Intesa Sanpaolo On Air lancia il primo calendario dell’avvento sui podcast

:
1 Dicembre 2022

Il piacere dell’attesa, il fascino della scoperta, in attesa del Natale: il Calendario dell’Avvento è questo. Intesa Sanpaolo On Air quest’anno ha deciso di creare il suo. Nel mondo podcast si tratta di una novità.

Ogni giorno, dal primo dicembre fino alla Vigilia di Natale, un’imperdibile storia tutta da scoprire per accendere l’incanto delle feste come quando eravamo bambini, rinnovando e reinterpretando proprio una delle tradizioni più golose del Natale.

Dall’1 al 24 dicembre sarà possibile aprire una nuova casella del calendario digitale su Instagram, LinkedIn, Amplify, sul sito del gruppo e su Spotify. Nel corso dei 24 giorni sarà così possibile riascoltare 24 episodi dei podcast e le voci di Intesa Sanpaolo On Air come Samantha Cristoforetti, Steve Della Casa, Dario Fabbri e molti altri. Intesa Sanpaolo On Air è una raccolta di voci, storie, idee su futuro, sostenibilità, inclusione, ma anche un luogo di ascolto privilegiato del panorama culturale.

In particolare il 3 dicembre, Giornata della disabilità, si aprirà il primo episodio del podcast sul Glossario Le parole giuste – Media e persone con disabilità, una guida (realizzata dall’ufficio stampa per trattare in modo corretto e rispettoso i temi della disabilità).

«Siamo partiti nel 2020 con la piattaforma podcast e abbiamo realizzato oltre 1500 episodi. Il tutto è partito in pieno lockdown. La nostra è una produzione corposa. Ci siamo inventati un calendario digitale dove ogni giorno apriremo una casellina con un episodio speciale da ascoltare. L’episodio del giorno lo lanciamo su Instagram. I nostri podcast sono stati ascoltati da 8 milioni e mezzo di persone ed è bello poter offrire ogni giorno una parte di questi racconti a tutti», commenta Federica Lupoli, responsabile comunicazione social e nuove piattaforme social di Intesa Sanpaolo.

 

 

 

TAG: Intesa Sanpaolo On Air
CAT: Banche e Assicurazioni

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. andrea-lenzi 2 mesi fa

    l’idea sarebbe anche carina, ma occorerebbe separarla dall’avvento, poichè la superstizione cattolica ha creato e crea danni materiali ed infelicità alla società civile:
    il cristianesimo è il vettore principale di omofobia e maschilismo in occidente, ed impedisce leggi civili come l’eutanasia ed il matrimonio egualitario.
    A causa dello strapotere religioso, inoltre, lo stato laico, a causa di berlusconi e della destra cattodemente, paga le pensioni ai preti (fondo INPS CLERO già in passivo di 2 miliardi), paga 1,2 miliardi ai 13.800 insegnati di religione assunti senza concorso ed esenta la chiesa dal pagare IMU sulle sue attività commerciali (4 MILIARDI anno).
    Questo schifo non finirà se continueremo a festeggiare ecenti religiosi, invece di Falcone e Borsellino o la giornata della tolleranza

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...