Razzi a Energie per l’Italia: “Con troppi galli non fa mai giorno”

:
17 Settembre 2016

È lui il vero protagonista della seconda giornata di lavoro a “Energie per l’Italia” convention del centrodestra voluta da Stefano Parisi e benedetta da Silvio Berlusconi. Il senatore Razzi dispensa battute e suscita ilarità mormorate a bassa voce dagli astanti. In assenza della nomenclatura del centrodestra e della sua classe dirigente ( si registra solo la presenza dell’Ex ministro Sacconi e di Claudio Scajola) i lavori proseguono senza quell’energia di cui invece Mr.Chili va in cerca. Così si dispiega una mattinata priva di quel mordente e di quell’entusiasmo che una forza politica dovrebbe utilizzare come leva per rinnovare se stessa e il proprio percorso. Sotto traccia, ma neppure troppo, in tanti notano quello che nota chiunque debba raccontare l’evento. Non ci sono leader politici, non ci sono stimoli, non c’è quell’entusiasmo che dovrebbe fare da leva per cambiare davvero le cose. Si respira un ‘aria da stand by, da attesa messianica di conoscere cosa deciderà di fare il padre che c’è anche quando non c’è: Silvio Berlusconi. Alla fine è lui il protagonista: Antonio Razzi

TAG: antonio razzi, Energie per l'Italia, milano
CAT: Milano

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. beniamino-tiburzio 4 anni fa
    Il Centrodestra è sceso sotto la rotula......ed è per questo che mi sembra di poter dire, con assoluta sincerità e senza ironia, che il Razzi è una persona di tutto rispetto in politica e sicuramente divertente.
    Rispondi 0 0
  2. mabau-smart 4 anni fa
    Siamo a posto. Crozza for President!!
    Rispondi 0 0
  3. evoque 4 anni fa
    Io non riesco più a ridere alle boutade di Razzi: quando Crozza lo imita, cambio canale. Il perché è presto detto: se penso che questo signore furbo, anzi, furbastro è in parlamento a rappresentarmi, a 15 mila euro mensili più i rimborsi (aggiungiamone altri 10 mila), ed è di tutta evidenza un semianalfabeta, con quel che ne consegue, beh, c'è quanto basta per non volerlo più vedere, e neppure sentire. Non voglio rovinarmi il fegato
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...