Vittorio Feltri forse non sa

:
25 Aprile 2020

Vittorio Feltri forse non sa che:
il napoletano ha nelle vene la fantasia, l’estro, la magia di legarsi all’infinito nel mare che ci culla e che ci ha donato le sirene tra cui Partenope, la Vergine bellissima che cercava l’amore nei vicoli e seminava di baci e carezze tutte le donne, e intonava con una musica melodiosa il suo dolce canto, per farle innamorare.
Perché le donne di Napoli sono belle, hanno i fianchi opimi, sono lussuriose e carnali, quando donano i seni prosperosi e non rifatti.
Perché è la città della Rivoluzione e dell’anarchia che ha conosciuto nella sua storia tutte le etnie, quella dei Normanni, degli Aragonesi, degli Angioni, dei saraceni, dei turchi.
È la capitale della cultura europea, come Parigi. Qui, prima che lì sono nati i teoremi della Rivoluzione: Napoli ha avuto Gaetano Filangieri, Antonio Genovesi, Mario Francesco Pagano ed il Re Carlo III che la portò sullo scenario del mondo nel cuore del settecento.
Perché è la fedele riproduzione della Magna Graecia e della capacità dialettica di elaborare il costrutto del pensiero, che raggiunge le vette alte della filosofia con Vico e con Croce.
Perché ha la più bella estate del mondo, in quanto il clima è mite, sente la freschezza del mare e la lucentezza del sole.
Perché qui è stata inventata la bella giornata, fatta di piccole cose che riempiono la vita: sorbire il miglior caffè e gustare la cucina più succulenta, la migliore del mondo.
Perché qui è nato Eduardo che ha capito la tirannia del tempo e la sofferenza del mondo dividendo la vita nei “giorni pari” dell’allegria e della felicità e dei “giorni dispari”, quando arriva la sfortuna non domata dalla “ciorta”, la buona sorte.
Perché qui ci sono stati i migliori musici di tutti i tempi, quelli del settecento che cantavano alla corte del Re Sole in Francia.
Perché anche i tedeschi si sono innamorati e si sono sciolti nel loro rigore teutonico. Goethe infatti provò, quando vide Napoli, la pazza gioia:

”Tutti vivono in una specie di ebbrezza e di oblio di se stessi. A me accade lo stesso. Non mi riconosco quasi più, mi sembra di essere un altro uomo. Ieri mi dicevo: o sei stato folle fin qui, o lo sei adesso”

(Viaggio in Italia).

Perché il calcio più bello è stato visto qui con Maradona,il pibe de oro, che ha incantato tutto il mondo e fatto impazzire questa città. Come lui non nasceranno più.
Perché qui c’è il mare, che fece dire alla scrittrice Anna Maria Ortese che nel vedere Napoli aveva avuto una vera rivelazione: “il mondo, fuori, era bello, bello assai”, e lei, fino ad allora, era stata come avvolta in una nebbia, (Il mare non bagna Napoli).
Perché qui la poesia ci ha portato Leopardi il giovane favoloso che scrisse la Ginestra:

“Dove tu siedi, o fior gentile, e quasi
I danni altrui commiserando, al cielo
Di dolcissimo odor mandi un profumo,
Seggo la notte; e sulla mesta landa
In purissimo azzurro
Veggo dall’alto fiammeggiar le stelle”.

Perché qui si raccontano sogni come se fossero veri, si parla con i morti e si litiga sui numeri da giocarsi all’indomani al lotto, per acchiappare la fortuna e continuare a vivere nell’eternità, senza mai morire.
Perché qui è nata la pizza, che un popolo offrì alla sua regina Margherita, che amava ed adorava. Oggi è patrimonio dell’umanità come ha sancito l’Unesco, portando Napoli a capitale del Mondo.

Perché Napoli è anarchia, astuzia, intelligenza rara, Metis, come dicono gli antichi greci.
Anche le difficoltà diventano poche cose. Il napoletano si arrangia e si mangia il mondo con le sue miserie ed i suoi squallori, perché sa sorridere e piangere: è baciato dagli dei.
È meraviglioso.

TAG: letteratura, napoli, Vittorio Feltri
CAT: Letteratura, Napoli

6 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. lina-arena 3 mesi fa

    Posso solo dire: che un giornalista come Feltri ce lo possiamo permettere solo noi che usiamo il quotidiano solo per avvolgere il pesciolino comprato in pescheria.Feltri è solo un privilegiato che può scrivere quel che vuole mentre io devo chiedere a voi il permesso in punta di piedi . Vi pare poco? Neanche il Virus ha la potenza di un Feltri.

    Rispondi 0 0
  2. beniamino-tiburzio 3 mesi fa

    Hiiiiiii !!!!!!,,,,,,che pizza ! Polemiche tanto ricorrenti quanto pedestri.

    Rispondi 0 0
  3. xxnews 3 mesi fa

    NAPOLI …. si NAPOLI è MAGIA E FELTRI è UNO SCIOCCO

    Rispondi 0 0
  4. maurizio 3 mesi fa

    e se semplicemente lo ignorassimo? Ormai è solo un cane che abbaia alla luna. Diversamente facciamo il suo gioco

    Rispondi 0 0
  5. alding 3 mesi fa

    Forse però bisogna anche imparare ad ascoltare ciò che la gente dice (magari in modo provocatorio). Napoli e tutto il Sud sono una ricchezza per il nostro Paese, purché lo sappiano e lo vogliano affermare ogni giorno anche tutti i suoi cittadini o almeno una grande maggioranza di essi.

    Rispondi 0 0
  6. vincesko 3 mesi fa

    Che noi meridionali siamo inferiori può essere, perché non è una questione di razzismo, ma di EDUCAZIONE (in senso lato).
    E le agenzie educative al Sud (in primo luogo la famiglia, poi la scuola, quindi la società) accusano – mediamente – un deficit quali-quantitativo evidente. Che fa massa critica. E che si tramanda tra le generazioni.
    E, intelligentemente, va ammesso.
    Ma, beninteso, questo criterio vale per TUTTI, inclusi tanti settentrionali (vedi i legaioli del Nord), incluso Feltri, che talvolta spara delle fesserie da minus habens, o i millanta esempi in Internet, anche – raramente, per fortuna – in questo sito.
    Quindi il giudizio non va mai generalizzato, ma riferito alle singole persone.
    E, soprattutto, il problema va affrontato e risolto tenendo presente l’eziologia, la causa: una non adeguata EDUCAZIONE, soprattutto nella primissima infanzia, quando si sviluppano le sinapsi, ma soltanto se sono sollecitate dall’ambiente, e il cervello è come una spugna.

    Educazione dei figli, in famiglia, dalla gravidanza a tre anni http://vincesko.blogspot.com/2015/05/educazione-dei-figli-in-famiglia-dalla.html

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...