#PrimarieMilano: su Facebook vince Majorino, davanti a Balzani e Sala

:
2 Febbraio 2016

In attesa delle primarie, PomLab (Laboratorio sui media e l’opinione pubblica dell’Università di Milano) ha realizzato una prima analisi delle fanpage dei candidati su Facebook. Iniziamo con un articolo di Francesca Arcostanzo, Massimo Airoldi, Stefano Camatarri.

Trending topic della scorsa settimana sui social media, a Milano la campagna elettorale #primarieMilano è al centro dell’attenzione mediatica. Il 6 e 7 febbraio tutti i residenti che abbiano compiuto il 16esimo anno di età potranno votare alle primarie del Partito Democratico per eleggere il loro candidato a Sindaco di Milano in vista delle prossime elezioni amministrative.

In attesa delle primarie, abbiamo realizzato una prima analisi delle fanpage dei candidati su Facebook al fine di rispondere ad alcuni interrogativi: quali sono i candidati che hanno maggior successo sul social network, e quali meno? Quali le tematiche che riescono a stimolare un maggiore coinvolgimento degli utenti? Esistono issue di “proprietà” di un candidato?

Engagement

Selezionando un arco temporale di un mese – dal 22/12/2015 al 22/01/2016, per un totale di 411 post – abbiamo inizialmente analizzato tutti i post pubblicati sulle pagine di Giuseppe Sala, Francesca Balzani, Antonio Iannetta e Pierfrancesco Majorino, per vedere la capacità di ciascun candidato di stimolare engagement

La Tab. 1.1. riassume le caratteristiche principali delle diverse pagine: numero di post, numero di like, numero di commenti, numero di condivisione e, infine, engagement totale nell’arco di tempo selezionato.
Schermata 2016-02-02 a 15.35.51
Tab. 1.1. Performance delle fanpage dei 4 candidati dal 22/12/2015 al 22/01/2016

Già da questi primi dati è possibile vedere come, complessivamente, il candidato in grado di stimolare maggior coinvolgimento tra il pubblico è Pierfrancesco Majorino, seguito da Francesca Balzani, Giuseppe Sala ed infine Antonio Iannetta.

Il risultato è confermato anche dalla Fig. 1.1, in cui viene presentata un’analisi dell’andamento delle pagine dei candidati nell’arco di tempo considerato. In questo caso, per evitare possibili distorsioni dovute al diverso numero di post pubblicati giornalmente da ciascun candidato, abbiamo tenuto in conto dell’engagement medio giornaliero. Anche utilizzando questa accortezza, la “graduatoria” dei candidati in base alla loro capacità di coinvolgere il proprio pubblico online rimane la stessa: primo Majorino, seconda Balzani, terzo e quarto rispettivamente Sala e Iannetta. Il “picco” del 4 gennaio è infine determinato da un post di Pierfrancesco Majorino in cui il candidato fa riferimento alle minacce di morte ricevute in seguito al suo impegno a favore delle moschee a Milano e ribadisce il suo impegno a favore dell’integrazione culturale e religiosa.

Schermata 2016-02-02 a 15.39.05

 

Issue mapping

Nella seconda parte della nostra analisi abbiamo invece preso in considerazione solo i post con un livello di engagement (i.e. somma di like, commenti e condivisioni) superiore a 200, per cercare di capire su quali argomenti ciascun candidato sia in grado di mobilitare un maggior numero di cittadini, per un totale di 140 post.

Dal momento che il nostro intento era quello di individuare le tematiche più care agli elettori, tra i 140 post abbiamo selezionato soltanto quelli in cui era esplicitato un riferimento a issue specifiche, includendo in questa categoria sia le aree di policy a cui i candidati fanno riferimento, sia i valori di cui gli stessi si fanno promotori, per un totale di 56 post. La Fig. 1.2. rappresenta il numero di post per ciascuna delle issue identificate, distinte in base alle diverse pagine di provenienza.

Come si può vedere dalla Fig. 1.2, le issue emerse dalle pagine Facebook dei candidati sono svariate. Al primo posto abbiamo le tematiche ambientali, tra le priorità dei fan dei due candidati Majorino e Balzani. Seguono la questione dell’integrazione culturale e religiosa, le proposte a sostegno del reddito (reddito minimo di cittadinanza, asili nidi semi-gratuiti, abbonamento  ATM gratuito per i disoccupati, misure a sostegno per la giovani coppie) e, a livello valoriale, l’importanza dell’antifascismo, tutte issue particolarmente care ai fan di Majorino. Uguaglianza di genere e bilancio partecipativo sono invece al centro di alcuni dei post più apprezzati della candidata Balzani.

Schermata 2016-02-02 a 15.41.18

 

Fig. 1.2. Top post associati a ciascuna tematica, distinti in base alla pagina di provenienza. Periodo di riferimento: dal 22/12/2015 al 22/01/2016.

Infine, la Fig. 1.3. presenta una visualizzazione grafica del livello di engagement associato a ciascuna delle tematiche identificate: più grande è la “bolla”, maggiore è il numero complessivo di interazioni ottenute dai post sul tema in questione. Anche in questo caso, integrazione culturale e religiosa, antifascismo e ambiente risultano essere i temi dominanti, ma anche altri temi trovano spazio, per citarne alcuni: misure a sostegno del reddito, riqualifica delle periferie e uguaglianza di genere.

Schermata 2016-02-02 a 15.44.18

Conclusioni

Con queste prime analisi siamo riusciti a farci un’idea dell’attività su Facebook dei candidati alle #PrimarieMilano, guardando in particolare al coinvolgimento degli utenti e alle tematiche discusse. In definitiva, ad emergere è un dibattito on-line in cui centrale è la discussione attorno ad alcune issue di carattere valoriale – immateriale (integrazione culturale e religiosa, antifascismo e ambiente), seguita da ulteriori tematiche di carattere socio-economico (sostegno al reddito e riqualifica delle periferie, per citarne alcune) e dal dibattito sulle unioni civili, che riscuote un discreto successo sebbene non si tratti di una tematica squisitamente locale.

Nel prossimo post proveremo ad analizzare il network di interazioni tra utenti Facebook e post delle pagine dei candidati, ottenendo così una misura della frammentazione dell’elettorato del Partito Democratico. Cercheremo infine di studiare più nel dettaglio il network di relazioni intorno ai top post e alle rispettive tematiche di riferimento.

TAG: antonio iannetta, Facebook, francesca balzani, giuseppe sala, pierfrancesco majorino, primarie 2016, sondaggi
CAT: Internet, Milano

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. antoniobianchi 5 anni fa

    Analisi interessante, grazie.
    Mi permetto solo di segnalare che le primarie sono del centrosinistra e non del solo pd.
    Poi una domanda sul metodo di valutazione di ciò che definite engagement: non è necessario pesare diversamente like, commenti e condivisioni?
    Scrivo da non utente di facebook, leggo solo alcuni post quando link da altre fonti portano su facebook, ho solo un account vuoto. Personalmente non ho mai sentito la necessità di cliccare “like”, indipendentemente dalla condivisione o no del post o del commento. E’ solo un mio atteggiamento che potreste considerare snobistico, oppure questa allergia al like ha qualche diffusione?
    Buon lavoro e grazie.

    P.S. Complimenti per la chiarezza della pagina, bellissimo font e interlinea, molto leggibile e piacevole.
    Posso permettermi un’osservazione sull’accessibilità della pagina? Gli alt text che avete messo associati ai grafici, del tipo “Schermata 2016-02-02 a 15.44.18″ non sono utili. Dato che l’informazione è già presente nella didascalia, con buona descrizione, la soluzione più adeguata è alt=””.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...