu 4 anni fa
            ed, l'italiano non sai proprio dove stia di casa. I correttori automatici non sono onniscienti.
            Rispondi 0 0
  2. ed 4 anni fa
    E anche dal punto di vista dei contenuti, i due articoli che linki dicono solo che la dirigente scolastica ha negato il nesso religioso (negando che possa aver detto "togliti il crocifisso" visto che non parla italiano), ma la ragione pare proprio religiosa: il ragazzino ce l'aveva proprio col crocifisso. Io non sono credente, né cristiano, né islamofobo (il crocifisso finiva fuori dalla finestra ogni primo giorno di scuola). Non ne faccio una questione identitaria di "loro contro noi" , ma ne faccio una questione di onestà intellettuale: se racconti una storia, fallo correttamente. Questo ragazzino deve aver subito chissà che esperienze, e chissà che lavaggi del cervello, per avere una tale avversione per il cristianesimo a 12 anni, ma sembra proprio avercela! Poi magari, se qualcuno si degnasse di investigare sul serio, potrebbe saltar fuori che è una delle tante vittime di qualche missionario pedofilo; o che è cresciuto terrorizzato da una delle tante milizie cristiane che imperversano in molte zone dell'Africa (ma in Salvinopoli si parla solo di quelle islamiche). Però la balla che il crocifisso non c'entri nulla e che si sia trattato solo di un bisticcio tra bambini, francamente non sta in piedi.
    Rispondi 0 1
    1. jacopo 4 anni fa
      ah, ora ho messo a fuoco. il problema è l'infinito. la ringrazio della lezione, la prossima volta starò attentissimo: nel merito della vicenda, tuttavia, continuo a pensare che l'argomentazione da me scelta sia corretta, perché le fonti testuali non accreditano in nessun modo il fondamento religioso della vicenda. Mi stia bene, se riesce si firmi con nome e cognome, non c'è niente di cui vergognarsi (di solito) :)
      Rispondi 1 1
CARICAMENTO...