Il buonuomo Lenin

:
30 Giugno 2018

La fine del comunismo sovietico ha consentito, ad una parte intelligente dell’opinione pubblica che si dichiarava comunista e che riponeva fiducia nelle idee che presiedettero alla rivoluzione d’ottobre, di uscire fuori da un’imbarazzante ambiguità nella quale era vissuta, quella di dovere difendere, in nome dei principi e della solidarietà marxista, situazioni che facevano a pugni con gli ideali di giustizia, di eguaglianza e di democrazia che stavano alla base della loro visione del mondo.

Finalmente, liberata dalla opportunità di lavare i panni sporchi in casa, quel pezzo di società poteva infatti permettersi di elevare critiche al modo in cui si era realizzato il comunismo nell’Europa dell’est.

Naturalmente, siccome denunciare in toto quel sistema avrebbe comportato il riconoscere di avere sbagliato, per uscire indenne dall’inghippo, si era ritagliata una versione tutta propria di quanto era avvenuto dopo la rivoluzione d’ottobre individuando nelle deviazioni staliniane gli errori del comunismo, insomma si era invertita la massima cristiana che va condannato il peccato e salvato il peccatore.

Così, la versione ufficiale, accettata anche in nome del politically correct, ha fatto di Giuseppe Stalin il mostro cattivo da condannare contrapponendolo a Lenin che poteva banalmente definirsi il “buono”; in poche parole il sistema sarebbe stato diverso se Lenin non fosse precocemente morto e se Stalin non avesse preso il potere.

Versione di comodo che viene smentita da un’attenta e fredda valutazione dei fatti che, invece, ci dicono che fra Lenin e Stalin, entrambi dittatori indiscutibili, piuttosto che una soluzione di continuità ci sia stata una sostanziale convergenza di conduzione politica, naturalmente tenendo presente fatti e situazioni che negli anni sono cambiate.

A confermarlo è il profilo, oggi ripubblicata per il tipi di Adelphi  con il titolo “Il buonuomo Lenin”, che Curzio Malaparte disegna del fondatore della Russia bolscevica.

Un libro scritto all’inizio degli anni trenta, pubblicato in Francia nel ’32, che approda solo ora in una traduzione filologicamente corretta per il pubblico italiano.

Si tratta di un saggio letterario che spezza la retorica agiografica che sull’uomo Lenin si è costruita nel tempo e riporta il padre della rivoluzione alla sua nuda realtà, quello di un fanatico, piccolo borghese, estremamente sospettoso, che costruisce a tavolino l’ordito della rivoluzione socialista.

Lenin, ci dice Malaparte, è molto distante da Marx, iin quanto il primo “ha l’ambizione di interpretare la realtà” mentre il secondo “ha la presunzione di trasformare la società” di modificare la natura umana per costruire il “comunista”.

Anche se lui amava paragonarsi a Pietro il Grande, salvo Maximilien Robespierre – Trotzkij lo chiamava proprio Maximilien Lenin – e Oliver Cromwell, Malaparte non trova nella storia personaggi che possano in qualche modo essergli avvicinati.

Individuo fondamentalmente timido, si trasforma in un uomo violento, assolutamente intransigente, che lo porta a disprezzare tutti coloro che gli stavano attorno, “ li definiva batteri della rivoluzione”, il suo disprezzo riguardava soprattutto coloro che emergevano sul terreno dell’azione verso la quale non era particolarmente vocato, Lenin identificava se stesso con il progetto rivoluzionario: non è un caso che qualche volta si lasciasse sfuggire la frase “io sono la rivoluzione”.

La rivoluzione per Lenin non nasce dai fatti o dalle situazioni obiettive ma dalle sue stesse speculazioni teoriche. La sua ossessione paranoica era quella di schiacciare gli avversari, stabilire la propria dittatura personale così da fargli affermare che “tutto ciò che utile a questo scopo, è morale”.

Meraviglia, ricordare che “all’infuori del marxismo, delle dottrine dipendenti dal marxismo, le sue conoscenze erano così limitate che non esitava ad autodefinirsi ‘un ignorante nel senso borghese del termine’”. Lenin, scrive Malaparte, era un incorruttibile che, come tutti coloro che non si lasciano corrompere né dal denaro, né dall’amore, né dalla vanità, né dagli avvenimenti è capace di commettere i delitti più orribili” . E di quelle cose orribili ne fece tante.

E se qualcuno si permetteva di ricordargli quel che di tragico avveniva nell’impero comunista, lui lo allontanava stizzito gridando che, come “funzionario burocrate”, giustificava il terrore e, in quanto era impegnato a costruire lo Stato comunista, null’altro poteva interessarlo.

A Lenin, nonostante tutto, sfuggiva il senso della realtà, al punto che quando si scontrerà con essa, se ne creerà una propria, artificiale, difesa dal suo chiudere gli occhi su quanto gli stava attorno.

Un lucido paranoico il cui vero obiettivo era il potere, e solo il potere.

TAG: comunismo, lenin, marxismo-leninismo, rivoluzione d'ottobre, Stalin
CAT: Storia

9 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. ennioabate-alice-it 2 anni fa

    E questo è il secondo brutto articolo che leggo sull’argomento. (Il primo qui:http://www.leparoleelecose.it/?p=32753). Ma che banali porcherie scrivete appoggiandovi a Malaparte e andando a rovistare nel pettegolezzaio aneddotico! Studiate un po’ di storia prima di dar voce alle vostre meschine paure che oggi possono passare per verità grazie alla «dittatura dell’ignoranza» che così alimentate. Siete STATI GENERALI, non stati confusionali e parolai.

    Rispondi 0 1
  2. pasquale-hamel 2 anni fa

    Comprensibile reazione di chi ha vissuto nella favola e non ama essere svegliato

    Rispondi 0 0
  3. pasquale-hamel 2 anni fa

    Comprensibile reazione di chi ha vissuto nella favola e non ama essere svegliato

    Rispondi 0 0
  4. lina-arena 2 anni fa

    articolo che condivido, apprezzo e ammiro. Il testo di Malaparte sarà lucido e magari in qualche parte non proprio apprezzabile, ma rimane fermo un dato: Lenin ha impèersonato l’errore e la perversione cui poteva condurre il marxismo. A latere, suggerisco di leggere un bel libro scritto da Rosanna Armeni sulla figura di Inessa Armand che è stata amante di questo losco personaggio e distrutta fisicamente dalle angherie e dal comportamento ignobile del nostro. Il libro dell’Armeni è molto bello e stranamente è stato definito un romanzo e non un libro di storia. Forse per la paura ancestrale dell’ambiente della sinistra comunista che ancora incute paura agli adepti.

    Rispondi 0 0
  5. ennioabate-alice-it 2 anni fa

    @ PASQUALE HAMEL

    Uno storico che si basa esclusivamente su un saggio letterario di Malaparte. Favoloso!

    Rispondi 0 0
  6. pasquale-hamel 2 anni fa

    Forse l’averla svegliata senza troppa delicatezza le ha provocato confusione, non è reso conto che questa è la recensione del libro di Malaparte che purtroppo per lei corrisponde alla realtà dei fatti. Se poi vuole continuare a godere dell’illusione rivoluzionaria non sarò certo io a disturbarla, nessuno le impone di leggere il mio articolo

    Rispondi 0 0
  7. ennioabate-alice-it 2 anni fa

    Lei non ha svegliato nessuno che si culli in illusioni rivoluzionarie. Ha semplicemente scritto una recensione banale del libro di Malaparte, pur essendo a quanto leggo dalla sua bio storico di professione.

    Rispondi 0 0
  8. pasquale-hamel 2 anni fa

    Visto che le pare banale, solo perché mette in crisi un gigante dai piedi di argilla, non versi altra bile

    Rispondi 0 0
  9. ennioabate-alice-it 2 anni fa

    Non è bile, è scherno.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...