Smart-working un anno dopo: gli “entusiasti” sono sempre di più

26 Aprile 2021

Quest’anno di lavoro da casa  ha prodotto un cambiamento a lungo termine tutto ancora da inventare, con nuovi format ibridi che incrocino forme diverse di presenza, a partire dall’imprescindibilità del rapporto dal vivo. Oggi più che mai le relazioni in azienda, motore immobile di ogni salto evolutivo, possono e devono essere ripensate. Diventa fondamentale porle al centro del sistema dei bisogni non solo in ottica design thinking, sul dove e sul quando, ma anche e soprattutto in funzione di una crescita autentica e di qualità.

Sette smartworker su dieci lavorano da casa da più di un anno (il 69.4%), cioè dal primo lockdown che è seguito allo scoppio della pandemia. Tra gli smartworker aumenta significativamente la quota degli entusiasti, a fronte di una soddisfazione complessiva stabile e che tiene conto della valutazione positiva sia delle condizioni lavorative sia dei nuovi equilibri di work-life balance. Conseguentemente anche la propensione a lavorare in futuro da casa cresce significativamente e raddoppia nell’arco di quest’anno.

Lo smartworking viene ritenuto ormai da un terzo degli italiani che lavora da casa una modalità lavorativa del tutto o quasi paragonabile al lavoro in sede, cioè un modo di lavorare efficiente ed efficace. I giudizi positivi crescono sensibilmente se si considerano donne e 35-54enni.

A distanza di un anno, i limiti dello smartworking sono individuati in maniera sensibilmente diversa. Rientrano le preoccupazioni legate agli aspetti strumentali tecnologici e all’accesso informativo (archivi, documenti, ecc.), segno che gli italiani si sono attrezzati e abituati a lavorare da remoto
Aumenta la percezione della difficoltà di gestire le relazioni personali con colleghi, clienti, fornitori e delimitare i tempi della giornata lavorativa, con la deriva note della disponibilità continua.

 

TAG:
CAT: lavoro dipendente

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. valeria.minria 2 settimane fa

    A causa del COVID-19 ho perso tutto e grazie a dio ho ritrovato il mio sorriso ed è stato grazie al signore Pierre Michel, che ho ricevuto un prestito di 65000 EURO e due miei colleghi hanno anche ricevuto prestiti da quest’uomo senza alcuna difficoltà. È con il signore Pierre Michel, che la vita mi sorride di nuovo: è un uomo semplice e comprensivo. Ecco la sua E-mail : combaluzierp443@gmail.com

                    Ecco la sua E-mail : combaluzierp443@gmail.com    

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...