Inseguire Grillo, mimare Silvio, trovare nemici: il nuovo spartito di Renzi

18 maggio 2017

“Ora è solo segretario del Pd. Figuriamoci se dovesse tornare presidente del consiglio…”. La riflessione appartiene a un parlamentare del Pd, renziano non della prima ora, ma appartenente dell’inner circle del segretario. La nostra fonte, che naturalmente vuole restare anonima, racconta di un malessere di fondo presente all’interno del partito che il successo di Renzi alle primarie non ha lenito. Il nocciolo della questione è il seguente: cosa vogliamo fare, a parte tornare al potere, per il Paese? Qual è il nostro progetto politico per l’Italia? Quali sono le coordinate che su economia, lavoro, imprese, disoccupazione, divario tra Nord e Sud, rapporto con l’Europa, politica industriale, vogliamo dare alla nostra rotta? La riesplosione dei casi Banca Etruria e Consip, inoltre, non fanno altro che aggravare la situazione. Le polemiche degli ultimi giorni su Maria Elena Boschi e papà Renzi hanno restituito all’opinione pubblica l’idea di un fortino assediato, con Renzi e i suoi stretti dentro a difendersi, circondati da nemici all’assalto finale. E l’idea di un gruppo chiuso che cerca di fare i propri interessi, non solo politici, non è il biglietto da visita migliore da spendere per la prossima campagna elettorale. Tanto più che dal fronte giudiziario, bancario e dalle intercettazioni non si sa cos’altro potrà venir fuori da qui alle prossime settimane o mesi.

Il ragionamento che alcuni renziani fanno, comunque, è il seguente: non possiamo tornare a Palazzo Chigi senza una prospettiva e senza cambiare il modo di approcciare alle questioni. Perché, è il pensiero di molti, i primi segnali ci dicono che Renzi è sempre lo stesso, non ha imparato nulla dalla sconfitta, non ha minimamente cambiato strategia. Come ha fatto notare anche il direttore del Corriere della Sera nel suo editoriale di domenica scorsa. “L’ex premier non ha ancora elaborato la sconfitta referendaria, è tornato sulla scena, dopo la vittoria alle primarie, come se nulla fosse accaduto. Parole d’ordine e atteggiamenti simili. E tanta insofferenza per le voci critiche e le notizie scomode”, ha scritto Luciano Fontana. Parole che in Parlamento alcuni deputati del Pd hanno sottolineato a penna, per poi farle leggere ai colleghi più distratti. “Leggi qua. E’ esattamente così”.

Una prova? Basta dare un’occhiata alla nuova “Matteo Renzi News”, pagina Facebook che ha iniziato a martellare contro tutti e tutti, sottolineando le sortite dei pasdaran renziani (e di Renzi stesso) contro grillini, scissionisti Pd, giornali considerati nemici. Post agiografici verso i fedelissimi, irriverenti e denigratori – veri e propri sfottò – verso gli avversari, come un derby continuo e senza sosta tra bene e male. Alla comunicazione del Pd, però, nessuno vuole lasciarci sopra le impronte digitali. “Non la facciamo noi”, dicono dall’ufficio stampa del Nazareno. “La guardiamo sempre ma non sappiamo chi è a realizzarla”, dicono dalla comunicazione dei gruppi parlamentari. “Non sono io a occuparmene”, risponde Filippo Sensi. “Io non c’entro”, nega Michele Anzaldi. Ma le nostre fonti raccontano che la “Matteo Renzi News” sia voluta dallo stesso Renzi, che ha commissionato il lavoro ad esperti, all’interno della comunicazione del Pd. D’altronde il lavoro è enorme: almeno una ventina di post al giorno sempre in tempo reale sull’ultima notizia, polemica o dichiarazione. Post che hanno il sapore e lo stile irriverente di un Beppe Grillo piuttosto che di un ex premier candidato a governare di nuovo l’Italia.

Il modo di comunicare dimostra che l’ex sindaco di Firenze non ha smesso di porsi nell’agire politico sempre in contrapposizione con qualcun altro. In questo assomiglia molto a Silvio Berlusconi, che dava il meglio di sé con un nemico davanti. Per Matteo una volta è la minoranza del suo partito, un’altra è Grillo, una volta è l’Europa, poi è Salvini, un’altra ancora è la stampa. “Il problema è che a un leader gli si può perdonare quasi tutto, anche toni sopra le righe, a patto che la sua azione politica sia efficace, che abbia contenuti, che mostri ai suoi elettori di avere un programma politico. Se tutto questo non c’è, allora restano solo polemiche e macerie”, continua la nostra fonte. E da ciò s’intuisce che nel Pd il lavoro sul programma per la prossima legislatura è fermo al palo. Tommaso Nannicini, principale consigliere economico dell’ex premier, che sarà presto nella segreteria del partito, non si sbilancia. Dal Nazareno arriva però uno spiffero: Renzi vuole tornare a battere le strade di sinistra, con riforme progressiste sulla scia delle unioni civili; ma al contempo in campagna elettorale tirerà fuori dal cilindro una sorpresa in stile Berlusconi sul taglio delle tasse e l’alleggerimento della pressione fiscale. Sul resto è buio fitto, specialmente sul rapporto con l’Europa, con il suo entourage spaccato in due: da una parte quelli che gli consigliano prudenza, specialmente se Angela Merkel rivincerà alla grande le elezioni tedesche. Altri suggeriscono un approccio più salviniano: fare la voce grossa, contestare molto se non tutti, battere i pugni sul tavolo. Renzi caratterialmente propenderebbe per la seconda strada, ma sa anche che si tratta di un crinale molto pericoloso, difficile da intraprendere con i numeri della nostra debole economia, che sarebbe ancora più debole senza l’acquisto dei titoli italiani da parte della Banca Centrale Europea.

Infine il capitolo alleanze, ma qui entra in gioco la legge elettorale, che ancora non c’è e i cui tempi paiono allungarsi. Da quel che si evince Renzi ha in mente due alternative. La prima è votare con il proporzionale puro, in modo che ogni partito si conti nelle urne e poi, dopo il voto, si cerchino alleanze in Parlamento. E su questo fronte, piuttosto che doversi alleare con le ali estreme, da Sinistra Italiana ad Articolo 1 Mdp, Renzi non esclude un’intesa di governo con un Berlusconi orfano di Meloni e Salvini. Un’alleanza centrista che tenga dentro anche Angelino Alfano e, magari, Giuliano Pisapia. Oppure un Mattarellum corretto in senso proporzionale, che permetta di presentarsi con un’alleanza di centrosinistra dove Alfano e Pisapia sono contemplati, Bersani e D’Alema no. Questo è lo schema per la politica nazionale, differente da quello per le amministrative, dove nel 70% dei casi Pd e scissionisti si presentano insieme.

Quello che però appare logoro è il suo rapportarsi alle cose. “Renzi suona sempre lo stesso spartito, ma non si è accorto che la musica è cambiata, che non siamo più all’epoca delle primarie contro Bersani, quando l’ex sindaco era lanciato alla conquista del partito, e nemmeno nei mesi del referendum costituzionale. Lo scenario è completamente cambiato. Occorre un’evoluzione: Matteo deve far percepire agli italiani di essere diverso, più serio, concreto, affidabile. E riservato. L’eccesso di polemiche e comunicazione ha stufato noi, figuriamoci i cittadini. Bisogna dare risposte ai problemi e non rincorrere i grillini sull’ultimo tweet. Se non si cambia, alle urne c’è il rischio di trovare brutte sorprese”, conclude il parlamentare piddino. Ma nemmeno, aggiungiamo noi, dare l’idea di un gruppo di potere intento ad aiutare solo le banche amiche o a piazzare i fedelissimi nei posti chiave. Il test delle amministrative di giugno, a questo punto, sarà fondamentale per misurare lo stato di salute del renzismo nel nostro Paese.

TAG: alleanze, campagna elettorale, elezioni, governo, legge elettorale, Matteo Renzi, Pd
CAT: Partiti e politici

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. silvia-bianchi 6 mesi fa
    L'impressione è che Renzi, una volta fallito il suo progetto di riforme istituzionali (le uniche su cui abbia mai avuto le idee davvero chiare) non abbia più un vero obiettivo da perseguire e per questo navighi a vista peggio di prima, con l'unico intento di tornare in sella
    Rispondi 1 0
  2. mario-bosso 6 mesi fa
    Un milione di posti di lavoro e dentiere gratis per tutti...
    Rispondi 1 0
  3. marco-baudino 6 mesi fa
    Si ride per non piangere. Scrive bene il sig Bosso, scrive meglio Gianluca quando si riferisce alla politica economica e industriale: dov'è? Ma dov'è in generale, nei programmi di tutti i partiti, attenti come sono solo a punzecchiarsi uno contro l'altro. E ha ragione Silvia, finito il progetto di riforme istituzionali, che dovrebbe essere ripreso e rivisto in ottica di necessità di cambiamento e snellimento, non si vedono nuovi obiettivi chiari. Continuo a ripetere, alla luce di quello in cui opero e di cui mi occupo nella difficile introduzione di soluzioni di nuova economia circolare, che l'unico modo di costruire qualcosa per l'Italia sarebbe di concentrarsi verso una politica economica sostenibile e una politica industriale capace di iniziare un ciclo strutturale di sistemi di produzione nuovi per impianti e prodotti nuovi, tutti nei principi di sostenibilità etica ambientale ed economica. Risolutore dei problemi, con la prevenzione della produzione dei rifiuti abolendo l'uso e l'abuso della plastica, sfruttare gli scarti organici per produrre energia pulita, impostare un sistema che ridia vita all'Italia. Con la creazione di posti di lavoro nuovi e utili proprio per incanalarci verso una nuova economia sostenibile. Una attività rivolta a risolvere i problemi e dare opportunità di crescita e prosperità sarebbe l'unica da inserire in un programma politico serio. Che non vedo. Vedremo. Ma le virtù dell'Italia oggi sono nella politica?
    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...