Nba al via ma Air Jordan rovina la festa

:
16 ottobre 2017

“You’re going to have one or two teams that are going to be great, and another 28 teams that are going to be garbage”. (Andiamo verso una o due grandi squadre e altre 28 che saranno spazzatura). Michael Jordan con questa frase rovina la festa all’Nba alla vigilia della stagione che parte martedi notte con due grandi sfide come Cleveland-Boston e Golden State-Houston.

Jordan è oggi proprietario di una squadra abbastanza mediocre, i Charlotte Honets, che quando va bene entra nei playoff per essere eliminata al primo turno e più spesso non arriva alla post-season, ma il suo ragionamento ha creato molte discussioni. Negli ultimi tre anni la finale è sempre stata la stessa: Golden state-Cleveland e solo un paio di partite miracolose di James e Irving hanno evitato che tutti i tre titoli finissero a San Francisco.

Jordan però sottovaluta che le grandi rivalità, Lakers contro Celtics su tutte, aiutano il business con grandi ascolti tv e mega contratti e nessuno può impedire a qualche giocatore, che magari ha già guadagnato grandi cifre, di accettare di prendere meno di stipendio (tanto si rifanno con i contratti pubblicitari) pur di giocare nei superteam.

Il vero problema è che 30 squadre sono troppe come sono troppe 82 partite l’anno ma ‘business is business’ e il contratto da 20 miliardi di dollari in 9 anni per i diritti televisivi solo per gli Stati Uniti sembra dare ragione all’Nba.

Sul piano sportivo questa stagione appare forse più equilibrata dell’anno scorso, Cleveland ha perso Irving che è andato a Boston e non è detto che arrivi sicuramente in finale a Est e oltretutto Lebron è in scadenza di contratto. Per lui tutti pronosticano una fine di carriera a Los Angeles nel tentativo di far risorgere una squadra che non si è mai ripresa dall’addio di Kobe.

Ad Ovest i Warriors sono sempre favoriti ma Houston si è rafforzata prendendo Chris Paul e c’è qualche squadra ostica, a partire da Minnesota e Oklahoma, oltre ai sempre pericolosi San Antonio Spurs, anche se gli anni passano e Leonard è sempre più solo. Tra le altre squadre da tener d’occhio ci sono Philadelphia, Milwaukee, Washington, Denver e i Clippers di Gallinari che possono fare una buona stagione.

 

Immagine di copertina tratta da kicksonfire

TAG: Air Jordan, basket, basket nba, nba
CAT: Basket

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...