Scuola di Via De Curtis a Milano senza aria condizionata

:
14 luglio 2018

Si trova all’angolo tra Via Ugo Tognazzi e Via A.De Curtis ( in arte Totò) a Milano, ma non c’è niente da ridere.
Si tratta di una scuola, di recente costruzione, aperta in questi giorni afosi, per le famiglie che lì iscrivono i propri bambini per le attività estive. E c’è un problema: non c’è aria condizionata nelle aule e non c’è neppure un albero sotto cui ripararsi a cercare un pò d’ombra nel parco interno alla scuola. Chiamato dall’Unione sindacale di Base mi reco sul posto. Siamo proprio a ridosso del Quartiere Adriano, dietro un enorme supermercato della famiglia Caprotti. Lì parlo con alcuni genitori che mi confermano i fatti. “Stiamo da tempo facendo presente al Comune che la condizione in cui si trovano i bambini é insostenibile” mi dice una mamma che attorno alle 17.15 viene a prendere sua figlia. E la condizione venutasi a creare non é nuova: c’era – uguale, uguale – anche l’anno passato. Quando accendo la telecamera per intervistare Mariangela Saggese dell’Usb, in un attimo le inservienti dell’Istituto sbarrano le porte d’ingresso. Non parliamo quindi dell’ipotesi di poter entrare e filmare. Niet. Per questo sento i genitori che vengono a prendere i loro bambini. Ad uno di loro domando se per caso non siano le famiglie a portare dei ventilatori a scuola per supportare i figli in queste ore di afa pesante, all’interno di un’estate meno torrida di altre stagioni grazie alle frequenti pioggie. “No, non possiamo. É fatto divieto che le famiglie possano far entrare questo tipo di materiale”
La stessa rappresentante sindacale mi racconta che ci sono stati momenti in cui, organizzando giochi all’aperto con l’acqua, interni al giardino scolastico, sono stati interrotti. L’acqua, scaldata dal sole, in alcune circostanze diventa cosi bollente da rendere impraticabile anche i giochi. Il paradosso é che la scuola é nuova. E dunque sorge spontanea una domanda: costruendo una scuola in
un’area notoriamente soggetta a forti ondate di calore durante l’estate, non si poteva pensare di dotarla di un sistema di raffreddamento che almeno mitigasse il caldo insopportabile?

TAG:
CAT: Milano

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...