S.A.V.E.: il camion dell’educazione finanziaria arriva a Roma

:
11 aprile 2019

Dopo 6 mesi di viaggio, 22 città e 10 mila ragazzi incontrati, si conclude oggi a Roma S.A.V.E. (Sostenibilità, Azione, Viaggio, Esperienza), progetto itinerante di educazione finanziaria e alla sostenibilità per le scuole, ideato da Museo del Risparmio, EIB Institute e Scania, e sostenuto da Intesa Sanpaolo.
Partito nell’ottobre 2018 da piazza Castello a Milano, il tour ha attraversato 8 diverse regioni dell’Italia centrale e meridionale (Marche, Umbria, Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Basilicata e Lazio), per concludersi oggi a Roma presso l’area del Foro Italico.

A bordo del Discovery Truck, un veicolo Scania di ultima generazione allestito come un piccolo Museo del Risparmio, si sono svolte le attività volte a trasmettere ai più giovani le conoscenze alla base dell’alfabetizzazione finanziaria, con l’obiettivo di favorire l’acquisizione di comportamenti virtuosi da parte dei cittadini di domani. Ed è gia in cantiere la prossima edizione, per raggiungere anche le Isole.

Fra le città toccate dal tour L’Aquila, ancora segnata dal terremoto ma in piena ricostruzione, e Isernia, dove, nonostante le rigide temperature e la nevicata abbondante, la partecipazione è stata calorosa. Il truck ha avuto anche la fortuna di fare tappa nella bellissima Matera, Capitale Europea della Cultura per il 2019, e a Caserta, nella splendida cornice della famosa Reggia vanvitelliana.

L’iniziativa ha permesso di sensibilizzare oltre 10.000 studenti delle scuole primarie e secondarie, proponendo percorsi multimediali e laboratori ludici sul tema della scarsità delle risorse e sulla gestione responsabile del denaro. Hanno aderito alle tappe del tour oltre 100 istituti scolastici, di cui il 30% rappresentato da scuole elementari e medie, e il 70% da scuole superiori, grazie alla collaborazione degli Uffici Scolastici Regionali.
All’interno del Discovery truck gli studenti sono stati coinvolti in un percorso della durata di circa due ore e mezza, che li ha resi protagonisti attivi nel processo di apprendimento. Particolare successo hanno rivestito i giochi: i più piccoli si sono cimentati nel Recuperino, per mettere in pratica i principi dell’economia circolare, mentre i più grandi si sono sfidati nel quiz a squadre Giramondo, con l’obiettivo di progettare il viaggio sostenibile ideale.
La conduzione delle attività didattiche è stata affidata a giovani studenti universitari in Economia, appositamente formati, che hanno saputo trasmettere i contenuti con approccio giocoso e linguaggio semplice e informale.

L’esperienza non si è fermata al Discovery Truck: una volta rientrate a scuola, le classi sono state invitate a realizzare un lavoro creativo sul tema della sostenibilità ricevendo in cambio un albero a distanza. Attraverso un’apposita piattaforma web, studenti e docenti potranno seguire la crescita del “proprio” albero piantato da un contadino in un luogo vicino o lontano del mondo. La foresta S.A.V.E. contribuirà alla crescita di diverse comunità locali e permetterà ai ragazzi di sentirsi parte attiva nel processo di miglioramento del pianeta.
Visti l’entusiasmo e la positività con cui il S.A.V.E. Discovery Truck è stato accolto dagli istituti scolastici e dalle amministrazioni comunali di ciascuna delle città toccate, è in corso di valutazione la prosecuzione del tour con una seconda edizione nel 2019-20.

“Siamo orgogliosi di aver dato vita a questa iniziativa insieme ai nostri partner – ha detto Gian Maria Gros-Pietro, Presidente Intesa Sanpaolo. – Ci ha permesso di passare dalla teoria alla pratica e di coinvolgere un elevato numero di persone, di giovani in particolare, nella riflessione sulla sostenibilità a tutto tondo. L’educazione alla gestione consapevole del denaro aiuta ad affrontare la vita senza spreco e pensando al futuro. Il concetto di risparmio che vogliamo condividere con i ragazzi non ha niente a che fare con l’avarizia, al contrario deve essere inteso come sinonimo di progetto per il nostro domani. Se con le attività di SAVE riusciamo a riportare l’orizzonte delle scelte sul lungo termine avremo fatto molto sia per gli individui che per società”.

“Abbiamo partecipato con grande entusiasmo a quest’iniziativa che ci ha consentito di coinvolgere moltissimi giovani rendendoli partecipi dei profondi cambiamenti a cui stiamo assistendo. Le nuove generazioni svolgono un ruolo determinante nel mettere in atto un vero e proprio cambiamento verso un futuro sostenibile: ecco perché siamo costantemente impegnati nel promuovere progetti che hanno l’obiettivo di educare e sensibilizzare i giovani ai temi della sostenibilità”, ha evidenziato Franco Fenoglio, Presidente e Amministratore Delegato di Italscania. “SAVE è un esempio concreto del fatto che lavorando insieme a partner che condividono i nostri stessi valori in ambito sostenibilità possiamo passare dalle parole ai fatti ed accelerare il cambiamento verso un futuro sostenibile”.

Dario Scannapieco, Vice Presidente Banca Europea degli Investimenti ha dichiarato: “Sono orgoglioso che il gruppo BEI, attraverso l’EIB Institute, abbia partecipato attivamente a questa iniziativa. È un progetto importante che dimostra come l’Europa possa essere e sia effettivamente
vicina ai suoi cittadini, ai suoi ragazzi, anche nel momento cruciale della formazione scolastica.
Viviamo oggi in un mondo sempre più complesso, dove competenze in materia economica e finanziaria devono far parte del bagaglio culturale dei giovani europei i quali, nel giro di pochi anni, avranno responsabilità crescenti. Con il progetto SAVE ci muoviamo nella giusta direzione: è
veramente una bella storia europea”.

 

TAG: banche, Bei, Dario Scannapieco, Franco Fenoglio, gian maria gros-pietro, intesa sanpaolo, Museo del risparmio, S.A.V.E
CAT: gestione del risparmio

Nessun commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

CARICAMENTO...