Filippo
Cusumano

bio

Laureato in giurisprudenza, ha svolto ruoli di responsabile del personale in varie unità organizzative ed è stato responsabile della formazione manageriale e delle politiche di sviluppo in Telecom Italia. Vive a Venezia.

BIO

Ultimi commenti

Pubblicato il 12/05/2017

in: La violenza commessa da un profugo? Per Serracchiani è più grave

Condivido quello che dice Alfio Squillaci. Mi piace il termine reductio ad Salvinum. Salvini specula sulle insicurezze degli italiani, dilatando spesso la dimensione dei problemi che riguardano la gestione del problema dell'accoglienza. Ma ci sono due modi per affrontare quella insicurezza : il primo è negare che abbia fondamento, esibendo le statistiche dei reati commessi [...] in Italia che presentano un attenuarsi dei fenomeni di piccola criminalità. Il secondo è prendere atto che quella statistiche non servono a scalfire la paura e la diffidenza dei cittadini. Nel primo caso chi governa assume impropriamente il ruolo un po' paternalistico dell'educatore : "Voi avete paura, ma vi dico che vi sbagliate, fidatevi di me". Nel secondo caso chi governa prende democraticamente atto del prevalere di quel sentimento e cerca di dare delle assicurazioni concrete. Senza isterismi e atteggiamenti di stampo xenofobo, ma dimostrando che si applicano con rigore leggi e regolamenti. Sottolineare, come è accaduto in questo caso, che il diritto all'accoglienza o all'asilo non esonera dal rispetto delle leggi, fino al punto che nei casi più gravi, quell'accoglienza o quell'asilo possono essere negati, mi sembra appartenga alla seconda categoria di risposte. Immaginare che un governo di sinistra possa o debba darne di diverse è non solo sbagliato, ma anche controproducente per chi speri, come me, in una sinistra non condannata alla marginalità dal suo elitarismo.

Altro Chiudi
Pubblicato il 12/05/2017

in: La violenza commessa da un profugo? Per Serracchiani è più grave

Scusa, Federico Gnech, non c'è un accostamento retorico tra criminalità e migranti nelle parole di Serracchiani: ci sarebbe se avesse fatto considerazioni generali ed astratte sul collegamento tra i migranti e quel tipo di reato. Serracchiani parla di un caso concreto, non di tutti i migranti. E' chi ha generato quel caso concreto, cioè lo stupratore, [...] ad avere creato semmai un collegamento tra le due situazioni : è migrante ed ha commesso uno stupro. Il mettere insieme le due cose da parte della Serracchiani, in concreto e non traducendo il ragionamento in una generalizzazione, è una semplice constatazione della realtà. Ricordo poi a Silvia Bianchi che Serracchiani si è ben guardata dal dire che un immigrato ha obblighi morali superiori rispetto a quelli di chiunque altro. Ha solo sottolineato che l'accoglienza non si realizza "a prescindere". Ovviamente una differenza c'è tra lo stupratore italiano e lo stupratore richiedente asilo : tutti e due vanno in galera ( e spero ci stiano per anni) , ma quello italiano, una volta uscito di galera non viene espulso, l'altro sì. Sperare che le cose vadano così è razzismo o buon senso? Evidenziarlo, come ha fatto la Serracchiani è un'ovvietà, come io penso, oppure qualcosa di indicibile ?

Altro Chiudi
Pubblicato il 11/05/2017

in: La violenza commessa da un profugo? Per Serracchiani è più grave

A me sembra che Serracchiani abbia detto una ovvietà : che un richiedente asilo che abbia commesso un atto del genere non solo deve essere punito, ma anche scordarsi, una volta scontata la pena di restare in Italia. Questo vuol dire assolvere " per differenza" gli stupratori nostrani? Oppure - ripeto- enunciare una [...] ovvietà?

Altro Chiudi
Pubblicato il 11/05/2017

in: La violenza commessa da un profugo? Per Serracchiani è più grave

Certo che uno stupro deve essere condannato senza se e senza ma. Ma un rifugiato che commette un atto del gesto merita di essere condannato due volte : perchè l'atto è odioso e ripugnante e perchè "segna un punto" per chi fa propaganda xenofoba. Rimarcare il fatto che chi si è reso responsabile di quell'atto sia un [...] richiedente asilo è semplice buon senso, constatazione di un fatto significativo. Ogni altra interpretazione è puro contorsionismo logico.

Altro Chiudi
CARICAMENTO...