Genova, breve storia di un progetto

7 Settembre 2018

Ricapitolando:

  • Crolla un ponte, improvvisamente, lungo un’arteria di traffico importantissima;
  • Muoiono decine di persone;
  • Dopo un paio di settimane un professionista iscritto ad albo ottiene un colloquio con un amministratore pubblico, governatore di regione;
  • Il professionista offre, gratuitamente, un concept di progetto, corrispondente ad una parcella che potrebbe variare da poche migliaia di euro (grazie Bersani!) a parecchie centinaia di migliaia di euro;
  • Dopo pochi giorni il professionista viene incaricato, per il tramite della stampa, di realizzare il progetto presentato;
  • Il professionista rientra in un team di progettisti/costruttori, individuato senza un’evidenza pubblica, ma solo attraverso le parole di un ministro;
  • Il ritorno economico per il professionista, anche senza accettare un adeguato compenso diretto, è incalcolabile;
  • Il professionista è un senatore della Repubblica, a vita.

 

  • Durante la presentazione ufficiale del progetto, il plastico crolla, distruggendosi.

 

 

Immagine di copertina

TAG: genova, Ponte morandi, Renzo Piano, Riccardo Morandi
CAT: infrastrutture e grandi opere

Un commento

Devi fare per commentare, è semplice e veloce.

  1. flavio.pasotti 2 anni fa

    avrei detto anche di peggio: che ad esempio Renzo Piano candidamente ha detto pubblicamente di essere stato chiamato dal sindaco e dal presidente della regione (affidamento diretto ?), che ha donato il lavoro 8c’è una norma anche su queste donazioni) e che sotto le macerie è rimasta la procedura dei bandi pubblici. ma ormai nulla ha un senso.

    Rispondi 0 0
CARICAMENTO...