altro che Kapò: Schulz difenderà l’Europa

:
5 Febbraio 2017

Nella Quinta legislatura del Parlamento Europeo (PE) c’erano italiani illustri. Da Giorgio Napolitano a Ciriaco De Mita, Casini e altri. Quando, nel luglio del 2003, si insediò Berlusconi come Presidente del Consiglio di turno dell’UE, unitamente ad alcuni pochi (Cossutta, Bertinotti, Rutelli, Di Pietro) toccò ad un giovane deputato della SPD tedesca, Martin Schulz, allora aveva 48 anni, muovere l’accusa che milioni di europei sentivano di dover lanciare: Conflitto d’interessi! Anche gli svedesi mossero la medesima accusa. Olle Schmidt, svedese, disse: “ Il suo stesso ruolo di proprietario di mezzi d’informazione in Italia ha permesso al governo di dettare il contenuto sia della stampa privata che della televisione pubblica. Si tratta di uno sviluppo assai preoccupante, che riguarda l’intera Unione europea e che non sarebbe mai stato accettato se si fosse verificato in qualsiasi nuovo Stato membro dell’Unione. La triste domanda che dobbiamo ora porci è se l’Italia sia un paese che soddisfa i criteri politici di Copenaghen».

Quell’accusa cadde nel vuoto, allora ed oggi stesso, ma Martin fu oggetto di un violento attacco allusivo ai “Kapò” che gli lanciò Berlusconi. Rispose con molta tranquillità. “ Il mio rispetto per le vittime del nazifascismo m’impedisce di fare qualsiasi commento al riguardo. Tuttavia, ho le idee molto chiare sul fatto che è estremamente difficile accettare una situazione in cui un Presidente in carica del Consiglio, di fronte alla minima contestazione nel corso di un dibattito, perda a tal punto la padronanza di sé». E’ fatto così l’uomo: ironico fino al possibile sarcasmo ma sincero ed onesto!

Deciso e propositivo Martin Schulz ha una visione lucida di quello che dovrebbe essere l’Europa. Innanzitutto un’Europa ad unica velocità, non a due o tre velocità come adesso è evidente.  Con una politica, se non dichiaratamente  socialista, almeno con il cuore e non con l’euro; un’Europa dei popoli con una volontà politica di abbattere non solo le frontiere ma le barriere culturali tra paesi, come ad esempio quelle linguistiche.

Avvicinarsi alle esigenze delle classi più umili. Questo è sempre stato il suo dettame, nato forse anche dall’aver vissuto la contraddizione familiare di una madre di estrazione borghese, nella CDU, e di un padre poliziotto da famiglia di minatori.

Ha preso la palla al balzo, Schulz, nessuno meglio di lui può impersonare il ruolo di antagonista della Merkel, la donna di ferro della Rhur, la Cancelliera a constante difesa della BundesBank, la donna che impersona in salsa bavarese la Lady di ferro Margaret Thatcher.

Martin lancia dalla Westfalia, il suo Land, un messaggio preciso: un’Europa umana in cui cultura, rispetto e valori abbiano la precedenza su euro, moneta e mercati, un’Europa che ha bisogno di questo potenziamento, alla luce di quanto avviene al di là dell’Atlantico dove un Presidente sta ben travalicando le Reaganomics e si avvia a farci ricordare Ronald Reagan come un campione dei diritti sociali e civili.

Questo giovane sessantenne è forse il più degno erede di Willy Brandt, l’uomo che in piena guerra fredda, osò promuovere la scandalosa Ost-Politik e gliela fecero pagare con un’accusa di spionaggio rivolta al suo collaboratore Guillame. Si aggiunga che, al momento, non si intravedono personalità politiche capaci di spezzare quella tenaglia che da Mosca e Washington si spinge per ridimensionare l’Europa: si badi bene, non solo l’euro ma i valori sociali e culturali del vecchio continente.

In Germania esistono milioni di cittadini,italiani di origine, pronti a votarlo, diamogli una mano!

TAG: europa, Germania
CAT: Istituzioni UE, Politiche comunitarie

7 Commenti

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. mario-bosso 4 anni fa

    Ma mi faccia il piacere…

    Rispondi 0 0
  2. vincesko 4 anni fa

    La composizione quali-quantitativa dell’attuale Commissione europea Juncker, nettamente sbilanciata a favore del PPE e non rispondente ai risultati delle elezioni europee, ed il suo comportamento nella crisi della Grecia lasciano qualche dubbio.

    Rispondi 0 0
  3. aldo-ferrara 4 anni fa

    Caro Bosso come argomentazione politica mi sembra un pò carente….immagino che il suo vocabolario preveda qualche argomentazione in più….

    Rispondi 0 0
  4. mario-bosso 4 anni fa

    E secondo lei carissimo Ferrara c’è bisogno di argomentare più di quello che ho fatto io con “Ma mi faccia il piacere…” un articolo dove chi lo scrive ritiene che “SCHULZ DIFENDERÀ L’EUROPA”? Quale Europaaaa??…[1.Deciso e propositivo Martin Schulz ha una visione lucida di quello che dovrebbe essere l’Europa. Innanzitutto un’Europa ad unica velocità, non a due o tre velocità come adesso è evidente. Con una politica, se non dichiaratamente socialista, almeno con il cuore e non con l’euro; un’Europa dei popoli con una volontà politica di abbattere non solo le frontiere ma le barriere culturali tra paesi, come ad esempio quelle linguistiche.
    Avvicinarsi alle esigenze delle classi più umili. Questo è sempre stato il suo dettame, nato forse anche dall’aver vissuto la contraddizione familiare di una madre di estrazione borghese, nella CDU, e di un padre poliziotto da famiglia di minatori. (Da libro Cuore). 2. Martin lancia dalla Westfalia, il suo Land, un messaggio preciso: un’Europa umana in cui cultura, rispetto e valori abbiano la precedenza su euro, moneta e mercati, un’Europa che ha bisogno di questo potenziamento…] Ma dov’era il buon Martin in tutti questi anni quando si perpetrava il disastro cui oggi tutti assistiamo? Io non l’ho mai sentito pronunziane una sola sillaba di quelle belle parole che oggi lei elogia, magari mi sono distratto!! Ah se fa una ricerca troverà (pare) che a Schulz piaccia anzi SIA uno dei suoi libri preferiti Il Gattopardo da Giuseppe Tomasi di Lampedusa (beh certi dubbi vengono sempre fugati) e come se non bastasse (pare) che in passato abbia avuto anche problemi di alcolismo… deve essere una costante di buon curriculum su a Bruxelles per fare il Presidente di qualche cosa visto che l’altro Presidente J.C.J non pare proprio che lo sia ma lo è. Mi raccomando salviamola proprio QUESTA Europa!! Cordiali saluti. P.S. puddu1 pare sia felice… beato lui. :-)

    Rispondi 0 0
  5. marco-baudino 4 anni fa

    Caro Aldo Ferrara, non faccia come Fassino. Ha scatenato Mario Bosso che le ha sciroppato una bella disquisizione. L’Europa di Schulz? No grazie, preferisco Charlei Brown!

    Rispondi 0 0
  6. mario-bosso 4 anni fa

    Charlei Brown è sicuramente meglio di Schulz…. sciroppi compresi.

    Rispondi 0 0
  7. marco-baudino 4 anni fa

    ;-)

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...