Salvini:”Via centomila clandestini l’anno, no all’eutanasia di Stato”

:
11 Dicembre 2017

Non si può certo dire che non abbia il dono della chiarezza. Matteo Salvini in un minuto e mezzo riassume i perni attorno a cui ruoterà la sua campagna elettorale. Flat Tax al 15%, “già depositata in Parlamento da due anni”, via la legge Fornero, centomila espulsioni l’anno e soprattutto nessuna alleanza con Di Maio “perché  il centrodestra vincerà le elezioni”. E sullo Ius Soli, ovviamente, spazio a chi è qui regolarmente, ma niente regali. E sulla sinistra che si tira indietro proprio su questa delicata materia: “Dalla sinistra ci si può aspettare di tutto e di più.  Sono contento di ritrovarmi a Roma per dire di no allo Ius Soli”, dice.

 

TAG: flat tax, immigrazione, Lex Fornero, matteo salvini
CAT: Milano

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea-lenzi 3 anni fa

    la destra, con i suoi valori distorti (conservare cosa, visto che mai hanno funzionato per il bene comune dio, patria e famiglia come intesa da loro) è sempre uguale a se stessa e genera sempre la stessa tipologia di leader che fanno e dicono sempre le stesse cose

    Rispondi 0 0
  2. andrea-lenzi 3 anni fa

    ius soli?

    Se sui migranti, addirittura il vaticano si è detto favorevole all’accoglienza, come mai la destra è contraria (qui come nel mondo)?
    il paradosso è solamente apparente ed elenco una mia analisi di due punti, purtroppo più lunga di quel che volessi, ma spero interessante:

    punto 1.
    il cristianesimo da sempre teme e perseguita i “diversi” e questa eco si riverbera nei valori di ogni partito di destra al mondo, che vedono la superstizione religiosa come qualcosa di buono in base alla quale vivere e fare leggi:

    i manifesti affissi in questi giorni da forza nuova “no immigrati ed omosessuali, l’Italia agli italiani” ne sono esempio tipico.

    Che l’intolleranza cristiana sia una costante che dura da 1.700 è storia verificabile:

    -nel 380 dopo Cristo, appena il cristianesimo fu dichiarato religione di Stato, per prima cosa i cristiani distrussero tutti i simboli religiosi degli altri culti: Il buongiorno si vede dal mattino al quale seguirono le persecuzioni di ogni “diverso”: “eretici”, ma anche credenti cattolici non allineati

    – gli ebrei: colpevoli di non aver salvato Gesù dai romani, furono perseguitati per 2000 anni in modo sistematico dai cristiani fino alle leggi razziali fasciste, redatte di vescovi e papà dell’epoca insieme ai gerarchi fascisti.

    -i gay: colpevoli solamente di avere gusti diversi dallo standard, a causa della pressione politica vaticana ANCORA OGGI non possono sposarsi, né adottare, cioè avere gli stessi diritti degli altri cittadini.

    -Ieri il cristianesimo impediva la cremazione, oggi impedisce l’eutanasia: quindi non si può decidere come morire;
    eppure con una tale legge il credente sarebbe sempre e comunque libero di scegliere come morire, ma lascerebbe libera scelta a tutti gli altri.
    Impedire una tale legge, quindi, è semplice imposizione a tutti del volere cristiano.

    -le donne sono ancora viste come macchine per fare figli e ancora oggi, di fatto, a loro è reso difficile abortire ma nel contempo è ostacolata l’educazione sessuale sui media ed a scuola (e poi i cristiani però protestano contro gli aborti che questa loro censura ha causato);
    non è un caso che la festa della donna non sia ancora una festa nazionale, mentre lo sono decine di festività religiose assurde come la pretesa concezione di una vergine che partorirà un dio per salvare il mondo da una punizione che sempre lo stesso dio vuole applicare forse con un diluvio eterno, perché affogarli non gli è bastato…

    -tale naturalezza nell’imporsi, infine, la viviamo tutti i giorni:
    i cristiani, pur essendo liberi di portare tutti i simboli religiosi addosso, pretendono che tutti debbano vedere il crocifisso addirittura negli edifici pubblici (di uno stato che è laico in base alla propria Costituzione!);

    Rispondi 0 0
  3. andrea-lenzi 3 anni fa

    eutanasia?

    resta indispensabile fare una legge sull’eutanasia, perché c’è chi vuol morire con dignità e NON di fame/sete/asfissia perché lo staccano dalla macchina che lo tiene in vita.

    Tra l’altro OGNI persona determinata ed in grado di farlo, si è tolta la vita tranquillamente, a sottolineare che chi non permette una legge sull’eutanasia è un ipocrita barbaro che vuole imporre agli altri ciò che a lui, e solamente a lui, pare giusto fare: insomma un credente doc.

    con una legge che permettesse l’eutanasia il cristiano potrebbe comunque “morire alla cristiana”, ma gli altri sarebbero liberi di scegliere;
    SENZA una legge siamo TUTTI costretti a morire “alla cristiana” ed ecco il vero motivo per il quale la legge manca: il credente si IMPONE.

    Idem per il crocefisso in aula:
    La religione è come il fumo ed occorre lottare contro il fumo passivo.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...