La tranquillità dei cretini

:
9 Ottobre 2022

“È lo slogan pubblicitario per viaggi di gruppo di un’agenzia turistica americana, che dice, come se invitasse ad andare a vedere immediatamente un musical che resterà in programma solo per un paio di giorni: «You better book your trip to Europe soon», perché infatti questa raccomandabile meta di vacanze domani potrebbe essere già scomparsa dalla scena.
Nella storia della pubblicità per viaggi questo slogan rappresenta una première, in quanto si invita già ora alla visita di future rovine che oggi stanno ancora in piedi come edifici; mentre prima, invece, ci si limitava ad invitare ad andare a visitare le odierne rovine di costruzioni antiche”

Il mondo dopo l’uomo. Tecnica e violenza
Günther Anders

 

L’allegria demenziale che promana dai media si mescola al cinismo inarrivabile con cui viene elargita l’informazione e, aggiungendovi il grottesco, rende la situazione ancora più sinistra. La parola ipocrisia si mostra in questo caso inadeguata e ne servirebbe una nuova per sondare gli abissi che quella non è nemmeno in grado di sfiorare. Basta accendere la tv per assistere all’apoteosi della imbecillità spacciata per eroismo e della criminalità contrabbandata per aiuto umanitario, sfogliare un giornale per capire fino a che punto un padrone onnipotente possa indurre i servi perfino all’autolesionismo, dare un’occhiata al web per godersi la fiction in streaming degli ultimi giorni dell’umanità. Le ridanciane kermesse televisive – giochi a premi, scherzi, ricette di cucina, consigli per gli acquisti, gossip e schitarrate – proseguono 24 ore su 24, interrotte di tanto in tanto da un telegiornale che, tra una notizia sulla laboriosa esistenza dei reali d’Inghilterra e un aggiornamento sull’ultima attrice che s’è tagliata le doppie punte “a sostegno di…” ci comunica che siamo sull’orlo di una guerra nucleare che nessuno ha la minima intenzione di fermare perché fermarla non è nell’interesse del padrone che, dall’altra parte dell’oceano, ci guarda benevolo e severo. L’Europa potrebbe essere cancellata dalla faccia del pianeta ma, fino a quando Hollywood rimane al suo posto, il problema non si pone. Si spegne la tv e si va a fare la spesa spendendo il doppio di quello che si spendeva prima acquistando le stesse cose ma non fa niente perchè, sempre in tv, ci hanno spiegato che bisogna fare sacrifici per il signor Zelensky e per i suoi compagnucci di merenda. Quegli eroi infatti non lottano soltanto per la libertà degli ucraini di farsi derubare e affamare da loro ma anche per la libertà del nostro padrone di continuare a fare il padrone e sfruttarci in tutta tranquillità. E la cosa spaventosa è che, oltre ad andare a fare la spesa in un supermercato, non ci è concesso di fare altro che cambiare programma per guardare e sentire le stesse cose, visto che le trasmettono a reti unificate. Oppure andarcene a dormire aspettando che si decida a colpi di missili nucleari e sulla nostra testa chi deve vincere la mano di poker tra un’accolita di criminali che siede nella parte occidentale del tavolo – giocando la sua partita alle spalle di un clown imbecille ma strapagato – e un autocrate non meno criminale che siede nella parte orientale. Sotto il tavolo quella bagascia che chiamano Europa fa i pompini gratis a tutti. Chiunque vinca noi perdiamo. Anzi abbiamo già perso. Ne consegue un’indifferenza diffusa e impressionante che ricorda quella degli zombie che vanno avanti senza sapere dove vanno né perché; fino a quando non finiscono in fondo alla scogliera sfracellati e il mare se li porta. Tanto le cose veramente importanti permangono: cada grandine o missili nucleari la pausa pubblicitaria andrà in onda come da contratto. Già ora la trasmettono tra una bomba e l’altra…ma continueranno a farlo attraverso le ceneri radioattive fino a quando ci sarà un Mentana ad annunciarla in diretta. Dopo si provvederà in loop. L’impassibilità nella quale ci crogioliamo potrebbe trarre in inganno ed essere scambiata per temerarietà. In realtà non ha nulla a che vedere con il coraggio e la cosa peggiore è che non ha nulla a che vedere neanche con quella incoscienza giovanile che può anche fare tenerezza o riuscire affascinante – siamo un popolo di vecchi e l’ardimento adolescenziale se lo sono mangiato le tarme. E’ piuttosto l’ottusa tranquillità del cretino che mentre la nave affonda se la spassa con lo yo-yo. Ma d’altra parte convincersi che questa umanità castrata, inebetita e ridotta a utenza meriti di sopravvivere – per quante attenuanti le si vogliano concedere – è terribilmente difficile…

TAG: #GuerraRussiaUcraina, Cultura, Facebook, giornalismo, italia, politica, Unione europea
CAT: costumi sociali, società

3 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. massimo-crispi 4 mesi fa

    Io sono d’accordo con lei. Ma cosa si può fare? Io non ho, come molti di noi vecchi, come lei dice, le energie (né i soldi) per fare il terrorista e mettere fine a questa farsa tragica. Cosa si può materialmente fare?

    Rispondi 0 0
  2. ugo-rosa 4 mesi fa

    Io sono un vecchio scriba e scrivo.
    E’ quasi nulla? Lo so benissimo.
    Ma è anche tutto quello che posso e che so fare.

    Rispondi 0 0
  3. massimo-crispi 4 mesi fa

    scriveremo in due, anche se purtroppo è poco in un mondo che non legge

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...